...per rimanere sempre informato su ciò che ti circonda...

> Home > Eventi a Torino del 10-05-2016 > Altro... > ⚽ 'Il fuorigioco mi sta antipatico'...

⚽ 'Il fuorigioco mi sta antipatico' con Cristiano LUCARELLI e Paolo SOLLIER

⚽ 'Il fuorigioco mi sta antipatico' con Cristiano LUCARELLI e Paolo SOLLIER

 

 

Martedì 10 maggio h. 21.00, Officine Corsare.
Nell'ambito del ciclo SI YO FUERA MARADONA presenteremo il libro " Il fuorigioco mi sta antipatico" di Luciano Bianciardi

Negli ultimi due anni della sua vita Luciano Bianciardi, tra i più profondi osservatori dell'Italia che si stravolgeva durante e dopo il boom, tenne la corrispondenza con i lettori del mitico Guerin Sportivo diretto da Gianni Brera. Quella rubrica è ora raccolta nel libro che presentiamo, per immergerci, con la penna di Bianciardi e la lente del calcio, nell'Italia di fine anni '60.
Intervengono:

- Jacopo Rosatelli (giornalista Il Manifesto);
- Cristiano Lucarelli (allenatore; calciatore anni '90/'00)
- Paolo Sollier (allenatore, calciatore anni '60/'70)

Ciclo di incontri in collaborazione con A.S.D. Balon Mundial ONLUS in occasione del 10° anniversario di Balon Mundial

---------
Ingresso libero con tessera Arci
CUCINA APERTA DALLE 20.00!!
---------

SI YO FUERA MARADONA…
Incontri corsari sul Calcio, sulla Rivoluzione, sulla vita

La comunità delle Officine Corsare, l’associazione Balon Mondial e l’associazione Museo Nazionale del Cinema hanno ri-scoperto il “segreto di Pulcinella”: il gioco del calcio ha terribilmente a che fare con lo spirito dei tempi, con la politica, con la vita.
Nelle parole di Eduardo Galeano su Splendori e Miserie del pallone, “la storia del calcio è un triste viaggio dal piacere al dovere. A mano a mano che lo sport si è fatto industria, è andato perdendo la bellezza che nasce dall'allegria di giocare per giocare”.

Il motivo per cui intendiamo dare vita, a partire dal prossimo gennaio, ad un ciclo di incontri, dibattiti, presentazioni di libri e proiezioni, sta tutto qui: vogliamo interrogarci collettivamente su quanto di buono, al giorno d’oggi, il calcio può ancora raccontare.

Naturalmente, non è nostra intenzione far finta di non vedere le miserie: corruzione, show-business e capitali ingordi sono ormai onnipresenti nel mondo del calcio, e sarà importante discuterne. E però, quel che più ci interessa valorizzare sono gli splendori.
Uno splendore tutto torinese è il fatto che il Balon Mondial compia quest’anno i suoi primi dieci anni di vita. Il ciclo di incontri che abbiamo pensato è anche e soprattutto un omaggio (un bilancio, un rilancio) per questa straordinaria esperienza, grazie alla quale il calcio e lo sport parlano le tante lingue dei migrazioni e dei migranti, della cittadinanza e dell’integrazione, dell’uguaglianza e della dignità.

Più in generale, tenteremo di mettere a fuoco quei momenti in cui il fútbol diventa una metafora, etica ed estetica, della vita. Certe volte il calcio, giocato o anche solo vissuto da spettatrici e spettatori, torna ad essere creatività e bellezza (chi può dimenticare l’assist di Pirlo a Grosso, semifinale dei mondiali 2006?!), allegria dello stare insieme, capacità di intessere legami sociali aperti, liberati dalle passioni tristi. In altre parole, il calcio e lo sport possono essere immediatamente pratiche politiche che, in un’epoca di claustrofobia e precarietà generalizzate come quella odierna, appaiono davvero rivoluzionarie.

È questo il “segreto di Pulcinella” che interroga il cinema, la letteratura, la curiosità di singoli ed associazioni. Il calcio, più di ogni altro sport, ha una dimensione globale e collettiva.
Il calcio, il modo in cui lo concepiamo, i valori ed i simboli di cui lo carichiamo, sono una cartina di tornasole – una delle più attendibili! – tanto per capire in quali direzioni procede la nostra vita quotidiana, quanto per tentare di percorrere strade diverse e migliori. In parole povere: per cambiare improvvisamente schema, fare una giocata imprevedibile e sfuggire una volta per tutte alla marcatura asfissiante degli avversari della nostra libertà.

Del resto, sono forse queste le ragioni per cui Manu Chao cantava – consapevole delle contraddizioni dell’affermazione – che si yo fuera Maradona viviria como el.

Dati Aggiornati al: 09-05-2016 08:39:58

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Altro...

Quando: Martedì 10-05-2016 alle 21:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Officine Corsare

Indirizzo: Via Giorgio Pallavicino 35 Torino

Prezzo: Gratis

Link: Sito Web dell'evento