C'è un solo modo di dimenticare il tempo: impiegarlo. Charles Baudelaire

> Home > Eventi a Milano del 17-05-2014 > Musica e Spettacoli > San ti Melisses

San ti Melisses

San ti Melisses

 

 

DanceHauspiù presenta DanceHaus showcase #1 Dialoghi

CompagniaVuotoPerPieno
San Ti Melisses
Uno spettacolo di Fabrizio Calanna

[ ... ] Un'altra la fece dall'ape; quando la trova uno è fortunato;
a lei sola non si accompagna biasimo,
fiorisce grazie a lei, e prospera la casa,
invecchia amata con l'amato marito,
la prole è bella e ammirata.
E ammirabile ella diviene fra le donne
tutte, e divina grazia la circonda.
E non si compiace a sedere con le donne
quando fanno discorsi d'amore e di letto.
Tali donne graziosamente dona agli uomini
Zeus: esse sono le migliori e le più sagge.

In questo componimento Semonide di Amorgo, divide l'universo femminile in dieci categorie, ciascuna derivante da un animale o elemento naturale nove sono caratterizzate da un vizio, la decima invece è la donna perfetta da sposare, vero scrigno di domestiche virtù, quella che Zeus creò dall'ape: non conosce biasimo, produce benessere nella sua casa...
è la più saggia e la migliore tra tutte le donne.

Le melisse nacquero dalle lacrime di Cristo. Vennero Studiate da Aristotele. Si posarono sul volto degli oratori San Giovanni Crisostomo, Sant'Ambrogio, San Bernardo di Chiaravalle. Furono Messaggere degli dei. Fu la Ninfa che nutrì Zeus, e che fece innamorare Apollo. Vennero paragonate alla vergine Maria e impersonificate dalle dee Demetra, Cerere e Opi. Generano: pappa reale e propoli che cura nutre e copre; Miele che sfama; Cera che illumina...

San Ti Melisses (letteralmente come quello che le api...) vuole essere un omaggio a questa creatura simbolo di magnificenza e parallelamente alle donne e a ciò che esse hanno fatto e continuano a fare per l'uomo e per il resto degli esseri viventi, proprio come le api sono state e saranno dedite alla bellezza, all'intelligenza, alla benevolenza...

In una qualsiasi metropoli della terra in un " non tempo" queste creature punite da Zeus (L'uomo) e mandate via dal loro Olimpo (l'alveare anaturale), si muoveranno dando vita ad una laboriosità che non ha eguali, il senso di appartenenza e fratellanza le contraddistingue;
L'alveare artificiale, come metropoli, diventa modello politico per la società degli uomini in cui viene esaltata la vita comunitaria consacrata all'obbedienza per le leggi e per il capo.
E' un micro cosmo dove ogni singola creatura leale e virtuosa ha un particolare dovere: le api operaie sono la mente,
il cuore pulsante è la regina.
I compiti che svolgeranno sono molteplici, così come nella storia lo sono stati quelli delle donne che emergeranno nel corso dello spettacolo:
Helen Keller che lottò, vincendo, contre le " nuvole" che la avvolgevano, Saffo espressione di bellezza, eleganza e rapporto simbiotico con l'Essere Donna, Una Madre, come tante altre, che incarna la consapevolezza della morte di un figlio morto per amore e Rosa Luxemburg: irriducibile rivoluzionaria. Ottimista. Attivista instancabile. La pacifista che passò in carcere gli anni della prima guerra mondiale. L'ecologista ante-litteram. Criticò Lenin e l'incombente dittatura " sul" proletariato. La prima teorica (e nemica) dell'inevitabile globalizzazione capitalistica, amante della natura in tutte le sue manifestazioni, comprese le Api. La voce della classe operaia.
Tra tutte le operose operaie ne esisterà una che nascerà vivrà e morrà fedele all'abnegazione,
Virtù mai così indispensabile come in questo momento.

L'ape, in tutta la sua breve vita, produce solo un cucchiaino di miele,
per l'uomo vale la pena vivere anche solo per generare un singolo gesto altruistico...
Fabrizio Calanna

Tecnica e Light designer: Mario Giallanza; Scenografie: Stefano Iudica/Be.St.Architetti.
Danzatrici soliste Lara Viscuso (ass. cor.), Martina Smadelli, Lucia Brizzi, Daniela Russo,
e con I giovani danzatori dell'accademia Susanna Beltrami: MariaPia Tommaselli, Samuele Arisci, Marika Giovanelli, Armida Pieretti, Chiara Monteverde, Rebecca Erroi.
I giovani danzatori dell'accademia Kataklo Giulia Staccioli: Chiara Panichi, Alice Michelutti, Claudia Acquaviva, Rebecca Rodella, Nathalie Torrisi, Sarah Corvo, Bruna Saltini.

Dati Aggiornati al: 07-05-2014 12:20:10

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Alle 20:30 dal 17-05-2014 al 18-05-2014
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

nei seguenti giorni : Sab - Dom

Dove: DanceHaus

Indirizzo: via tertulliano, 70 20137 milano Milano

Prezzo: 12/16

Link: Sito Web dell'evento