WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

C'è un solo modo di dimenticare il tempo: impiegarlo. Charles Baudelaire

> Home > Eventi a Milano del 14-03-2019 > Mostre e Cultura > Art@PwC: " Autoritraltri. Se fossi in te,...

Art@PwC: " Autoritraltri. Se fossi in te, sarei così"

Art@PwC: " Autoritraltri. Se fossi in te, sarei così"

 

 

Nel pronunciarlo ad alta voce, suona come uno scioglilingua….“Autoritraltri”. È difficile il titolo di questa mostra, com’è giusto che sia, poiché a muovere le fila dell’evento è stato un progetto complesso nella sua apparente semplicità. Qualche tempo fa, Giovanni Giangrandi alla ricerca di volti da ritrarre, ha lanciato un appello per mezzo di facebook, invitando persone sconosciute a rispondere ad un questionario che, attraverso domande precise, ma anche poetiche (Di che colore sei? Quale opera o libro ti rappresenta? Qual è la musica che ti contiene?) svelassero alla sua sensibilità di artista una piccola parte di natura umana. In molti hanno risposto e da quell’iniziale incontro si è sviluppato un gioco intrigante e sottile: la mano di Giovanni, nel dare voce e forma ai tratti interiori di una piccola folla di personaggi realmente esistenti, ha inevitabilmente svelato anche il volto dell’artista e il tratto inconfondibile del suo stile giocosamente elegante, profondamente leggero. In un tempo dilatato, fatto di domande e di risposte che aprivano varchi nel mondo dei suoni, delle parole, dei sensi – da quello visivo a quello olfattivo – hanno visto la genesi ventisette ritratti, opere in cui volti pensosi o ironici, sfuggenti o imperativi, divertiti o malinconici, emergono da sfondi multiformi che, pur risucchiandoli, li proiettano inevitabilmente verso lo spettatore. Sul filo teso di una tecnica impeccabile, condotta a matita su carta colorata, Giovanni ha tessuto la trama di un racconto che lo vede non solo narratore sensibile di storie altrui, ma anche protagonista che ha saputo svelare, con sottaciuta delicatezza, gli echi del proprio sentire. Nel giorno dell’inaugurazione della mostra, saranno gli spettatori a dover decidere chi, sulla carta, sia più vivo e presente, se l’artista, al quale hanno appena stretto la mano oppure gli individui “veri” che, aggirandosi fra i pannelli espositivi, si troveranno ad interrogare il loro volto, interpretato dalle note cromatiche e dai tratti disegnativi di Giovanni Giangrandi. Sarà una sfida stimolante, che richiederà uno sguardo ricettivo in grado di andare oltre l’apparenza del dato fisico, per intercettare quello spiraglio di essenza che solo l’arte sa catturare e restituire. Elisabetta Parente, storica d’arte Giovanni Giangrandi nasce a Milano nel 1967. Dopo la frequentazione dell’Istituto Statale d’Arte di Monza, inizia la sua ricerca indagando le multiformi possibilità di svariati linguaggi espressivi: dalla musica al teatro, dall’art-design all’illustrazione. Ne sceglie fondamentalmente tre - la fotografia, l’art-design, il disegno - connotandoli di elementi per lui imprescindibili: l’ironia, la poeticità, la pratica manuale. La fotografia rappresenta per lui la possibilità di condensare una storia in un solo fotogramma, usando un altro punto di vista e prediligendo il bianco e nero (“La vita è a colori, ma il bianco e nero è più realistico”, Wim Wenders). L’art-design ha il fascino di dare una seconda pelle a oggetti di scarto, che uniti in modo non convenzionale diventano altro da sé, concedendosi una parentesi ludica. La pratica manuale del disegno ha da sempre rappresentato per lui la pura libertà di espressione, ovvero la possibilità di “sconfinare”, di andare oltre i bordi imposti dalla rigidità del comune sentire. Ogni sua opera non è mai fine a se stessa ma, con una tecnica cucita su misura, rientra sempre in un progetto che sia racconto e specchio del luogo e del momento in cui viviamo. N.B: portate con voi auricolari/cuffie e verificate che il vostro cellulare abbia un lettore QR CODE (per Apple è integrato nella fotocamera, per android/ios è sufficiente scaricare un'app gratuita) Luogo Spazio espositivo PwC Milano Via Monte Rosa, 91 Per raggiungerci M1/M5 · Fermata Lotto Uscita via Monte Rosa Info meet.pwc@it.pwc.com

Dati Aggiornati al: 11-03-2019 21:52:14

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Alle 18:30 dal 14-03-2019 al 05-04-2019

Dove: PwC Italy

Indirizzo: Via Monte Rosa 91 Milano

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento