...libero + gratuito + utile = WikiEventi...

> Home > Eventi a Torino del 12-02-2015 > Musica e Spettacoli > Paolo Saporiti live at Officine Ferroviarie

Paolo Saporiti live at Officine Ferroviarie

Paolo Saporiti live at Officine Ferroviarie

 

 

Paolo saporiti con Roberto Zanisi presenterà il suo ultimo album " Bisognava dirlo…" alle Officine Ferroviarie di Torino, con lui ad aprire la serata Davide Tosches accompagnato dal bassista Marco Pavan.

“Ho iniziato a suonare la chitarra a dodici anni, trascinato dall’amore per la musica che mio padre e mio zio mi hanno trasmesso. Ho iniziato presto a sognare mondi migliori, insieme ai miei idoli, senza rendermene veramente conto per via della lingua, erano tutti americani o inglesi, ma il messaggio di fondo passava e mi ha formato come formano soltanto le cose profonde, senza barriere”.
A ritroso sulle tracce di Paolo Saporiti, come atto secondo dopo The Restless Fall, esordio datato 2005 per l’indie label milanese Canebagnato, ci si imbatte nei Don Quibòl, trio liberamente ispirato al Don Chisciotte di Cervantes con Christian Alati e Lucio Sagone; il loro debutto, a cui ancora oggi, a distanza di quasi un decennio, non sembra si voglia dare un sequel, era un atto deliberato di sostanziale passione, musica rovinosa, immediatezza e crepuscolarismo. Sono gli esordi, quelli veri e ufficiali, i primi spazi di un reticolato poco incline a compromessi, alla ricerca invece scomposta di una virtù fra controllo dei mezzi e distacco da essi. Sono passi incerti espressi in un idioma che non è madre, anche se parlato e cantato con cura, ma che nell’eco espressiva finisce per metà tempo a rifare il verso a qualcun altro. E’ l’autore stesso a sbrecciarne gli ostacoli: “Il primo istinto fu subito quello di ripetere ciò che ascoltavo e che facevano loro, i miei maestri, fino a quando le mie prime cose non hanno iniziato a manifestarsi come necessità”. Ed ecco che CSN&Y, Nick Drake, Bruce Cockburn, il grunge degli anni ’90, Jeff Buckley e molta weird folk anni Zero (più affibbiatagli dalla critica che volutamente ricercata dall’artista) calcano e ridisegnano i passi successivi.
Just Let It Happen… del 2008 mostra sicumera, anche nell’azzardo di una musica destrutturata e materica, segno inconfondibile di Xabier Iriondo, con cui Paolo licenzierà una partnership speciale. Scavando fra i meandri delle proprie abilità, Universal lo adocchia e lo affida a Teho Teardo - l’artista friulano vincitore di un David di Donatello per la colonna sonora de Il divo e del Nastro d’argento per quella di Lavorare con lentezza - che sul finire del 2009 si occupa di produrre e arrangiare Alone, terzo album in inglese di Saporiti. Un album diverso, che al noise stillante sostituisce una sua visuale piena di lucore strumentale e chiaroscuri cinematici, un gioco dimensionale intrigante quanto poco appariscente, che non ha contorno e spesso offusca il grandangolo vocale.
Alone rappresenta ciononostante uno dei punti più alti della produzione del cantautore milanese, che approfitta del livello acquisito di notorietà per farsi ingaggiare qualche anno dopo dalla Orangehome, etichetta ligure diretta da Raffaele Abbate dedita al recupero tradizionale con un occhio fortissimo rivolto alla contemporaneità. Fin dall’inizio pare essere la casa giusta per Saporiti, qui egli trova un taglio d’ombra che fa al caso suo. L’ultimo ricatto esce a settembre del 2012 e registra immediatamente un approccio minimalista, grazie ancora agli innesti di Iriondo: il suo viaggio rievoca – e come al solito destruttura – fascino perdizione e agonie, cerca mani tese nel Mediterraneo come in terra d’Albione, collocando i testi in una sfera di direzioni finalmente tutta propria. È forse un punto di non ritorno per Saporiti, che raggiunge vette inusitate tenendo per numi tutelari i Buckley e concedendo in ariosa personalità. Ma è anche l’ultimo tentativo di esprimersi in una lingua, l’inglese, che gli sta troppo stretta.

Sempre alla corte di OrangeHomeRecords escono nel 2014, e subito dopo, all’inizio del 2015, due album in italiano. Il primo omonimo e il secondo, Bisognava dirlo…, un doppio. I due dischi riepilogano, e nello stesso tempo tentano, strade altre fra noise, cantautorato e folk peculiare.

www.paolosaporiti.com
www.orangehomerecords.com

Dati Aggiornati al: 09-02-2015 09:14:48

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Giovedì 12-02-2015 alle 22:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Officine Ferroviarie

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento