WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

...per rimanere sempre informato su ciò che ti circonda...

> Home > Eventi a Milano del 18-05-2017 > Altro... > Materia prima - Lucia Leuci

Materia prima - Lucia Leuci

Materia prima - Lucia Leuci

 

 

Fondazione Pini presenta Materia prima – Lucia Leuci A cura di /77 Opening: 18 maggio, 2017, h.18.30 Fondazione Adolfo Pini – Corso Garibaldi 2, Milan 19 maggio 2017 - 14 luglio 2017 www.fondazionepini.it La Fondazione Adolfo Pini presenta la mostra “Materia prima”, un nuovo progetto d’arte contemporanea site specific, realizzato dall’artista Lucia Leuci e in programma dal 19 maggio al 14 luglio 2017. La mostra, prodotta e promossa dalla Fondazione e a cura dell’artist-run-project /77 con la supervisione di Adrian Paci, propone una serie di interventi artistici all’interno delle quattro vetrine della casa museo. Dopo il primo intervento site specific “The Missing Link” di Michele Gabriele, ospitato fino allo scorso gennaio, con “Materia Prima” la Fondazione prosegue il proprio percorso dedicato all’arte contemporanea, con l’obiettivo di porsi quale nuovo luogo di incontro e valorizzazione della scena dell’arte giovanile a Milano. L'approccio di Lucia Leuci consiste non solo nel concepire le sue opere appositamente per lo spazio della casa museo, ma anche e soprattutto nel permearle dell'atmosfera intima, dell'identità e del vissuto di questo luogo. Le vetrine sono oggi spazi concepiti per conservare e mostrare oggetti, per creare connessioni visive fra ambienti separati. Lucia Leuci non ne cambia la funzione ma al contrario ne sfrutta l’estetica per presentare una serie di sculture che costituiscono un’installazione unitaria. Le teche di quella che originariamente era la sala da pranzo della casa sono immaginate come isole a sé stanti, all'interno delle quali l’artista colloca delle sculture inedite composte da materie sintetiche e organiche. Cardine dell’operazione è la dicotomia tra natura e rappresentazione edulcorata del reale, unite in un lessico gastronomico. Il piatto diventa pertanto singolo spazio espositivo a partire dal quale riflettere su un’estetica umanizzata, espressione personale e positiva di un Food Design che negli ultimi tempi ha allontanato l’uomo comune da quello che dovrebbe essere il gesto più naturale che possa compiere, ovvero mangiare. La storia di questa abitazione ha visto perizia, amore e cura dei dettagli. È proprio questa dedizione ai particolari che è rappresentata nelle opere e nei piatti pensati come artificio. La presenza di elementi degradabili all'interno delle sculture di Lucia Leuci scandisce il tempo della mostra e lega la visita alla Fondazione Adolfo Pini ad un momento preciso della vita delle opere stesse. Questa commistione è fondamentale all'interno della ricerca estetica dell'artista, poiché capace di stimolare una fruizione più viscerale dell'opera e di suscitare in chi guarda ricordi di un vissuto non solo visivo ma anche tattile, emotivo. Le composizioni dei piatti sono state realizzate in collaborazione con Sara Nicolosi. Lucia Leuci (nata a Bisceglie nel 1977) vive e lavora a Milano. Mostre personali recenti: 2017 “Materia prima” curata da /77, Fondazione Adolfo Pini, Milan; 2016 “Mamme cattive, bambini creoli” TILE project space Milano; “Alley” presented by Martina Alemani, Giorgio Galotti project room, Torino; 2015 “Rose’s Portrait” The Art Markets, Milan; 2014 “My Heart’s With You” curata da Alex Ross, 63rd-77th Steps, Bari; 2014 “Tukatuka” con Michele Gabriele, CRAC, Cremona; 2013 “Sabato pomeriggio #2” GAFF, Milano; “Sabato pomeriggio” Localedue, Bologna, testo di Marco Tagliafierro. Mostre collettive recenti: 2017 “Trigger Parties” a project by Siliqoon, Marsèlleria, Milano; “You would like that we were not here”, curata da Michele Gabriele; 2016 “Bubble Tea” curata da PANE project, Milano, “A night out of town” Clima Gallery, Milano; “Quincaillerie” Gigantic, Studi Festival, Milano; “Anelli otto” Spazio Morris, Studi Festival, Milano; “Cupid’s Clearasil” Country Bumpkin, Portland; “Come!” curata da Sabine Delafon, The Ghost Gallery, Paris; “Kelly Bar” curata da PANE project, Milano; 2015 “Susy Culinsky & Friends” choral project by Beatrice Marchi, Fanta Spazio, Milano; “Chapter #2 / Soprannaturale” Tintoria, Milan; “AFA2” curata da 63rd-77th Steps, Pane&Pomodoro Beach, Bari; “ALWAYS BRIAN (ti amo)” curata da 63rd-77th STEPS, FAL, Bari; 2014 “Mediating Landscape” curata da Flip project space, Sala Murat, Bari; “Speedboat” curata da Alex Ross, Nicelle Beauchene Gallery, New York. Nel 2016 ha fondato PANE, un artist-run project per l'arte contemporanea. /77 è un artist-run-project attivo a Milano dal 2015, composto da Giulia Ratti, Alessandro Moroni, Nicole Colombo e Luca Loreti. L'intento del collettivo è di realizzare collaborazioni e progetti che coinvolgano giovani artisti. L'interesse principale è quello di stimolare un dibattito collettivo sulla pratica artistica anche e soprattutto al di fuori dell’ambito espositivo. L'obiettivo è comprendere e andare incontro alle esigenze dei giovani artisti offrendo loro la possibilità di sviluppare progetti che permettano loro di approfondire in modo significativo la propria ricerca. /77 si propone quale miglior contesto possibile dove mostrare, documentare, progettare, confrontarsi e discutere del proprio lavoro. Gli interessi principali del collettivo sono la sperimentazione e la ricerca. Il lavoro di /77 consiste nella creazione di un network fra artisti, opere e istituzioni, in grado di mantenere sempre vivo il dibattito sull’arte contemporanea e sull’attualità. Fondazione Adolfo Pini Nata nel 1991 per volontà di Adolfo Pini (1920-1986), la Fondazione che porta il suo nome ha sede a Milano nell’elegante palazzina di fine Ottocento in corso Garibaldi 2. Oltre ad Adolfo Pini, uomo di scienza e docente di fisiologia, qui ebbe dimora e studio il pittore Renzo Bongiovanni Radice (1899-1970), zio materno di Pini, che fu una figura chiave nella formazione culturale del nipote, guidandone in particolare l’interesse verso le arti. Per volontà di Adolfo Pini la Fondazione è dedicata alla memoria dello zio con l’obiettivo di promuoverne e valorizzarne l’opera pittorica, attraverso studi e mostre, e il sostegno ai giovani artisti attivi in tutte le arti, con borse di studio, offerte formative e altre iniziative. Essa promuove inoltre anche la figura di Adolfo Pini che, accanto alla sua attività scientifica, fu anche scrittore, poeta, compositore e appassionato d’arte, rappresentando una perfetta sintesi di cultura scientifica e umanistica. Tra le iniziative promosse dalla Fondazione Adolfo Pini vi è il Circolo dei Lettori, a cura di Laura Lepri, Storie Milanesi, a cura di Rosanna Pavoni e nuovi progetti dedicati all’arte contemporanea a cura di Adrian Paci. Materia prima – Lucia Leuci A cura di /77 19 maggio 2017 – 14 luglio 2017 orari: da lunedì a venerdì ore 10.00 – 13.00 | 15.00 – 17.00 Ingresso gratuito Fondazione Adolfo Pini Corso Garibaldi 2, Milano Tel. 02 874502 www.fondazionepini.it

Dati Aggiornati al: 12-05-2017 15:45:21

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Altro...

Quando: Giovedì 18-05-2017 alle 18:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Fondazione Pini

Indirizzo: Corso Garibaldi 2 Milano

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento