WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Niente ha bisogno d'esser modificato quanto le abitudini degli altri. Mark Twain

> Home > Eventi a Bologna del 22-10-2019 > Mostre e Cultura > Il CORPO come luogo e spazio della ricerca

Il CORPO come luogo e spazio della ricerca

Il CORPO come luogo e spazio della ricerca

 

 

Nel terzo appuntamento del ciclo di incontri sulla corporeità affronteremo " Il corpo come spazio e luogo della metodologia. La pratica come spazio della ricerca" insieme a Fabiana Mercadante. Viviamo immersi, oggi, in una dimensione in cui i micropoteri prodotti dalla globalizzazione non sono sempre ben identificabili. Questo rende complesso individuare le caratteristiche dei dispositivi di censura. Le pratiche, oggi, come in passato, assoggettano i corpi e la memoria della punizione (Foucault) è parte integrante del nostro agire. Sono le emozioni collegate a questa memoria ad assoggettare l'individuo, normalizzandone il comportamento. La psicologia sociale e le neuroscienze hanno dimostrato come a regolare i comportamenti del singolo intervengano dinamiche di categorizzazione, stereotipi azione e omologazione che hanno radici nella chimica dei nostri processi biologici. È questa la cornice teorica nella quale si inserisce uno studio dell'autocensura oggi, una ricerca che tenta di rintracciare il non detto, il non testualizzato in quanto spazio non visibile di pulsioni e desideri in continua trasformazione. Come rintracciare questo spazio, riconoscerlo luogo, memoria, senso è la sfida di questa ricerca che rintracciare nella singolarità biologica e culturale il laboratorio nel quale osservare le dinamiche di aderenza tra stimolo, contesto, movimento e identità. La pratica diviene metodologia che dall'analisi di un processo creativo colto nel suo carattere di trasformazione cerca di rintracciare i segni di una libertà tra limiti e possibilità di aderenza tra singolarità e modelli permessi dalla cultura di un soggetto. Il risultato è una teoria del movimento in grado di rendere conto delle forme di autocensura inscritte nel corpo del performer. Fabiana Mercadante è una performer e videografa, studiosa dei processi creativi. Conduce attualmente, un dottorato di ricerca per l'università di Lisbona sul tema dell'autocensura inscritta nel corpo del performer nell'ambito degli studi sulla presenza e sulla performance come teoria Delle culture. Vi aspettiamo martedì 22 ottobre alle ore 19 nella nostra sede in via Belmeloro 1e.

Dati Aggiornati al: 21-10-2019 11:04:00

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Martedì 22-10-2019 alle 19:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Rete Degli Universitari Bologna

Indirizzo: via Belmeloro 1/e Bologna

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento