Difficile non è sapere una cosa, ma sapere far uso di ciò che si sa. Han Fei

> Home > Eventi a Torino del 05-05-2016 > Musica e Spettacoli > Le Guerre Di Angela -Torino Fringe Festival

Le Guerre Di Angela -Torino Fringe Festival

Le Guerre Di Angela -Torino Fringe Festival

 

 

LE GUERRE DI ANGELA
Di e con Giuseppina Facco
Regia Annapaola Bardeloni
Musiche Stefan Gandolfo
Supervisione Storica Andrea Bavecchi

LO SPETTACOLO È AL TORINO FRINGE FESTIVAL PRESSO LO SPAZIO LAB Di Piazza Vittorio Veneto 13,

NELLE DATE: 5-6-7-8 ore 22.30
11-12-13-14-15 ore 19.30


" Le guerre di Angela"
nasce in occasione del primo centenario dalla Grande Guerra.
È un intrecciarsi di quattro voci femminili, di diversa estrazione sociale, vissute tutte nel periodo del primo conflitto mondiale.
Una maestra di Udine, una contadina delle campagne prossime ai territori del confine, una prostituta e una donna appartenente al ceto della borghesia, moglie di un ufficiale.
Le donne rispondono tutte al nome di Angela.
Questo “quartetto di voci” racconterà, attraverso le diverse esperienze e situazioni, un’unica storia, quella della guerra più atroce e subdola del XIX secolo.
Quattro storie intrecciate, che riportano le testimonianze di una popolazione affamata, mutilata e decimata, ignara persino del perché si stesse andando a combattere.
Gente che, ancora peggio, fu convinta da azioni propagandistiche che si sarebbe andati a combattere una guerra giusta, che si sarebbe conclusa con una semplice “scazzottata” e che avrebbe visto un’Italia vincitrice, insieme con le altre Potenze alleate.
A chi si arruolava venivano promesse terre, denari, riconoscimenti e trionfi.
Così, lasciando a casa famiglie, madri, mogli e figli, centinaia di migliaia di uomini partirono per non fare mai ritorno.
Le Guerre di Angela fa parlare chi questo scempio lo ha vissuto, per dare corpo ad un unico pensiero, per dare voce a chi non ha potuto parlare né decidere: coloro ai quali è stato tolto tutto per una guerra ingiusta.
Quello che ha colpito l'autrice è stato soprattutto scoprire – attraverso le letture di documenti ritrovati – quanto in quel tempo fosse importante, per chi sapeva scrivere, lasciare testimonianza attraverso i propri diari: forse un modo per non sentirsi perduti, per non sentirsi soli.
Le guerre di Angela è un tentativo di rispondere a questo loro grido – giunto fino all’epoca contemporanea – e dare voce alla loro volontà di portare fino all’attualità le loro storie per non farsi dimenticare.

“Dalla Patria non arriva niente di niente. Ma è vero, come io penso, che siamo stati dimenticati al nostro destino e compito di sofferenti prigionieri.
Io, da parte mia, spendo le mie corone, che avevo nascosto al momento della cattura, per un calamaio, un pennino attaccato ad uno stecco di legno, un po’ di inchiostro e una matita che devo strusciare su una pietra per appuntirla, visto che non è permesso tenere coltelli o rasoi.
La carta, altro patrimonio raro, la prendo qua e la’ a seconda di quello che trovo.
Il responsabile austriaco della baracca, che fa anche da contrabbandiere, non credeva ai suoi occhi quando gli ho allungato 15 corone per un poco di questa cancelleria, abituato com’ è di ricevere corone in cambio di indumenti, cibo e medicine. Penso di non avere speso male i miei soldi perché voglio ordinare il mio diario giornaliero, che ho tenuto in questi undici mesi di guerra trascorsa,
PER LASCIARE QUALCOSA DI MIO, NON SOLO A ME STESSO, MA AD ALTRI CHE POSSANO IMPARARE, CAPIRE E RIVIVERE IN UNA MANIERA COMPRENSIBILE E LEGGIBILE, QUELLO CHE HO VISSUTO DA SOLO O
CON ALTRI…”.
Da Il dovere o la ragione, Alpi Giulie, Ottobre 1917 - Diario di un cecchino italiano a Sella Nevea, a cura di Andrea Bavecchi e Davide Tonazzi.

A questo progetto di Giuseppina Facco ha collaborato lo storico e ricercatore fiorentino Andrea Bavecchi (Consulente per History Channel, il Museo forte Badin e il Museo della guerra di Zagabria, è autore dei testi " I prigionieri dell’Asinara" , " La battaglia del Cer" , " Il dovere o la ragione" , " Le porte di Ester" , " È stato un autunno freddo" , " con la sua barba faremo spazzole pei capelli" ), che ha fornito importantissime documentazioni diaristiche e che, con la sua grande conoscenza storica del periodo, ha dato un prezioso contributo di idee e testimonianze. Il Dottor Franco Mazzetta, medico savonese ha invece permesso di integrare,nel testo, le lettere che sua nonna riceveva dal marito, ufficiale al fronte. Ha reso così possibile dare vita al personaggio di una delle quattro Angela.

Dati Aggiornati al: 22-04-2016 10:55:34

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Alle 22:00 dal 05-05-2016 al 15-05-2016
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

nei seguenti giorni : Gio - Ven - Sab - Dom

Dove: Lab

Indirizzo: Piazza Vittorio Veneto 13/E Torino

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento