...un nuovo modo di condividere gli eventi che conosciamo...

> Home > Eventi a Torino del 15-10-2016 > Musica e Spettacoli > Il diritto di uccidere

Il diritto di uccidere

Il diritto di uccidere

 

 

Sabato 15 ottobre, ore 21
Domenica 16 ottobre, ore 18 e 21

IL DIRITTO DI UCCIDERE
un film di Gavin Hood

Cinema come dialogo etico tra punti di vista contrapposti. Ultima interpretazione di un grande Alan Rickman

Col diffondersi del terrorismo globale, coi kamikaze diretti a colpire ovunque, e con lo sviluppo della tecnologia, assieme alle altre attività umane è cambiata drasticamente anche la guerra. Forse il decisivo punto di svolta è stato proprio l'invenzione dei droni, che ha portato a una guerra combattuta sempre più spesso davanti a computer e a distanza di sicurezza dai suoi effetti e mirata sempre più all'eliminazione fisica dei bersagli, con ampi margini di tolleranza sul numero accettabile dei cosiddetti danni collaterali, ovvero la perdita di vite innocenti nelle vicinanze.

Il diritto di uccidere mette in scena una situazione limite, che serve agli autori per aprire una discussione probabilmente necessaria sull'uso che viene fatto di queste armi e sul pericolo di non porsi limiti nell'usarle.

Questa la situazione ipotetica messa in scena nel film: un'operazione militare in Kenia, sotto il comando del colonnello inglese Helen Powell - in costante contatto con una war room londinese in cui oltre a esponenti del governo siede il generale Frank Benson - segue a Nairobi le mosse di alcuni capi del gruppo terrorista somalo Al- Shabab, con l'obiettivo di catturarli. Le cose cambiano però quando, con l'aiuto dei MAV (Micro Aerial Vehicles, piccoli droni camuffati da animali sviluppati proprio dall'esercito britannico anche se non ancora perfezionati come nel film), riescono ad " entrare" nella casa in cui si trovano i terroristi e a capire cosa sta per accadere. La missione si trasforma: per impedire una possibile strage da parte degli aspiranti martiri, bisogna adesso uccidere tutti gli occupanti della casa, che si trova nei pressi di un mercato locale.

L'arma e l'”occhio nel cielo” di Powell è un drone che trasporta missili di alta precisione, pilotato dal Nevada dal giovane sergente Steve Watts, alla sua prima missione sul campo. Proprio quando viene dato l'ordine di procedere, entra in campo un'imprevista variabile umana. Alla richiesta del pilota di droni di ricalcolare le percentuali di rischio accettabile, prende il via una lotta contro il tempo che chiede a tutti i partecipanti di prendere una decisione difficile e in apparenza impossibile.

È meglio sacrificare con certezza una vita innocente o correre indirettamente il rischio della possibile morte di di molti più civili? Messe di fronte all'immagine dell'innocenza, così tenera e testarda nello svolgere il compito affidatole, le persone coinvolte nell'operazione si dividono. Mentre tra i civili inizia un estenuante gioco a scaricabarile, considerati tutti gli elementi in gioco il colonnello preme per una decisione che appare sempre più inevitabile.

Sono molte le domande poste dal film, che procede con una tensione crescente ben costruita e in grado di coinvolgere lo spettatore. È interessante il contrasto tra il pragmatismo americano, a cui interessa solo eliminare dei nomi sulla sua kill list, e il maggior senso di responsabilità del vecchio continente, che confina spesso con la paura di fare una figuraccia agli occhi del mondo.

Gli attori sono bravi, Helen Mirren è perfetta nella parte ed è impossibile non commuoversi pensando a quanto ci mancherà Alan Rickman, a cui il film è dedicato.

Temiamo che in un periodo storico in cui “le rivoluzioni partono da Youtube”, come dice il colonnello, la guerra più lontana da noi è perfettamente visibile a ogni ora in tutti i suoi dettagli e le vittime innocenti vengono colpite ovunque a tradimento anche in nazioni in pace, nemmeno la presenza di una bambina fermerebbe anche solo per un attimo la mano armata. Ma fermarsi a osservarla e conoscerla, ricordando che è una creatura in carne e ossa, in questo mondo in cui tutto sembra diventato virtuale, fa pensare, e pensare non è mai sbagliato.

Ingresso: intero 5€ - ridotto 4€ - Aiace 3,50€

Trailer: http://www.cineteatrobaretti.it/cinema/index.htm

Dati Aggiornati al: 13-10-2016 11:15:19

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Alle 21:00 dal 15-10-2016 al 16-10-2016
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

nei seguenti giorni : Sab - Dom

Dove: CineTeatro Baretti

Indirizzo: Via Giuseppe Baretti, 4 Torino

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento