...WikiEventi...per non annoiarsi mai!...

> Home > Eventi a Milano del 23-03-2014 > Musica e Spettacoli > Spettacolo teatrale " L'Orlandu"...

Spettacolo teatrale " L'Orlandu" @Ohib˛

Spettacolo teatrale " L'Orlandu" @Ohib˛

 

 

La Compagnia Rodomonte
con:
Fabrizio Bianchi
Matteo De Blasio
Francesco Errico
Paola Galassi
Lidia Piraino
Natalia Sangiorgio
Daniele Turconi

Ma di cosa parla L'Orlando Furioso? E di cosa vogliamo parlare noi?
Le donne, i cavalier, l'arme e gli amori..

I personaggi e le storie si intrecciano in un continuo incontrarsi e fuggire via. Che cosa li muove? C'Ŕ la guerra tra Cristiani e Mori. Ma cos'altro li spinge a vivere intensamente il loro incontro e a proseguire sempre in avanti, sempre al di lÓ, altrove?

Il pubblico viene accolto da due giullari che si pongono con semplicitÓ queste domande - di cosa parliamo, chi sono i personaggi, cosa ci interessa affrontare. L'attenzione dei due si focalizza su Astolfo. Abbiamo qui lavorato sulla mitica e sgangherata impresa di due narratori popolari che per raccontare la grandezza di un personaggio eccezionale non possono che incarnare un impresa altrettanto mitica: raccontare tutte le sue peripezie in tre minuti!
Ed Ŕ da questa immagine di immediatezza popolare e di spudoratezza tanto umana che abbiamo fatto nascere il genio dell'autore, che da qui prende vita, appare al pubblico e lo invita a seguirlo nel suo mondo...

FarÓ da guida, inviterÓ ad ascoltare le storie di guerrieri boriosi, principesse capricciose, amori traditi, amicizie immortali. Si lascerÓ prendere dai desideri delle sue creature per seguirle laddove le passioni umane superano la logica del racconto, lascerÓ ingarbugliarsi la matassa. E poi di tanto in tanto cercherÓ di ricollegare i fatti, pi¨ per poterli seguire da vicino che per amor dell'ordine.

Il lavoro dal punto di vista drammaturgico si Ŕ sviluppato in due momenti.
Uno di lavoro sull'incontro tra i personaggi, di racconto degli eventi, degli improvvisi proponimenti e cambi di rotta. Qui le scene sono ritmate, grottesche o drammatiche, parlano di intenti rapidi, pensieri acchiappati al volo e cavalcati, immediatezza e azione. Abbiamo lavorato mantenendo la struttura dei narratori popolari che entrano ed escono con semplicitÓ dall'immedesimazione.
E uno alla ricerca del fuoco di singoli personaggi. Qui l'anima dell'attore si apre e raccontandosi cerca il luogo dove pu˛ incontrare quella del personaggio, quali sono le parole che li accomunano, quali esperienze, quali desideri. Abbiamo cercato dentro di noi il luogo in cui le nostre piccole imprese quotidiane si allargano e divengono epiche e nei personaggi la semplicitÓ e l'umanitÓ che sta dietro alle grandi storie.

Il lavoro sullo spazio Ŕ molto importante per noi.
Lo spazio Ŕ vuoto, privo di scenografia. ╚ innanzitutto l'intera struttura che ci ospita. All'interno di essa ritagliamo una serie di spazi pi¨ piccoli in cui di volta in volta il pubblico incontra i personaggi. Il pubblico si dispone ai lati di uno stretto corridoio in cui si svolgono le azioni sceniche. Qui i personaggi " capitano" nel loro vagabondare nel poema e incontrano il pubblico.
Ci siamo obbligati in corridoi di dimensioni ridotte, a stretto contatto con gli occhi degli spettatori alla ricerca di una forma di comunicazione diretta.
L'allestimento povero e adattabile ci obbliga anche a instaurare una forte relazione con lo spazio concreto che ci ospita e a creare con esso e con il pubblico lo spazio teatrale dell'immaginazione poetica.
Gli spazi cosý creati sono le tappe del percorso che il pubblico fa con noi attraverso lo spazio-spettacolo. In questo modo evitiamo la rappresentazione e cerchiamo di accompagnare lo spettatore in un esperienza di viaggio.

La struttura itinerante dello spettacolo si sposa oltretutto con la struttura del poema Ariostesco.
Il lettore/spettatore Ŕ continuamente spostato sotto la guida dall'Autore dal peregrinare folle dei personaggi e si ferma ad osservarli nei luoghi ove gli eventi accadono.

Da ci˛ risulta che L'OrlandŘ Ŕ un viaggio mai uguale a sÚ stesso, che non va " fatto" nÚ " visto" ma vissuto insieme, condiviso.
Quello che si vuole proporre non Ŕ la rappresentazione in forma semplificata di un poema. ╚ piuttosto un'esperienza di incontro e di cammino tra poesia spazio attori e pubblico.

Dati Aggiornati al: 17-03-2014 11:46:07

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Domenica 23-03-2014 alle 20:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Associazione Culturale Ohib˛

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento