La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca (Martin Heidegger)

> Home > Eventi a Milano del 05-03-2014 > Mostre e Cultura > 5 Marzo, presentazione de: IL CONFINE...

5 Marzo, presentazione de: IL CONFINE OCCIDENTALE, di e con Michele Pellegrini

5 Marzo, presentazione de: IL CONFINE OCCIDENTALE, di e con Michele Pellegrini

 

 

Il confine occidentale. Dalla langue d'oc al movimento no tav. Oltre edizioni, Sestri Levante 2014, pp. 276.

Michele Pellegrini (1981). Laureato in Storia della Chiesa medievale e dei movimenti ereticali (2004), ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia del cristianesimo e delle chiese cristiane (2008); è archivista e paleografo. Autore di diversi studi di storia medievale e moderna, le sue ricerche guardano alle istituzioni ecclesiastiche e alla storia delle minoranze culturali e religiose con particolare interesse per l'Italia centro-settentrionale. Socio ordinario della Società Storica Lombarda e della Società Dalmata di Storia patria, è membro del Comitato scientifico della collana Téxnes - Editrice Leone.

Le terre ove da centocinquant'anni corre il confine tra Italia e Francia sono state per secoli altro: luoghi di passaggio, di incontro tra culture altre e identità religiose diverse, centro di una dominazione di Antico Regime che rimase per secoli uno Stato di passo con possedimenti di qua e di là dalle Alpi. Un mondo unito dalla lingua e dalla cultura: con un suo cuore che, nelle Alpi, tra Savoia e Piemonte, tra Haute Maurienne e Susa, fin dai secoli altomedievali, fu il Moncenisio; nel 1860 per la prima volta da lì fu fatta passare una frontiera che, presentata come necessaria, lineare e inevitabile, ha in parte lacerato e disperso questa comunità umana. Oggi mute testimoni di quel nuovo confine sono le innumerevoli " fortezze Bastiani" che vegliano malinconiche le vette italiane e francesi.
Per gli uomini delle valli del Piemonte occidentale la Francia fu terra di emigrazione e riferimento culturale, per divenire nemica con l'entrata in guerra dell'Italia fascista a fianco della Germania nel giugno del 1940. Il coup de poignard dans le dos fu causa delle dure richieste francesi alla fine della guerra che, inizialmente rivolte anche alla valle d'Aosta, portarono l'Italia a dover rinunciare a Briga e Tenda in seguito al trattato di Parigi del 1947.
Ormai da decenni i due Paesi hanno avviato progetti di cooperazione regionale che hanno portato nel 2007 alla firma del protocollo d'intesa per l'euroregione Alpi-Mediterraneo. Ciononostante rimangono aperte molte questioni, non ultima quella legata alla nuova linea ad alta velocità Torino-Lione che mostra criticità circa la reale necessità dell'opera e il suo impatto ambientale, tematiche in merito alle quali da vent'anni lotta il movimento No Tav.
Nella consapevole certezza che lo studio della storia, come insieme di domande cui rispondere con onestà intellettuale, di questioni da risolvere con spirito di verità, debba continuare ad esistere, intento di questo saggio è presentare tematiche complesse ed estremamente delicate ad un pubblico di non addetti ai lavori, poiché nonostante i tanti profondi e rapidi mutamenti avvenuti, tanto, troppo del passato continua ad essere iscritto nel nostro presente perché ci si possa prendere il lusso di ignorarlo.



Dati Aggiornati al: 25-02-2014 14:14:39

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Mercoledì 05-03-2014 alle 19:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: ZAM

Indirizzo: Via Francesco Olgiati 12 Milan

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento