...valorizza ciò che conosci...

Museo di Scienze Naturali



Indirizzo: Via Giolitti 36 - Torino

Telefono: 011 4326354

Museo di Scienze Naturali

l Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino è ubicato nell'edificio già sede dell'Ospedale San Giovanni Battista sorto alla fine del XVII secolo ad opera di Amedeo di Castellamonte e completato da illustri architetti. L'Ospedale Maggiore, come allora si chiamava, è stato fin dagli inizi un'istituzione modello della scienza ospedaliera dell'epoca.
Nel 1978 la Regione Piemonte istituisce con propria legge (L.R. 37/78) il Museo Regionale di Scienze Naturali e con la stipula del comodato d'uso di una parte dell'edificio dell'ospedale San Giovanni Battista ne individua la prestigiosa sede.
Nel 1980 viene sottoscritta una convenzione, tuttora vigente, tra la Regione Piemonte e l'Università degli Studi di Torino, per la consegna in uso al Museo delle collezioni naturalistiche dei Musei Universitari. Il Museo inizia così il riordino, la sistemazione e la catalogazione di tali collezioni a fini conservativi, espositivi e didattici. Avvia la costituzione di un proprio patrimonio attraverso l'organizzazione di campagne di studio e di ricerca, di raccolta e acquisto di collezioni di particolare valore storico e scientifico.
Nel 1980 si inaugura l'attività espositiva del Museo Regionale di Scienze Naturali con le prime mostre: "Il Celacanto", "La Collezione Spinola", "I cristalli di quarzo" - dedicate a collezioni di grande valore scientifico.
Nel 1981 l'attività prosegue con la mostra "Lepidoptera" poi riproposta nel 1990, e nel 1992 con "Mamenchi e Tsintao" dedicata al ritrovamento dei dinosauri cinesi.
Dal 1995, con "Amphibia e Licheni", inizia un'intensa esposizione culminata con le mostre "Dinosaurios Argentinos" e "Inuit e popoli del ghiaccio".
Nel 1989 la Regione Piemonte acquista il Giardino Botanico Rea, situato in Val Sangone a pochi chilometri da Torino, per le attività di sperimentazione, ricerca, didattica e divulgazione incentrate sulle collezioni di piante vive e su momenti espositivi riguardanti temi particolarmente salienti della botanica.
Il Museo è attualmente articolato, per la parte scientifica, nelle sezioni di Botanica, Entomologia, Mineralogia-Petrografia-Geologia, Paleontologia e Zoologia.
La superficie totale degli spazi destinati alle attività museali è di 22.000 metri quadrati con un'area espositiva prevista di circa 7300 metri quadrati, di cui attualmente 4300 disponibili.
È dotato di una Biblioteca specialistica, che possiede 12.000 volumi e 1250 periodici, e di un Centro didattico.
Svolge un'intensa attività editoriale a carattere scientifico che si concreta nella pubblicazione del Bollettino semestrale multilingue, delle collane monografiche specialistiche, dei Cataloghi sulle Collezioni del Museo e di altre istituzioni, di una serie di Atti di Convegni e di Guide alle mostre temporanee che illustrano l'attività espositiva del Museo.
Numerose, infine, le attività espletate dal Centro didattico, che si articolano in una serie di servizi comprendenti la realizzazione di laboratori didattici, l'istituzione di percorsi naturalistici, la programmazione di visite guidate e di corsi di formazione per gli insegnanti, nonché la produzione di sussidi didattici.

PROSSIMI EVENTI

 

Non sono presenti eventi futuri per questo luogo