WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

C'è un solo modo di dimenticare il tempo: impiegarlo. Charles Baudelaire

> Home > Eventi a Milano del 03-01-2019 > Musica e Spettacoli > Yallah! Yallah! il film

Yallah! Yallah! il film

Yallah! Yallah!  il film

 

 

Un film di Cristian Pirovano e Fernando Romanazzo

serata speciale con il regista in sala

in tour per l'Europa a presentare la prima co-produzione argentino-palestinese!

lunedì 3 gennaio ➽ ore 19.50

Cinema Beltrade

● YALLAH! YALLAH! ●
Palestina, Argentina, 2017 ● 75 minuti

https://scontent.fmxp5-1.fna.fbcdn.net/v/t1.0-9/48425253_2205211359530829_708495056369090560_n.jpg?_nc_cat=107&_nc_ht=scontent.fmxp5-1.fna&oh=dc318e6680a9bd998ee2e83090228ab8&oe=5C9161EA


https://www.facebook.com/events/281623882536487/

➽ giorno dopo giorno, le vite di sette persone appassionate di calcio, la cui vita quotidiana è costantemente condizionata dall'occupazione militare israeliana. nonostante tutto, non smettono di lottare per affrontare e superare con dignità gli ostacoli che si frappongono tra loro e la loro più grande passione.

PREMI ➽ 2017 Selezione uficiale BAFICI – Diritti Umani ● DAYS OF CINEMA – Categoría Sunbird Award (Palestina) ● 2014 - Premio LatinArab Lahaye Post al miglior Work in Progress

➽ “Per i palestinesi il calcio è un modo per sfuggire un po' alla realtà divertendosi. quello che ho notato, e che è diverso dall'Argentina, è che in Palestina i fan si rispettano molto, e per esempio lo abbiamo visto quando un percussionista e un suonatore di flauto sono andati a festeggiare i fan avversari in un intervallo ballando insieme (qualcosa di assolutamente impensabile nel caso argentino). (...)
I checkpoint, i controlli con i giganteschi verricelli d'acciaio e il muro sono parte della stessa metafora. I posti di controllo sono sempre monitorati e controllati, tutte le vie di comunicazione, sia a piedi che in auto, vengono tagliate e controllate da questi posti di blocco. E questa è una metafora del fatto che sono sempre sottratte le loro libertà di muoversi. E oltre a essere controllati, sono anche rinchiusi.” (Fernando Romanazzo)



biglietto intero € 7,00 | ridotto (under26-over65) € 5,00
tessera 6 ingressi € 24,00
tessera 10 ingressi € 50,00
tessera fab ♥ 12 mesi € 15,00 (dà diritto a riduzioni)

per gli amici di Parallelo Palestina prezzo ridotto con la parola d'ordine:

«W Palestina»

info@cinemabeltrade.net
02.26820592 | 02.95339774 | 348.2666090

cinema beltrade | via nino oxilia 10 | milano
coi mezzi pubblici: M1 pasteur - tram 1 morbegno - M1 notturna Pasteur
in auto: dalla stazione centrale o da viale brianza prendere via soperga e proseguire dritto fino a via oxilia
in bici: varie possibilità di agganci per lucchetti


Yallah! Yallah!

http://pcd.flp.ps/content/yallah-yallah

Il film si concentra sulla storia di sette personaggi, che sono collegati al mondo del calcio in un modo o nell'altro. Attraverso la loro vita quotidiana, impariamo a conoscere il loro legame con lo sport, le loro attività e i problemi che devono affrontare a causa dell'occupazione israeliana. Nonostante siano costantemente influenzati dalla sottomissione israeliana della Palestina, riescono a sopravvivere e sopportare ogni sorta di problemi per godere di una delle loro più grandi passioni: il calcio.

Fernando Romanazzo è nato nel 1977 a Buenos Aires, in Argentina. Ha studiato Immagine e Sound Design presso l'Università di Buenos Aires. Fernando ha lavorato in Ludovico Productions e ha fondato la casa di produzione Aqueronte Productions.
Filmografia
2017 Yallah! Yallah! / 2010 De los Barrios, Arte

Cristian Pirovano è nato nel 1978 a Buenos Aires, in Argentina. Ha studiato Sociologia all'Università di Buenos Aires e ha iniziato i suoi studi di fotografia nel nuovo millennio. Attualmente è l'editore fotografico della rivista Músicas del Mundo. Inoltre, ha realizzato numerose collaborazioni giornalistiche e fotografiche con diversi media.



TRAILER:

https://www.youtube.com/watch?time_continue=113&v=dQH3MadEnbM

https://vimeo.com/113268343#at=1



Yallah! Yallah! È la prima coproduzione Argentina-Palestina. I suoi registi, Cristian Pirovano e Fernando Romanezzo, così come gran parte della squadra, sono argentini e il documentario, girato nei territori della Cisgiordania, ha la partecipazione della Federcalcio palestinese (AFP) poiché il suo scopo è quello di uno sguardo alla situazione del calcio in quel paese. Uno stato riconosciuto dalle Nazioni Unite e dalla maggior parte delle nazioni del mondo, ma occupato da Israele per decenni, con una limitata autonomia politica e una costante presenza militare dell'esercito di occupazione. Data questa situazione, il tema che sta alla base di tutto il film è (deve essere) l'occupazione e come questa influenza inevitabilmente la vita di tutti i suoi protagonisti

Il documentario si concentra sulla vita di una manciata di personaggi: diversi giocatori, un allenatore e membri della AFP, tutti collegati ad uno sport che diventa ancora più professionale in circostanze molto sfavorevoli che potrebbero includere gli arresti costanti di giocatori e gli impedimenti a viaggiare e andare in tour. I giocatori non sanno se possono lasciare i territori e se riescono a partire, non sanno se possono tornare. Durante un allenamento, mentre guarda i giocatori, uno degli allenatori dice che c'è materiale molto buono ma manca di costanza. Qualcosa che può sembrare una semplice osservazione, ma data la costante molestia delle autorità israeliane acquisisce un rilievo più significativo sul perché questa costante è costantemente boicottata. Un parente, mentre parla dell'arresto arbitrario di una delle figure principali della selezione, sostiene che Israele non vuole che la Palestina ottenga un risultato sportivo. Che non è percepito semplicemente come un capriccio o una semplice ostilità, ma come il prodotto di una politica preventiva e consapevole di contrasto alla visibilità.

E proprio a partire dal punto visibilità, il documentario di Romanazzo e Pirovano si centra e non fa appello a storie ed interviste esterne, ma segue una serie di osservazioni tenendo traccia dei personaggi attraverso la loro vita quotidiana. Certo, la loro vita quotidiana non è semplice e mentre la fotocamera li accompagna, ciò che viene costantemente osservato sono muri, recinti, soldati e controlli militari. E' nei dialoghi che i protagonisti hanno l'uno con l'altro che affiora il formato più vicino al colloquio. Un allenatore prende un po' il ruolo di intervistatore mentre manifestano a raccontano aneddoti e storie in cui l'elemento ricorrente è l'arbitrarietà esercitata su di loro dal sistema israeliano, gli abusi di tutti i giorni nei confronti della popolazione araba. La narrativa implica anche che, sebbene la posizione presentata sia chiara, non esiste una linea esplicita, un discorso di preclusione. Ad un certo punto, verso la fine, viene mostrata una manifestazione con la repressione che ne segue, ma nella maggior parte si tratta di storie quotidiane: gli autori sono convinti che il materiale riportato è abbastanza eloquente senza bisogno di sottolineature.

L'espressione Yallah in arabo può essere tradotta come " Andiamo" , un modo per fare fretta e anche per arringare. Durante le partite, si sente nella voce degli allenatori e anche dei tifosi. L'insistenza nel cercare di mantenere lo sport in Palestina, nonostante tutti gli ostacoli e le difficoltà, implica qualcosa di più trascendente: non ci si arrende e si va avanti con la vita. Yallah quindi come una sorta di versione della nostra “forza” può essere pensata come una voce di resistenza.

Roger Waters on Palestine, Indigenous Rights

https://www.youtube.com/watch?v=cHax7VCNoag

Dati Aggiornati al: 29-12-2018 21:34:11

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO



Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Giovedì 03-01-2019 alle 19:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Cinema Beltrade

Indirizzo: via Oxilia, 10 Milano

Prezzo: 5/7 €

Link: Sito Web dell'evento