...libero + gratuito + utile = WikiEventi...

> Home > Eventi a Torino del 24-03-2015 > Musica e Spettacoli > 24 e 25 marzo per PIEMONTE SHARE FESTIVAL...

24 e 25 marzo per PIEMONTE SHARE FESTIVAL all'AMANTES // Japan Media Art Festival // ArtFutura // Le notti di Tino di Bagdad - Coniglioviola

24 e 25 marzo per PIEMONTE SHARE FESTIVAL all'AMANTES // Japan Media Art Festival // ArtFutura // Le notti di Tino di Bagdad - Coniglioviola

 

 

All'interno della decima edizione del PIEMONTE SHARE FESTIVAL due serate ospitate dal Circolo Culturale Amantes via Principe Amedeo 38/a, multiproiezioni in galleria e in sala e dopo le ore 22 dj set ispirato al programma video, a cura di Andrea Daddi. Per l'occasione non sarà necessaria la tessera Arci.


24 marzo ore 19:00 -- Japan Media Art Festival --
25 marzo
ore 19:00 -- ArtFutura --
ore 20.00 -- Anteprima del progetto di videoarte pubblica - Le notti di Tino di Bagdad - realizzato da CONIGLIOVIOLA


Il Japan Media Arts Festival è un festival di Media Art (=Media Geijutsu) onnicomprensivo in quanto rende omaggio a opere straordinarie di generi diversi: dall'animazione al fumetto, dalla media art al videogioco. Per ciascuna delle quattro sezioni, il festival offre un premio: Arte, Intrattenimento, Animazione e Manga. Inoltre, fornisce una piattaforma tramite la quale poter ammirare le opere vincitrici e quelle di maggior spicco. Dalla sua nascita nel 1997, il festival ha portato alla luce alcuni significativi lavori di grande valore artistico e creativo e, oltre alla Mostra annuale delle Opere Premiate, ha organizzato altri eventi come simposi, proiezioni ed esposizioni.
j-mediaarts.jp

The Q of moving-image
Le domande dell'immagine in movimento.
Società moderna, storia, sentimenti verso la propria patria, storie universali... soggetti quotidiani “comuni” che compaiono nelle opere presentate in questa rassegna – una fotografia, un pugno di terra, un panorama non descritto – diventano mezzi d'espressione “non comuni”, attraverso la prospettiva unica e critica degli artisti. In “Bye Buy” una combinazione di immagini esemplifica l'apogeo del consumismo mentre gli occhi ingigantiti delle persone ritratte evocano la bramosia umana. “nijuman no borei” narra le epoche attraverso le quali è passato il Memoriale della Pace di Hiroshima, sovrapponendo numerose fotografie che evidenziano chiaramente la sua singolare storia. Inoltre“For Land Creation” e “Archipelago Science Fiction” raccontano storie rendendole universali, mettendo insieme fatti e finzione attraverso la ricostruzione di esperienze e di vicende di persone realmente vissute. La rassegna presenta sei opere caratterizzate da qualità narrative e documentaristiche peculiari all'espressione video, capace di mettere continuamente in discussione storia e realtà.
Incoraggiando nuovi valori e un pensiero critico verso le nostre " comuni" vite quotidiane e realtà di cui non siamo consapevoli, questo insieme di opere offre quella prospettiva " non comune" che solo l'arte può donare.

Durata: 44 minuti.

Programma corti d'animazione 2014
Per selezionare i dieci, originalissimi cortometraggi d'animazione che fanno parte di questo programma si è scelto tra i film premiati e quelli selezionati dalla giuria dell'Animation Division del Japan Media Arts Festival 2014. Il festival è rivolto a opere di professionisti e di appassionati, a video casalinghi e a produzioni commerciali, con l'obiettivo di esplorare la contemporaneità nelle svariate forme creative che emergono dall'informatica e dai media. Di 587 lavori che sono pervenuti all'Animation Division lo scorso anno, 511 rientravano nella categoria C0rtometraggi d'animazione (214 dal Giappone e 297 dall'estero). Tra questi vi erano film premiati ad altri concorsi internazionali così come lavori di durata varia realizzati per i più svariati obiettivi, finalizzati a differenti tipi di proiezioni e di pubblico. 27 sono stati premiati o sono entrati nelle selezioni della giuria. Tutti i tre film selezionati per il premio miglior esordiente hanno dato prova di libertà stilistica ed espressione sperimentale nel loro processo creativo. YOKOSOBOKUDESU Selection (Welcome It’s Me Selection) propone nuove tecniche espressive. Airy Me è un divertente sguardo al movimento tramite lo slittamento nello spazio e la sensibilità tattile. While the Crow Weeps trasmette un profondo rispetto per gli esseri viventi tramite la sua trama materica sorprendente e la precisione delle sue accurate rappresentazioni. Al di là di questi lavori, ve ne sono altri che rivelano l'energia pura dei giovani creatori contemporanei e il potenziale dell'animazione come mezzo d'espressione. Si percepisce subito la peculiarità, la grande profondità e l'ampiezza di vedute di questa nuova generazione di animazioni.

Durata: 63 minuti

La bellezza del disegno: il suo fascino intramontabile.
Ripensando ai vincitori delle passate edizioni del Japan Media Arts Festival, un genere di lavori in particolare spicca per la quantità: le animazioni disegnate a mano. Ogni immagine è disegnata scrupolosamente come una cristallizzazione precisa dell'idea dell'autore, cosicché anche gli spettatori vengono trasportati nel microcosmo che si delinea. Infinite sono le potenzialità di questi universi unici e incomparabili. La rassegna presenta My Bridge no Ito, opera del gigante dell'animazione 3D Koji Yamamura, COMBUSTIBLE di Katsuhiro Otomo, Wakaranai Buta di Atsushi Wada e altre opere animate, disegnate a mano da giovani cartonisti giapponesi. Si apprezza la perfetta capacità d'espressione che l'animazione disegnata a mano è in grado di raggiungere.

Durata: 86 minuti

25 marzo ore 19:00
ArtFutura

ArtFutura giunge alla sua venticinquesima edizione in più di venti città.
La venticinquesima edizione di ArtFutura prende il via il sei novembre, con la gran parte dei suoi eventi concentrati a San Paolo e presentazioni in più di venti città: Bangkok, Barcellona, Berlino, Buenos Aires, Copenhagen, Granada, Guayaquil, Madrid, Montevideo, Murcia, Palma di Maiorca, Santiago del Chile, Tenerife, Torino, Vigo, e Vitoria...

Quest'anno verrà proiettato in anteprima esclusiva in tutte le città di ArtFutura " The Digital Promise" , un documentario diretto da José Manuel Pinillo, prodotto da Bun Media, coprodotto da TVE e TV3, sull'impatto della cultura digitale in parallelo con le venticinque edizioni di ArtFutura.

ArtFutura sarà a Barcellona con una tavola rotonda, a San Paulo e Buenos Aires con mostre e conferenze e in tutte le città coinvolte con una serie di eventi.

A Share Festival 2014/2015, Art Futura è presente con tre programmi: 3d Futura Show, Artworks, 25x3D e il documentario “The Digital Promise”.

3D FUTURA SHOW

Ogni anno 3D Futura Show espone le maggiori opere internazionali d'animazione al computer e riflette l'evoluzione, sia nella tecnica sia nei contenuti, di questo nuovo mezzo d'espressione creativa.
Portrait (Donato Sansone), The Crew (Bèrelle, Boidin & Kozyra), Paper World (László Ruska, Ringeisen Dávid), Dark Noir (Red Knuckles) e altri ancora.

Durata: 55 minuti

3D x 25
Un'affascinante retrospettiva dei lavori di maggior spicco presentati ad ArtFutura nel corso di questi venticinque anni. Le pietre miliari che delineano l'evoluzione della grafica in 3D.
Dalle opere maggiori prodotte dalla grandi compagnie ai più piccoli capolavori degli artisti indipendenti di tutto il mondo.

Durata: 55 minuti

THE DIGITAL PROMISE
The Digital Promise è un documentario diretto da José Manuel Pinillo e prodotto da Bun Media, TVE e TV3 sull'impatto della Cultura Digitale in parallelo con lo sviluppo di ArtFutura nel corso delle sue venticinque edizioni.
Sono passati venticinque anni da quando la rivoluzione virtuale ha promesso un nuovo mondo e una realtà alternativa dalle infinite possibilità. Ma quali cambiamenti sono realmente avvenuti in questi anni e in quale direzione stiamo andando ora?
Con la partecipazione di: William Gibson, Nicholas Negroponte, Clay Shirky, Rebecca Allen, Sherry Turkle, Tiffany Shlain, Montxo Algora, Marcel.lí Antunez e altri nomi importanti.

Durata: 70 minuti

25 marzo ore 20:00
Le notti di Tino di Bagdad
CONIGLIOVIOLA

Una produzione Kaninchen-Haus, con il sostegno di Fondazione CRT. Con il Patrocinio della Città di Torino e del Goëthe Institut. Nell'ambito del programma Salone del Libro OFF e Torino Incontra Berlino.

Coniglioviola presenta il 25 marzo presso il circolo culturale Amantes l'anteprima del nuovo progetto di videoarte pubblica che, a partire dal Mese di Maggio, trasformerà la Città di Torino in un cinematografo diffuso. Liberamente ispirato all'omonimo romanzo della poetessa espressionista tedesca Else Lasker-Schuler, " Le notti di Tino di Bagdad" , costituisce un esperimento pioneristico di narrazione cinematografica diffusa attraverso lo spazio pubblico e basata sulla Realtà Aumentata.
Lo spettatore itinerante, guidato da una mappa, sarà invitato a muoversi attraverso punti diversi della città per individuare una serie di 30 manifesti in Realtà Aumentata, raffiguranti diversi paesaggi che si intravedranno attraverso diverse finestre orientali.
Ogni manifesto attiverà un singolo episodio del film di cui fa parte.
Per ricostruire l'intera storia lo spettatore dovrà unire tutti i punti in maniera arbitraria, generando così tante narrazioni quanti sono gli itinerari possibili.
Infine potrà restituire la propria personale ricostruzione della trama collegandosi al sito web del progetto, dando così corpo a un procedimento letterario teorizzato dalla Letteratura Combinatoria e qui trasferito nello spazio, grazie a un utilizzo significativo delle nuove tecnologie.
Tutte le informazioni sul progetto e la mappa dei manifesti, saranno disponibili su www.coniglioviola.com

Dati Aggiornati al: 09-03-2015 23:12:20

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Martedì 24-03-2015 alle 19:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Circolo Culturale Amantes

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento