...Eventi per tutti, non solo per gli amici...

> Home > Eventi a Torino del 19-03-2015 > Mostre e Cultura > CULTURE CLUB Omaggio a Pier Vittorio Tondelli

CULTURE CLUB Omaggio a Pier Vittorio Tondelli

CULTURE CLUB  Omaggio a Pier Vittorio Tondelli

 

 

CULTURE CLUB
Un omaggio a Pier Vittorio Tondelli per letture e canzoni
A cura di Andrea Demarchi e Maurizio Bonino

" Vorremmo ricordare questo giovane maestro, il cui insegnamento è fonte per noi di un'inesausta interrogazione, entro un'adatta dimensione di vicinanza e ascolto, attraverso la lettura di brani tratti dai romanzi pubblicati fra il 1980 (data di Altri libertini, la raccolta di racconti che, dentro una voglia di scandalo, segnò il suo folgorante esordio nella narrativa) e il 1989 (l'anno di Camere Separate, il romanzo sulle vittime del desiderio mimetico e dell'abbandono)."

Accanto alle pagine tondelliane troveranno spazio anche letture dal “ritratto a memoria” scaturito dalle conversazioni intorno a Tondelli fra Andrea Demarchi e l'amico editor Massimo Canalini, una testimonianza affettuosa e inedita del lavoro di Tondelli nelle vesti di mentore per giovani apprendisti alle prese con la scrittura.
L'occasione straordinaria di riascoltare, non solo attraverso la mediazione del romanzesco ma in senso letterale, la voce viva e autentica di Pier Vittorio Tondelli, s'arricchirà del prezioso contributo offerto dalle canzoni eseguite dal bravissimo cantautore torinese Maurizio Bonino, il quale è anche autore di racconti che al sound mimetico del parlato, caratteristico delle prime opere tondelliane, guardano con consapevolezza e ammirazione.

ANDREA DEMARCHI è nato a Chivasso nel 1964. Vive a Torino. È autore dei romanzi “Sandrino e il canto celestiale di Robert Plant” (Transeuropa e Mondadori, 1996, tradotto in Francia per Le Serpent A Plumes, 2002), “Il ritorno dei granchi giganti” (Theoria, 1997), “I fuochi di San Giovanni” (Rizzoli, 2001).
MAURIZIO BONINO, trentenne, vive a Torino. Cantautore free­lance, ha pubblicato nel 2012 il cd “Boninomaciste”. Un suo racconto compare nell'antologia “Dietro la collina” (Cattedrale, 2010).

Nell'arco di un quadriennio, fra il dicembre del 1985 e il novembre del 1989, all'apice d'una luminosa carriera di scrittore anche generazionale, Pier Vittorio Tondelli collaborò con il mensile Rockstar occupandosi della rubrica Culture Club. Il titolo chiamava in causa in modo esplicito la band di Boy George poiché, come sosteneva ironicamente lo scrittore di Correggio, “ogni generazione ha la sua Liz Tylor che si merita”. Proprio il confronto con le nuove generazioni, che si sarebbe rafforzato ulteriormente in quegli stessi anni nella forma del laboratorio e della ricerca intorno alle narrazioni giovanili con il progetto delle antologie “under 25”, trovava nella rubrica Culture Club una sponda adatta a far risuonare quel dialogo confidenziale fra scrittore e lettore tanto caro a Tondelli. In linea con gli argomenti trattati dal mensile, nei suoi interventi lo scrittore forniva ai giovani lettori della rivista, soprattutto nella prima serie di articoli (la rubrica ebbe un'interruzione di un anno, fra l'87 e l'88) indicazioni di lettura che, attingendo alla propria biblioteca di formazione, in un cortocircuito fecondo di richiami interni e rimandi coniugavano la letteratura con altre espressioni culturali seguite dai giovani quali musica, teatro e arti figurative.
“Voglio pensare a questa rubrica” scriveva Tondelli nel dicembre del 1985 presentando Culture Club ai lettori “come a una pagina che si confonderà con le altre pagine che passeranno sotto i vostri occhi, o meglio, con una di quelle trasmissioni radiofoniche che ascoltate, lanciati a cento all'ora in auto, con improvvisa attenzione, senza sapere di chi è la voce che parla nella notte, a quale volto appartiene, quanti anni ha. In questo modo sarà possibile immaginarci a vicenda e dar sfogo a quella particolare sentimentalità che, nel dominio della fantasia, riveste sia l'attività del leggere che quella dello scrivere”.
Può sembrare straordinario – ma anche, dopo tutto, nemmeno, per chi abbia un minimo di familiarità con l'opera dell'autore di Altri libertini e Camere separate – scoprire in che senso, dopo l'iniziale prevalenza dei consigli di lettura, la rubrica avesse preso la forma di una vero e proprio “diario in pubblico” che si inseriva in un discorso più ampio e unitario, sapientemente costruito in accordo con i temi trattati e approfonditi in quegli stessi anni dallo scrittore nelle sue opere di narrativa – un discorso alquanto solido capace di tenere insieme l'idea dell'opera totale (l'opera che si fa discorso e nella quale ogni cosa misteriosamente si tiene).

Dati Aggiornati al: 01-03-2015 12:31:00

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Giovedì 19-03-2015 alle 21:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Libreria Trebisonda

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento