WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Difficile non è sapere una cosa, ma sapere far uso di ciò che si sa. Han Fei

> Home > Eventi a Firenze del 07-04-2018 > Mostre e Cultura > Pareidolia - Giulio Vesprini solo show at Street...

Pareidolia - Giulio Vesprini solo show at Street Levels Gallery

Pareidolia - Giulio Vesprini solo show at Street Levels Gallery

 

 

Street Levels Gallery è lieta di presentare “PAREIDOLIA" la mostra personale di Giulio Vesprini La PAREIDOLIA è la tendenza istintiva e automatica a trovare strutture ordinate e forme familiari in immagini disordinate. Illusione che tende a ricondurre a forme note, oggetti o profili (naturali o artificiali) dalla forma casuale. Mostra a cura di Street Levels Gallery, con i testi critici di Alessandra Ioalè. Vernissage - Sabato 7 Aprile dalle ore 17.00 alle ore 22.30 presso Street Levels Gallery in via Palazzuolo 74ar, Firenze. La mostra sarà visitabile fino al 30 Aprile, da Martedì a Domenica dalle 15.00 alle 19.00 o su appuntamento scrivendo a galleriastreetlevels@gmail.com PAREIDOLIA Di Alessandra Ioalè A distanza di tempo, tornare a scrivere di Giulio Vesprini, del quale da anni ormai ne seguo le gesta su muro e le prodezze su carta, significa qualcosa di più della conferma di un rapporto di reciproca stima lavorativa. Significa avere l’opportunità di studiare la crescita del suo lavoro, vederne negli anni lo sviluppo sempre più complesso in una parabola ascendente, e poterlo mettere nero su bianco, ancora una volta, ponendo l’accento sulla sua pratica trasversale e multidisciplinare, che coinvolge non solo l’inchiostro o le vernici e gli acrilici, ma anche diverse tecniche a stampa, dalla xilografia alla calcografia e la letterpress. Giulio Vesprini è uno dei pochi urban artist, che stringe con la carta un rapporto profondamente intellettuale, conoscitivo e fisico legandolo oggi indissolubilmente con il lavoro su muro. Ne sperimenta le diverse dimensioni, le differenti grane su cui restituisce l’impronta dei materiali più disparati. Foglie, rami, pezzi di sassi, superfici di legno grezze o intagliate, di ferro incise, matrici tipografiche, tutto si coniuga sulla superficie cartacea grazie all’impressione con torchi antichi. Come scrissi, da questa sperimentazione “scaturiscono combinazioni texturali”, che diventano “affascinanti tasselli di un intarsio irregolare, ma dalla rigida volontà di contenere qualcosa che per natura è incontenibile,” a cui sfuggono però incursioni texturali più libere “che, come schegge impazzite, danno uno schiaffo a quel rigore compositivo” per riportare in equilibrio due parti in gioco. L’equilibrio “tra uomo e natura, tra casualità del gesto umano e rigorosità delle strutture naturali, tra l’imprevedibilità della natura contro ciò che l’uomo ha costruito” con rigore. Un equilibrio, che oggi si è fatto più complesso con l’entrata in gioco di un altro elemento, quello architettonico, ma che ancora l’artista riesce a ristabilire con quel “caos controllato” nella forma superiore e omnicomprensiva del Cerchio. Mi sorprende vedere che, ciò che scorsi in nuce prima, abbia adesso preso forza, concretezza e definizione nella parola Archigrafia, che non è solo una parola. È la parola che si fa concetto e il concetto che si trasforma in metodo. Un metodo, con cui Vesprini prima ristabilisce su carta l’equilibrio tra uomo e natura e successivamente costruisce su muro un nuovo equilibrio, quello tra uomo e architettura urbana rispondendo alla necessità di far tornare quest’ultima a comunicare con l’ambiente e il cittadino. L’approccio dell’artista con il muro cambia. L’intervento della carta diventa complementare a quello su muro. Nella pratica di Vesprini, infatti, se all’inizio il rapporto tra le due discipline era parallelo, oggi è di richiamo trasversale nel momento in cui alla pittura muraria si è aggiunto l’intervento pubblico del poster, con cui l’artista porta in strada le sue grafiche. Ed ecco che Vesprini torna a far “parlare” i luoghi con le persone che li vivono, restituendo all’arte nello spazio pubblico un valore sociale, oltre che estetico. Ciò, ha trovato compimento nella serie Shared Space, intervento di poster art realizzato in Viale Masini a Bologna lo scorso anno, da cui scaturisce la serie inedita di lavori su carta in A4 presentata in questa mostra. Se l’Archigrafia è il metodo, che sottende alla creazione dell’opera, allora ciò che sottende alla comprensione della stessa sarà il processo di interpretazione automatica della Pareidolia, che innesca il coinvolgimento attivo del pubblico fruitore. Quando guardo le opere di Vesprini è come trovarsi di fronte a un rebus formale, in cui sono suggerite solo alcune coordinate, il resto spetta poi a noi risolverlo. Sono opere grafiche, che si impongono alla nostra attenzione, interrogano il nostro istinto per risolvere il nostro rebus personale in cui riconoscervi l’illusione di forme a noi familiari. Come quando ci ritroviamo incantati a fissare le mattonelle in graniglia, specialmente quelle nere con le loro caotiche venature e irregolari trame formali. È quasi impossibile staccarvi lo sguardo per paura di perdere quella familiarità illusoria in procinto da essere risucchiata in quel caos. La Pareidolia in Vesprini si arricchisce di più livelli interpretativi, sovrapposti o sfalsati. Nonostante l’uso di tecniche per la riproduzione seriale, ogni opera è monotipica e aperta a successivi ripensamenti e rimaneggiamenti dell’artista. Così, come le città possono cambiare la propria forma nel tempo, anche le opere di Vesprini hanno la possibilità di cambiare ogni volta la propria configurazione primaria. L’artista, infatti, lavora per strati intervenendo in tempi e modi diversi sullo stesso monotipo, regalandoci così una lettura dell’opera straordinaria e meravigliosamente accessibile perché ispirata dall’esperienza pregressa del fruitore e quindi sempre diversa e personale. PARTENER Gold // Progeas Family // TheSign - Comics & Arts Academy - Firenze // Ark Kostruendo // Three Faces // FUL - Firenze Urban Lifestyle // StreetBook Magazine // Public House 27 www.giuliovesprini.com Street Levels Gallery via Palazzuolo 74rosso, Firenze. galleriastreetlevels@gmail.com

Dati Aggiornati al: 20-03-2018 11:27:25

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Sabato 07-04-2018 alle 17:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Street Levels Gallery

Indirizzo: Via Palazzuolo 74r Firenze

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento