...un nuovo modo di condividere gli eventi che conosciamo...

> Home > Eventi a Torino del 07-05-2015 > Musica e Spettacoli > Angelo della gravità (un'eresia)

Angelo della gravità (un'eresia)

Angelo della gravità (un'eresia)

 

 

Torino Fringe Festival
7-8-9-10 Maggio ore 19.30
13-14-15-16-17 Maggio ore 21.00

info e prenotazioni:
mail: info@tofringe.it
tel.: 3883425483
tel.: 3669354219

Testo di Massimo Sgorbani
Regia di e Con Michele Schiano di Cola
Disegno luci Gennaro Di Colandrea
Direzione musicale Michele Maione
Realizzazione scenografia e costumi Lia Anzalone
Produzione Marina Commedia

IL TESTO
Angelo della gravità (un’eresia) di Massimo Sgorbani
Angelo della gravità è un testo nato in seguito alla lettura riportata anni fa sui giornali: negli Stati Uniti, un detenuto nel braccio della morte era in attesa che la sua condanna a morte venisse eseguita tramite impiccagione. L’esecuzione, però, era stata sospesa perché il condannato in questione era grasso al punto che il suo peso avrebbe spezzato la corda del boia. Il fatto di cronaca è rimasto un semplice spunto. Angelo della gravità non è la storia di quell’obeso, ma di un obeso, un uomo con evidenti problemi di disordine alimentare e di immaturità psicologica, un animo infantile intrappolato in un corpo cresciuto a dismisura. La sua unica consolazione è il cibo. Il cibo, un tempo ricevuto dalla madre, è il solo, più alto dono d’amore che lui conosca. E proprio inseguendo il cibo l’uomo approda nel paese da favola dove i supermercati sono aperti a tutte le ore e i panini sono come quelli dei fumetti: gli Stati Uniti. Qui, in terra straniera, consuma l’efferato ma candido delitto per il quale viene condannato all’impiccagione. Il monologo è il resoconto che l’uomo fa delle sue vicende mentre attende di essere appeso alla corda del boia. Nel corso del monologo, il condannato a morte costruisce la sua personale visione del mondo, la sua cosmogonia, e lo fa utilizzando i soli elementi di cui dispone: cresciuto nel culto delle merci e della televisione, disegna una delirante concezione dell’ordine universale e morale nella quale la pornografia coincide con l’agape e l’indigestione con l’eucarestia. Forte di questa fede, l’obeso approda alla visione celeste degli “angeli della gravità” che grazie alle loro ali vincono il peso della materia e si elevano verso Dio. Nella certezza di entrare a far parte della schiera di questi angeli, il condannato affronta con serenità la sua morte imminente e si consegna a una paradossale ma autentica santità.

NOTE DI REGIA

Lo spazio di una simile performance non è tanto un luogo quanto un’ estensione del corpo del protagonista, delle sue nevrosi e morbosità. Fulcro di tale prospettiva registica è la fragilità e l’ inadeguatezza dell’uomo nelle perversioni della civiltà contemporanea (di cui è artefice e vittima). In un mondo in cui amore è pornografia, nutrimento è bulimia, religione è consumo, l’uomo-infante con i suoi istinti primordiali vive la sua inadeguatezza attraverso la morbosa costruzione di riti-nevrosi che ossessivamente hanno il compito di sublimare le proprie fragilità. La scena è dunque l’uomo. La cella è dunque proiezione dei bisogni e necessità del corpo e della mente dell’uomo. Lo spazio scenico è tappezzato di pagine di giornali pornografici,disposti con cura nell’affannosa ricerca di un amore deviato; una bilancia scandisce il tempo di riti-partiture fisiche che si susseguono sempre uguali verso la (de)generazione del nutrimento in morte; Un’altare-insegna di supermercato, dove il rito dell’eucarestia si confonde, e sublima l’efferato e candido delitto, dove l’ostia diventa la carne in scatola e il corpo squartato della vittima, dove l’atto sacro dell’amore viene consumato attraverso il fagocitare l’oggetto amato . L’uomo-infante dunque,primitivo nel suo candore-efferatezza, si aggira nella cella della sua schizofrenica esistenza di uomo contemporaneo. Il rito che è costretto a compiere, per trovare finalmente la morte agognata, ma impedita dall’eccesso di peso, è la liberazione dagli affetti-fantoccio, dai ricordi delle persone care, i cui corpi bambolotti sono il lardo di questo cicciobombo, vere e proprie escrescenze legate alla pelle nuda del protagonista (morte uguale solitudine). Morte agognata e raggiunta in una danza con lo squallido feticcio di un amore irraggiungibile: una bambola gonfiabile, oggetto di cure, giammai sessuali bensì tenere e affettuose; bambola a cui è legato con un filo, come un bimbo al proprio palloncino, come un feto alla propria madre, come un condannato a morte alla propria forca.

LA COMPAGNIA
Marina Commedia
2014-2015 Marina Commedia : " La Tempesta" di Shakespeare nella traduzione di Eduardo De Filippo regia di Michele Schiano di Cola
2014-2015 Marina Commedia : " Chicchirio e la Gru testo di Manlio Santanelli regia di Gennaro Di Colandrea
2011-2012 Marina Commedia : “Viva ‘o Re!” testo A.D’Ambrosio e F. Sesso
regia di Michele Schiano di Cola ideazione e adattamento di Gennaro Di Colandrea
2010-2011 Marina Commedia: Malacrescita testi e regia di Mimmo Borrelli
2010-2011 Mercadante Teatro Stabile di Napoli in collaborazione con Marina Commedia:
La Madre ’I figlie so’ piezze ’i sfaccimma testi e regia di Mimmo Borrelli
2009-2010 Marina Commedia in Collaborazione con Teatri della Legalità e Primavera dei Teatri:
“S.E.P.S.A.” testi e regia di Mimmo Borrelli
2008-2009 Marina Commedia in Collaborazione con ETI-Ente Teatrale Italiano/Teatri del Tempo Presente e con Primavera dei Teatri:
“Madama Puerpera” testi e regia di Mimmo Borrelli
2007-2009 Mercadante Teatro Stabile di Napoli in collaborazione con Festival dei due mondi di Spoleto e con Marina Commedia :
‘A Sciaveca testi di Mimmo Borrelli Regia di Davide Iodice
2007-2008 Marina Commedia in Collaborazione con la Provincia di Napoli e con Mercadante teatro Stabile di Napoli :
“Il Verso dell’ acqua” testi di Mimmo Borrelli Regia di Davide Iodice
2006-2007
Marina Commedia in Collaborazione con Benevento Città Spettacolo :
“U Mare assomma e affonna“testi di Mimmo Borrelli Regia di Davide Iodice

MICHELE SCHIANO DI COLA (Attore, Regista)
Nasce a Napoli nel 1982. Si diploma presso la Scuola del Teatro Stabile di Torino diretta da Luca Ronconi, e prosegue la sua formazione frequentando una Masterclass presso il teatro Eliseo di Roma e La Nouvelle Ecole des Maîtres diretta da Franco Quadri e Il Corso di Perfezionamento per attori professionisti diretto da Luca De Filippo del Mercadante Teatro Stabile di Napoli.
E’ diretto, in Italia dai registi: Jurij Ferrini, Mario Martone, Mauro Avogadro,Davide Iodice, Mimmo Borrelli, Claudio Longhi, Claudio Autelli, e, in diverse produzioni internazionali da: Bruce Myers, Matthew Lenton, Guy Delamotte,Gerard Watkins, Victor Alimpiev, Marian Zunin.
Recita con: Paolo Bonacelli, Natalino Balasso, Franco Branciaroli, Massimo Popolizio Neri Marcorè, Renato Carpentieri, Carlo Croccolo, Warner Bentivegna, Bob Marchese, Marcello Bartoli. Nel corso degli anni collabora con alcuni dei maggiori teatri nazionali e internazionali: La Corte Ospitale di Rubiera,Panta Théâtre di Caen, Institut Français Italia,Fondazione Teatro Piemonte Europa, Teatro Giacosa di Ivrea, Fondazione Pontedera Teatro, CSS Teatro stabile di innovazione del FVG (Italia), Fondazione Campania dei Festival/Napoli Teatro Festival Italia (Italia), Centre de Recherche et d’Expérimentation en Pédagogie Artistique-CREPA(CFWB/Belgique), La Comédie de Reims, centre dramatique national (France), Direcção-Geral dasArtes (Portugal),Teatro Nacional D. Maria II (Portugal), Teatro Litta, Teatro CRT, Mercadante TeatroStabile di Napoli, Teatro Eliseo di Roma, Fondazione Teatro Stabile di Torino, Fondazione TeatroMetastasio di Prato, Biennale di Venezia.

Dati Aggiornati al: 09-04-2015 09:55:37

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Alle 19:30 dal 07-05-2015 al 17-05-2015
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

nei seguenti giorni : Gio - Ven - Sab - Dom

Dove: Garage Vian

Indirizzo: via Castelnuovo 10/a Torino

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento