Tutto il resto non è vita, ma tempo. Il tempo si butta via, la vita si vive. Seneca

> Home > Eventi a Milano del 03-03-2016 > Musica e Spettacoli > CHI AMA BRUCIA discorsi al limite della Frontiera

CHI AMA BRUCIA discorsi al limite della Frontiera

CHI AMA BRUCIA discorsi al limite della Frontiera

 

 

L'indigeno è l'essere chiuso in un recinto
F. Fanon

Da qui.
Dalla città fantasma dentro la città reale.
Dal C.I.E. - Centro di Identificazione ed Espulsione per stranieri; in Italia mezzo milione di persone vi sono passibili di internamento fino a 18mesi. I clandestini, una categoria che questo luogo serve a creare e che non esiste se non in relazione a questo luogo.
Il Campo crea e rinomina attraverso le sbarre i corpi delle persone che confina; c'è un destino nell'assegnazione di uno spazio. La Crocerossina in uniforme d'accoglienza ci guida dentro il suo campo da gioco, danza paternalista i turni, canta chiusa in ufficio, dalla radio le voci dei prigionieri. Un viaggio dentro il Campo, le sue regole e il suo linguaggio orwelliano, dentro uno sguardo ravvicinato e miope sull'altro.
Il Campo introduce nello spazio civile della città un'eccezione inquietante e antica: le persone vi sono recluse non per qualcosa che hanno fatto ma per qualcosa che sono.

“Chi ama brucia” nasce dal desiderio di Alice Conti di dare corpo e rendere pubblico il materiale della ricerca da lei stessa condotta nel 2012 sul Centro di Identificazione ed Espulsione per stranieri di Torino. Un monologo-intervista ai diversi personaggi che Alice ha realmente incontrato nel corso della sua inchiesta che affronta a viso aperto la scandalosa questione dei C.I.E., senza giungere a soluzioni semplicistiche, ma restituendo con spietata lucidità la complessità delle dinamiche psicologiche e politiche che intessono la faccenda.

Giovedì 3 SERATA SPECIALE: apriamo i quattro giorni di repliche con il reading di Livia Grossi “Una storia di resistenza al femminile. Maria, rifugiata politica” tratto da un'intervista realizzata al Centro delle Rifugiate Politiche di Milano dalla giornalista del Corriere della Sera. Un viaggio tra parole e musica che s’interroga sull’identità individuale e pubblica, sull’informazione e la sua reale condivisione.

CHI AMA BRUCIA
Discorsi al limite della Frontiera

Di Ortika
In scena Alice Conti
Testo Chiara Zingariello
Drammaturgia Alice Conti e Chiara Zingariello
Scenotecnica Alice Colla
Musiche Elia Pedrotti
Costumi Eleonora Von Duse
Assistenza scene Giuseppe Cipriano
Assistenza produzione Valeria Zecchinato
Assistenza video Giuseppe Glielmi
Riprese video Luigi Zoner
uno spettacolo di Ortika,
una produzione Trento Spettacoli
con la complicità di: Spazio Off – Trento, Scenica Frammenti – Lari, Teatro Sociale Gualtieri – Reggio Emilia, LAB121 - Milano, CAP10100, Cavallerizza Reale Liberata, La Tana, Lapsus, Circolo Oltrepo' – Torino, Artea – Rovereto

Selezione Premio Dante Cappelletti 2013, Roma
Vincitore Anteprima 2014, (PI)
Menzione giuria Scandalo! 2014, (BZ)
Vincitore Festival Direction Under30 2014, (RE)
Vincitore Premio Nazionale Giovani Realtà del Teatro – Giuria Giornalisti 2014, (UD)
Vincitore 2015 Bando 20 30, (BO)
con il patrocinio di Amnesty International

“Nel 2012 ho condotto una ricerca antropologica sul Centro di
Identificazione ed Espulsione per stranieri di Torino – C.I.E. – i cui risultati sono stati pubblicati nella mia tesi di laurea specialistica. Da tempo mi affascina l'idea che la ricerca scientifica debba trovare il modo di comunicare, di rivolgersi ad un vero pubblico. Inoltre penso che il teatro debba nutrirsi di ciò che realmente accade nel mondo,della contemporaneità, e abbia il dovere illuminarne gli angoli scuri. Allo stesso tempo mi sembra che il teatro (che intendo come ricerca sull'umanità), abbia bisogno e debba avvicinarsi il più possibile ad una scienza, al suo tentativo metodologico di onestà ed esattezza, o perlomeno debba tentare di dire delle cose “vere”. Da questa consonanza e dalla necessità di dare corpo ad un materiale che sento il dovere di rendere pubblico nasce il progetto di spettacolo: “Chi ama brucia. Discorsi al limite della Frontiera”
un monologo-intervista a diversi personaggi tra cui la Crocerossina, la Garante e l'Ospite/ gli esuli – che ho realmente incontrato e intervistato durante la ricerca. Il loro discorso si sviluppa intorno al C.I.E. che nella trasposizione teatrale chiameremo Campo.”
Alice Conti

ORTIKA
GRUPPO TEATRALE NOMADE
Nasce dalla collaborazione artistica e umana tra Alice Conti- ideatrice, regista e performer- Chiara Zingariello - scrittrice, antropologa e drammaturga- Alice Colla - disegnatrice luce- Eleonora Duse - costumista- Greta Canalis - artista e restauratrice di bambole - e Valeria Zecchinato - assistente di produzione. Ortika è un gruppo informale di affinità, dal 2011 produce lavori teatrali e perforativi che reinterpretano la contemporaneità in chiave fisica, musicale e tragicomica.

https://www.facebook.com/chiamabrucia?fref=ts
Chi ama brucia. Discorsi al limite della Frontiera

UNA STORIA DI RESISTENZA AL FEMMINILE
Maria, rifugiata politica

Reading di e con Livia Grossi
Regia di Gigi Gherzi
Musica in scena di Andrea Labanca

Il palco come una pagina di un giornale con musica dal vivo e la giornalista che 'dice il pezzo' guardando negli occhi il lettore.
In scena una storia di resistenza al femminile tratta da un'intervista realizzata al Centro delle Rifugiate Politiche di Milano da Livia Grossi, giornalista del Corriere della Sera.
Protagonista Maria, giovane madre arrestata con l'accusa di terrorismo, liberata in seguito alla sua riconosciuta innocenza dopo 8 anni di carcere. Una testimonianza che dichiara la vittoria di una donna che non ha mai perso il coraggio e la fiducia in se stessa e nella Giustizia. Una storia di abuso di potere che supera confini geografici e temporali: c'è un inserto importante sulla Milano del 1978, l'anno del sequestro Moro. Il reading fa parte di un reportage teatrale dal titolo " Nonostante voi. Storie di Donne Coraggio" . Un lavoro che indaga sul valore della donna come individuo, il diritto di esistere e il prezzo che si paga. Un viaggio tra parole e musica che s’interroga sull’identità individuale e pubblica, sull’informazione e la sua reale condivisione.

LIVIA GROSSI
Giornalista free lance, da oltre quindici anni collabora al Corriere della Sera occupandosi di teatro. La passione per il viaggio l'ha portata in Sud America, Albania e in Africa sub sahariana. E’ qui dove sono nati i suoi " Reportage Teatrali" . Dal viaggio-inchiesta sulle vergini giurate in Albania è nato " Diventare uomo" (in scena anche Lucia Vasini, Emanuela Villagrossi. Musiche di Gaetano Liguori). Tra Burkina Faso e Senegal ha realizzato “Ricchi di cosa e poveri di cosa?" , un reportage per parlare di teatro ed emigrazione in tempo di crisi, tra video, interviste e musica dal vivo (immagini di Emiliano Boga). Per " Sguardi Altrove" 2014, il debutto di " Due storie di resistenza al femminile" , realizzate in collaborazione con Gigi Gherzi, regista del progetto " Antigone nella città" , da cui è nata l'intervista realizzata alla Casa delle Rifugiate Politiche di Milano. I reportage teatrali, oltre ad aver avuto l'attenzione della stampa e del Tg3 nazionale, sono stati sul palco del Festival Internazionale Asti Teatro 2015 diretto a Pippo Delbono, e a Milano al Teatro No'hma di Livia Pomodoro, in Triennale, al chiostro del Piccolo Teatro e all'Accademia Filodrammatici.
http://www.liviagrossi.altervista.org/index.html

ANDREA LABANCA
Cantautore e performer, Andrea Labanca ha pubblicato " I Pesci ci Osservano" , selezionato come disco della settimana da Fahrenight (Radio RaiTre) nel 2010 durante la settimana di programmazione dedicata ai Rifugiati politici e condotta da giornalisti stranieri. Nel 2013 pubblica " Carrozzeria Lacan" , album ospitato il 4 ottobre dal Club Tenco a Sanremo. Nel 2013 inizia a collaborare con la giornalista Livia Grossi occupandosi di scrivere l'adattamento musicale dei suoi reportage teatrali.

Quando: 3, 4, 5, 6, Marzo

3 Marzo serata speciale: " Una storia di resistenza femminile" + " Chi ama brucia"

Orario di inizio: 20:45

Ingresso: 15 euro (intero), 12 euro (ridotto)

Infoline e prenotazioni: 02 5462155 - info@teatrodellacontraddizione.it - www.teatrodellacontraddizione.it

Dati Aggiornati al: 02-03-2016 10:52:21

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Alle 20:45 dal 03-03-2016 al 06-03-2016
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

nei seguenti giorni : Gio - Ven - Sab - Dom

Dove: Teatro della Contraddizione

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento