...valorizza ciò che conosci...

> Home > Eventi a Torino del 12-12-2013 > Musica e Spettacoli > SERIALMENTE - X-FILES stagione 1

SERIALMENTE - X-FILES stagione 1

SERIALMENTE - X-FILES stagione 1

 

 

S01E03-04

Fox Mulder ha vissuto un'infanzia traumatica, segnata dalla sparizione di sua sorella, avvenuta quando era ancora un bambino. L'evento non è mai stato spiegato con chiarezza ma nella sua memoria ha una forma molto precisa. Ricorda bene la luce abbagliante di un'astronave inondare la notte, la sua prima esperienza a contatto con una presenza aliena. Quella di Mulder è una storia più comune di quanto si pensi, come ha appreso il produttore/scrittore Chris Carter nei primi anni '90: il 3% degli americani è convinto di essere stato vittima di un rapimento da parte degli alieni. Questa idea ha convinto lo scrittore a creare The X-Files, una serie che avrebbe esplorato il suo conflitto interno, quello di un credente che si fida della scienza e di conseguenza non può fare a meno di essere scettico.
L'idea di Carter non era solo quella di esplorare il paranormale e la fascinazione del suo paese per alieni e cospirazioni ma anche quella di creare una serie che facesse paura. Così a fianco della " mitologia" creata dalle puntate della serie dedicate alla cospirazione che Mulder e Scully vogliono combattere, la serie ha portato in televisione decine di episodi singoli basati su casi terrificanti. Storie autoconclusive che possono funzionare ancora oggi, racconti brevi che esplorano in maniera spesso geniale paure comuni a tutti, in una galleria dell'orrore raccapricciante quanto catartica. The X-Files ha riportato in vita la tradizione de Ai Confini della Realtà e l'ha aggiornata al presente in un mondo coerente e affascinante. Tooms, il Diavolo del Jersey, il verme dell'artico, assassini, hacker e famiglie incestuose; centinaia di metafore delle nostre paure più profonde, raccontate senza paura di terrorizzare e inquietare.
Questa è stata la prima serie a prendere sul serio la rete, tanto dentro quanto fuori dallo schermo. Nata quando il World Wide Web stava cominciando a prendere forma, l'attenzione degli autori al mondo delle tecnologie d'informazione (in particolare grazie alla presenza dei Lone Gunmen, trio di hypernerd che è anche diventato protagonista di uno sfortunato spin off) ha permesso a molti di capire il potenziale della rete e della sempre maggiore interconnessione tra tutti noi. Dopo qualche anno di buon successo, The X-Files è diventata la serie televisiva di maggiore successo del suo tempo. Il senso di mistero della serie ha ipnotizzato il mondo che ha seguito ogni puntata con devozione quasi religiosa. E in effetti, nelle prime stagioni, la sensazione era quella di essere parte di una narrativa importante che quasi avrebbe potuto rivelare segreti fondamentali del nostro mondo.
Mano a mano che la serie è andata avanti, è diventato chiaro che Carter e gli altri scrittori non avevano un piano coerente per dare una conclusione alla mitologia che avevano creato. Così le trame cospiratorie del Fumatore e degli altri inquietanti agenti governativi e alieni hanno trovato conclusione in un finale debole.
Ma la fine della serie, avvenuta nel decennio scorso, ha anche altre radici. The X-Files è lo specchio degli anni '90. Un decennio cuscino che, dopo la caduta dell'incubo sovietico, ha vissuto nell'illusione di una vita priva di grandi conflitti ma sempre con un senso di terrore per un mondo sempre più complesso e interdipendente. Il senso di paranoia e paura della serie è come una calda coperta che permette agli spettatori di vivere un mondo dove forze impenetrabili danno speranza per una via d'uscita radicale ad un'esistenza che sembra avere poco senso. Il genio di Carter e dei suoi autori è stato quello di dare alla serie un senso di leggerezza che impedisce a chiunque di prendere troppo sul serio gli eventi su schermo. La serie è morta subito dopo gli eventi dell'undici settembre (eventi molto simili a quelli rappresentati dal pilota dello spinoff The Lone Gunmen, mesi prima, in una coincidenza particolarmente inquietante). La paranoia giocosa di The X-Files non ha resistito ad un mondo in cui la paura era concreta e dove la necessità di cospirazioni è cresciuta, anche grazie alla rete, diventando un passatempo morboso e privo di contatto con qualunque tipo di realtà.
La forza della serie è tutt'ora poco paragonabile a quella di qualunque altra produzione televisiva degli ultimi vent'anni. The X-Files è un capolavoro imperfetto, una delle serie più ambiziose e divertenti della storia e forse la più influente. Quella della fede contro la scienza è la narrativa più importante della storia occidentale. Da Battlestar Galactica a Lost, passando per Game of Thones e Awake, pochissime storie sembrano toccare più in profondità i dubbi e le paure degli esseri umani. E X-Files, episodio dopo episodio, è ancora in grado di portare lo spettatore in mezzo a racconti di grande spessore, pieni di dubbi e suggestioni, di terrore ed estasi.


Dati Aggiornati al: 26-11-2013 11:19:02

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Giovedì 12-12-2013 alle 22:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: United Club

Indirizzo: Corso Vigevano 33/u Torino

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento