...Eventi per tutti, non solo per gli amici...

> Home > Eventi a Milano del 01-04-2014 > Musica e Spettacoli > Straccioni - Una storia recitata e cantata per...

Straccioni - Una storia recitata e cantata per tirar su due soldi -

Straccioni - Una storia recitata e cantata per tirar su due soldi -

 

 

di Tiziano Scarpa regia Carlo Roncaglia
DEBUTTO NAZIONALE

1 - 13 aprile TEATRO LITTA MILANO
TORINO (Teatro Gobetti, 16-17 aprile)
AVIGLIANA (Teatro Comunale Fassino, 18 aprile).

STRACCIONI
Una storia recitata e cantata per tirare su due soldi

di Tiziano Scarpa
regia Carlo Roncaglia
con Gaetano Callegaro, Enrico Dusio, Gianluca Gambino, Giovanna Rossi
pianoforte Alice Baccalini
musiche originali e arrangiamenti Enrico De Lotto, Carlo Roncaglia
testi delle canzoni Tiziano Scarpa
scene Guido Buganza
costumi Carola Fenocchio
disegno luci Fulvio Melli
staff tecnico Alessandro Barbieri, Ahmad Shalabi
con il contributo di Città di Torino, Provincia di Torino
con il sostegno di Sistema Teatro Torino e Provincia
produzione LITTA_produzioni, Accademia dei Folli



Dopo la fortunata messa in scena del Pluto di Aristofane, l'Accademia dei Folli compie un balzo temporale considerevole passando dal teatro classico alla drammaturgia contemporanea per parlare dello stesso tema: i soldi, la povertà, il malessere di un mondo agonizzante la cui unica cura è la fantasia, il sogno, l'utopia. Grazie al fortunatissimo incontro con Tiziano Scarpa, la Compagnia vuole scrivere un secondo capitolo di un dittico sul rapporto tra denaro e contemporaneità. Questa volta l'autore del testo è vivente, e ha deciso di collaborare attivamente con il regista e gli attori rimaneggiando e " ristrutturando" un testo mai rappresentato (sebbene edito da Effigie nel 2007).
Gli straccioni è una pièce che mette in scena povertà vecchie e nuove: nella sua prima versione è stata scritta a metà dello scorso de¬cennio, prima della crisi economica globale. La nuova versione, si immerge ancora più profon¬damente nella situazione di chi ha perso - insieme a una certa sicurezza economica - soprattutto il proprio status e la propria identità sociale.

«Personalmente - scrive Scarpa - scrivo senza pormi degli obiettivi " allegorici" o deliberatamente emblematici. Ma è un fatto che, rielaborando e sviluppando gli spunti scenici di questa pièce, mi pare che possa far riflettere su come l'epoca che stiamo attraversando ci costringa a porre in questione l'idea che abbiamo di noi stessi, mettendo alla prova anche in maniera salutare le illusioni e le ambizioni».

Hai un'alternativa: cercarti un consulente finanziario per contenere i danni, oppure venire a teatro a vedere che cosa ti aspetta. Sul marciapiede di una città italiana uno straccione e la guardia armata di una banca fanno amicizia. Passano altri mendicanti, di tutti i tipi: statue umane non proprio immobili, musicisti di strada che irrompono cantando, e uno strano accattone in giacca e cravatta. La strada è tenuta pulita da una netturbina.
Ognuno fa i conti con le sue ambizioni e i suoi tracolli, non solo economici. La comicità, l'amore, il lutto, il tempo che passa e quello che resta: che cos'è veramente prezioso? Qual è la nostra vera ricchezza, ora che di soldi ce ne sono sempre meno? Ognuno di questi personaggi dà una risposta con il suo destino.
Il tono alterna registri comici e drammatici, l'ambientazione stradale permette irruzioni inaspettate e momenti contemplativi. La povertà, il lavoro, il denaro. Lo spettacolo mette in scena uomini e donne alla deriva, rannicchiati sul marciapiede di una città italiana. La netturbina, gli artisti di strada, l'imprenditore in rovina, i passanti. Qualcuno sprofonda mentre la gente ha altro da fare. Questi mendicanti rattoppati e bugiardi ce la faranno a rubare alla vita qualcosa di più vero di quello che abbiamo raccattato noi? Straccioni è anche un piccolo musical squinternato dove le canzoni sbocciano in mezzo alla storia. È una danza macabra, un incubo allegro, una suite per voci, stracci e strumenti musicali.

Le musiche dello spettacolo saranno eseguite dal vivo al pianoforte da Alice Baccalini, vero e proprio enfant prodige della musica milanese: nata nel 1992, diplomata a 15 anni con dieci e lode, ha esordito a 10 anni nella Sala Verdi del Conservatorio di Milano per la Società dei Concerti. Da allora ha tenuto diversi recital e concerti con l'orchestra, sia in Italia che all'estero.
Dal 2011 Alice insegna pianoforte alla scuola di musica Cluster di Milano.

Le prossime date dello spettacolo dopo il debutto al Teatro Litta sono in programma a Torino (Teatro Gobetti, 16-17 aprile) e ad Avigliana (Teatro Comunale Fassino, 18 aprile).

Tiziano Scarpa (Venezia, 1963) ha pubblicato romanzi, saggi, poesie. Scrive per il teatro dall'inizio degli anni Novanta. Fra le sue pièce: Corriamo a casa, regia di Antonio Latella, 2000; Comuni mortali, regia di Flavio Ambrosini, 2005; L'ultima casa, regia di Michele Casarin, 2007; L'inseguitore, regia di Arturo Cirillo, 2008; L'infinito, regia di Arturo Cirillo, 2011; La cinghiala di Jesolo, con Marta Dalla Via, 2013. Ha vinto due volte il premio mondiale per la drammaturgia radiofonica " Prix Italia" con la commedia Pop Corn (1997, con Neri Marcorè e Francesco Pannofino) e l'opera musicale La musica nascosta (2008, musica di Michele Tadini, con Claudio Bisio), prodotte da RadioRai. Tra i suoi libri ricordiamo Stabat Mater (Einaudi, premio Strega 2009), Venezia è un pesce (Feltrinelli), Groppi d'amore nella scuraglia (Einaudi).

L'Accademia dei Folli nasce nel 1997, quando un piccolo gruppo di giovani attori diplomati alla Scuola di Teatro del Teatro Stabile di Torino, diretta da Luca Ronconi, s'incontrano con alcuni musicisti provenienti dal Conservatorio e dal Centro Jazz di Torino con l'intento di fondere le loro diverse esperienze e dar vita ad un teatro in cui la musica non sia un semplice supporto, ma un elemento complementare; parte integrante dello stesso linguaggio, un linguaggio teatrale vivo, capace di comunicare con un pubblico sempre più abituato ad altre forme di spettacolo (o di intrattenimento), di emozionarlo, di coinvolgerlo. Un teatro che metta in risalto la sua unica e vera forza: l'energia quasi tangibile che scorre tra l'artista e il pubblico. Il primo passo di questa " avventura" è stato il recital, con spettacoli antologici con cui la Compagnia ha esplorato l'interazione tra testo, musica, parola, gestualità.... dal semplice accostamento di tutti questi elementi verso una loro effettiva fusione. Successivamente, con l'allestimento di produzioni più impegnative (da M. Twain, T. Williams, E. Ionesco, F. Durrenmatt, B. Vian, A. Cechov), lo stimolante lavoro intorno ad un testo unitario ha portato alla luce nuove problematiche, ma soprattutto nuovi obiettivi. La Compagnia ha inoltre allestito una serie di concerti veri e propri: omaggi, tributi e monografie. Ha curato la stagione teatrale 2001/2002 del Teatro Gobetti di San Mauro Torinese; e, nell'estate 2002, ha gestito la rassegna " Aperitivo sotto il Gazebo" in piazza Carlo Felice a Torino. Dal 2002 iniziano le collaborazioni con il Teatro Stabile di Torino, con il Teatro Regio, con la Città di Torino e con la Regione Piemonte, coproducendo e realizzando spettacoli teatrali e visite spettacolarizzate. Partecipa a numerosi Festival tra cui il Festival Internazionale di Arezzo (2002 e 2004), il Cesare Pavese Festival (dal 2003 al 2006), il Festival delle Colline Torinesi 2005, Blues in Casale 2006, Folkermesse 2006, Monferrautore 2006.
L'Accademia dei Folli è una Compagnia Convenzionata con il Sistema Teatro Torino dal 2002: nella prima triennalità presso il Teatro Baretti di Torino, e dal 2006 presso il Teatro Stabile. Nel 2006 ha ottenuto la Residenza Multidisciplinare presso il Teatro Municipale della Città di Casale Monferrato.

INFORMAZIONI ORARIO SPETTACOLI martedì-sabato ore 20.30; domenica ore 16.30; lunedì riposo PREZZO BIGLIETTI intero: € 19 / ridotti: € 13 - 9 CONVENZIONI sul sito www.teatrolitta.it ABBONAMENTI Lunatica: 54 € (9 € a ingresso) Carta non nominale, libera, a scalare, valida per tutti gli spettacoli in cartellone, in tutti gli spazi: Sala Teatro Litta e Sala La Cavallerizza (escluse recite straordinarie e festival) BIGLIETTERIA C.so Magenta 24, Milano da lunedì/sabato dalle 18:00/20:00 tel 02.86.45.45.45 INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI TELEFONICHE da lunedì a sabato dalle 14.30 alle 19.30 PRENOTAZIONE MAIL p

Dati Aggiornati al: 25-03-2014 14:12:43

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Alle 20:30 dal 01-04-2014 al 13-04-2014
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

nei seguenti giorni : Mar - Mer - Gio - Ven - Sab - Dom

Dove: Teatro Litta

Indirizzo: Corso Magenta 24 Milano

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento