WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

C'è un solo modo di dimenticare il tempo: impiegarlo. Charles Baudelaire

> Home > Eventi a Milano del 21-01-2019 > Musica e Spettacoli > 21.01 Mamma Sono Tanto Felice Perché // Lunedì...

21.01 Mamma Sono Tanto Felice Perché // Lunedì Teatrali

21.01 Mamma Sono Tanto Felice Perché // Lunedì Teatrali

 

 

I Lunedì Teatrali del LatoB sono un progetto per rendere il teatro accessibile a tutti, per riavvicinare al teatro chi non è appassionato e per dare spazio ad attori e compagnie emergenti. Abbiamo bisogno di un teatro capace di farci scoprire l’altro lato delle cose. Indipendente. Accessibile. Impegnato. Coinvolgente. Più info su http://www.latobmilano.it/lunedi-teatrali/ MAMMA SONO TANTO FELICE PERCHE' Di e con Angelica Bifano “Mamma son tanto felice” mette a confronto tre generazioni di donne abbracciando una fascia temporale che va dai primi anni del 1900 ai primi del 2000 grazie a tre personaggi: la Mamma (di ottant'anni), Delfina (la figlia di cinquanta) e Ludovica (la nipote di otto). Il passato, il presente e il futuro prendono corpo e dialogano mostrandoci le preoccupazioni, le necessità e i desideri delle tre donne in base al grado di vita vissuta e le esperienze fatte. Attraverso conflitti e complicità si instaura un tenero gioco in cui interagiscono la saggezza popolare di un’anziana donna di campagna, la praticità di una donna in carriera e l’imprevedibilità di una bambina. La bellezza di questo confronto risiede nella capacità che hanno i tre personaggi di scoprirsi, di far emergere la loro vera essenza, senza paura di mostrare al pubblico chi sono intimamente. Questo confronto è linfa vitale che scorre nelle loro parole e nei loro corpi, che li fa sbocciare, fiorire e, se il caso vuole, morire durante l’arcata della storia. La figura femminile in primo piano intende parlare e mettere in risalto una società matriarcale in cui la donna è responsabile, custode e giudice della casa. Non a caso si scende in Sud Italia, nel Cilento, in cui questa caratteristica è ancora presente ed evidente. Qui le donne si passano il testimone, con onore e devozione. I loro occhi memorizzano compiti e doveri, fin da subito diventano donne esperte e concrete. Si teme per i nipoti, “i bambini di oggi”, perché non si ha la certezza che abbiano lo stesso senso di responsabilità, si avverte che nuovi e sconosciuti stimoli li portano lontano dalla concretezza della vita. L’intera vicenda ruota però intorno ad uno solo di questi personaggi: Delfina. Lasciata per ultima e non a caso, con un interrogativo: è possibile ricominciare una nuova vita alla sua età, a cinquant'anni? Una domanda mai esplicitata dal personaggio ma che dà il via a questa storia familiare nel silenzio della sera, in compagnia di una sigaretta, quando gli occhi rimangono fissi nel vuoto e i pensieri si confondono. Nella realizzazione si vuole restituire la semplicità di questa famiglia: in scena corpo e voce di una sola attrice disegnano lo spazio interpretando tutti i personaggi, undici familiari (la madre, Delfina, i suoi fratelli, Alice e gli altri nipoti). La sedia su cui vediamo sempre seduta la madre è il perno della scena con il significato ambivalente di trono e di prigione da cui la signora non può più muoversi dopo la sua invalidità. Il pubblico entra nella casa delle due donne: all'inizio un luogo molto piccolo e contenuto ma che ad ogni ingresso di un nuovo personaggio si amplia, fino ad arrivare ad un’esplosione durante il pranzo, per poi ritornare, con l’ultima scena, uno spazio intimo e raccolto che nasconde il nocciolo del dramma. I dialoghi sono schietti e sinceri. I personaggi comunicano tra loro e con il pubblico rivolgendosi in modo generoso e disinteressato per far riconoscere allo spettatore dinamiche familiari che lui stesso ha vissuto e offrirgli così spunti di riflessione. In questa direzione s’intende usare la forza del dialetto per costruire la struttura dei personaggi e restituirne il comportamento, la personalità, la morale e dunque la loro unicità. INFO ••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••• INGRESSO CON BIGLIETTO AL CONTRARIO: Con il “biglietto al contrario” è lo spettatore che decide, una volta visto lo spettacolo, di pagare ciò che considera opportuno e giusto, tenendo in conto le proprie disponibilità economiche. È un invito a considerare i costi e il lavoro che la produzione e la presentazione di una performance teatrale presenta. Nonostante crediamo che la responsabilità di rimunerare ciò che è a tutti gli effetti un Lavoro debba essere collettiva, la contingenza chiede che parte di questa responsabilità ricada solo sul pubblico fruitore. Attualmente questa è anzi l'unica fonte di retribuzione che possiamo offrire alla compagnie che presentano il proprio lavoro nel nostro spazio. Allo spettatore non verrà quindi chiesto di pagare l'ingresso, ma di lasciare il proprio contributo al termine della rappresentazione considerando: 1. la qualità del lavoro proposto; 2. la quantità di lavoro che, secondo lui, la compagnia ha impiegato per creare lo spettacolo o la performance; 3. le proprie possibilità economiche; Istruzioni per il pubblico: – All’ingresso viene dato a ciascuno un biglietto simbolico. – All’uscita si restituisce il biglietto versando la somma che si considera più adatta. I CONTRIBUTI RACCOLTI ANDRANNO INTERAMENTE ALLA COMPAGNIA CHE SI È ESIBITA. Siamo certi che vedrai il “biglietto al contrario” come un’opportunità per dare valore alla proposta artistica che ti offriamo. Saprai sicuramente adattarlo alla tua situazione economica. Il nostro desiderio è quello di riformulare la fruizione della cultura, di adattare la nostra offerta a tutti i portafogli e creare una comunicazione diretta tra spettatore e artista. PRENOTAZIONE CONSIGLIATA >> https://goo.gl/forms/Fntk5wDjg5pFiFfv2 INIZIO SPETTACOLO h 21.00, durata: 1h ••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••••• Per l’ingresso è necessaria la sola tessera LatoB, che si può richiedere compilando il modulo online al seguente link ➔ http://www.pretesseramento.latobmilano.it/ Il costo della tessera è di 3 euro, il suo ritiro avverrà prima della serata e vi consentirà di accedere a tutte le attività dell’associazione e di usufruire dei beni della stessa fino alla fine dell’anno sociale (31 agosto).

Dati Aggiornati al: 04-01-2019 07:43:00

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO



Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Lunedì 21-01-2019 alle 21:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: LATO B

Indirizzo: Piazza 24 Maggio, 2 Milano

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento