WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Difficile non è sapere una cosa, ma sapere far uso di ciò che si sa. Han Fei

> Home > Eventi a Milano del 26-03-2019 > Mostre e Cultura > La verità, vi prego, sul presente | Libertà

La verità, vi prego, sul presente | Libertà

La verità, vi prego, sul presente | Libertà

 

 

II° appuntamento di " Voci del cambiamento dall'inverno arabo" 26 Marzo 2019 Ore 18:30. SANTITÀ / HURMA. La parola e l'altro. Incontro con lo scrittore e giornalista yemenita Ali Al-Muqri علي المقري. Identità e rapporto con l’altro, discorso religioso e laicismo, patriarcato e questione femminile sono da anni al centro dei romanzi di al-Muqri così come la storia di quell’antica terra, lo Yemen, da anni devastata da una guerra tanto crudele quanto ignorata dai media. Ore 19:45. GHOST HUNTING. Un film di Raed Andoni (Palestina, 2017). In un vecchio magazzino vicino a Ramallah il regista ricostruisce una cella all’interno della quale convoca un gruppo di ex prigionieri politici palestinesi con i quali affrontare i fantasmi del loro passato comune nelle carceri israeliane. [TRAILER bit.ly/2CocaMv] __________________ BIO AUTORE ‘Alī al-Muqrī è un giornalista e scrittore yemenita. Classe 1966, è autore di otto romanzi. Collabora con le riviste letterarie Jaymān e al-Ḥikma. I suoi articoli sono comparsi sul New York Times e Libération. Attualmente vive a Parigi, in Francia. Fra i suoi titoli: “Santità” (2012, premio “French Prize for Arabic Literature”) e i due “Sapore nero, odore nero” (2009) e “Il bell’ebreo” (2011), entrambi finalisti del premio letterario “Arab Booker Prize”. Le sue opere sono tradotte in inglese, tedesco, francese e spagnolo. In italiano è comparso “Il bell’ebreo” (2012, Piemme). Titoli originali: - Nāfidhat lil-jasad (Una finestra sul corpo) (1987) - Tarmīmāt (Restauri) (1999) - Yaḥdath fī al-nasī’ān (Succede nell’oblio) (2003) - al-Khamr wa-al-nabīdh fī al-islām (Il vino e i liquori nell’Islam) (2007) - Ṭaʿm aswad…Rā’iḥah sawdā’ (Sapore nero, odore nero) (2008) - Al-Yahūdī al-Ḥālī (Il bell’ebreo) (2009) - Ḥurmah (Santità) (2012) - Bukhūr ‘Adanī (Incenso di Aden) (2014) Edizioni italiane: - Il bell’ebreo, Ali al-Muqri, Piemme 2012 bit.ly/2FyvY3u Per interviste, contattare la Fondazione Feltrinelli. __________________ L'incontro fa parte del ciclo 'La verità, vi prego, sul presente | Libertà. Voci del cambiamento dall’inverno arabo', a cura di Gabriele Del Grande in collaborazione con المتوسطAlmutawassit. Dopo la sconfitta dei movimenti di protesta del 2011, il mondo arabo sembra essere sprofondato in un lungo inverno fatto di derive autoritarie, guerre e opposti fanatismi. Ma davvero tutto è perduto? O c’è ancora spazio per un discorso sulla libertà? Per saperlo, abbiamo invitato a Milano quattro intellettuali arabi per chiedere direttamente a loro come si fa cultura sotto un regime, come si sfidano i dogmi e le ipocrisie del discorso religioso, come si liberano le parole dopo una guerra per esorcizzare il dolore e disegnare nuovi orizzonti o anche semplicemente per ingannare l’esilio e la sconfitta. A ogni dibattito seguirà un film (in lingua originale con sottotitoli in inglese) selezionato fra alcuni dei migliori titoli del cinema arabo di questi anni. _____________________ I PROSSIMI APPUNTAMENTI DEL CICLO 17 aprile 2019 Ore 18:30: UN’ALBA IMMINENTE. La parola dopo la guerra. Incontro con Ahmad ‘Abd al-Hussayn (Iraq) L’Iraq è un paese devastato da decenni di guerre - da ultimo il conflitto contro le milizie dello Stato islamico - costate la vita a centinaia di migliaia persone e l’esilio a milioni di altre. I segni di morte e distruzione sono ovunque e molte ferite sono ancora aperte. Dopo tanto dolore la cultura ha ancora qualcosa da dire? Che spazio c’è per gli intellettuali iracheni in questo tempo sospeso? Ne parliamo con il poeta, giornalista e attivista iracheno Ahmad Abdul Hussein. [Info autore bit.ly/2SWlMF5] Ore 19:45 Proiezione di “THE JOURNEY” di Muhammad Al-Darraji (Iraq, 2017). Sara è una donna decisa a perpetrare un attentato suicida alla stazione dei treni di Baghdad dove però un incontro imprevisto e imbarazzante le darà una seconda possibilità. [TRAILER bit.ly/2ElCNRl] __ 27 maggio 2019 Ore 18:30 PASSAGGI. La parola in esilio. Incontro con Samar Yazbek (Siria). Nel 2011 molti intellettuali siriani appoggiarono le proteste di piazza contro il presidente Bashar al-Asad. La loro letteratura è diventata un appello alla resistenza e alla libertà, un appello inviso tanto al regime quanto ai gruppi jihadisti accorsi sul teatro di guerra. Sette anni dopo, chi fra quegli intellettuali non è morto in prigione o sotto le bombe, vive in esilio. Ne parleremo con Samar Yazbek, scrittrice, giornalista e regista siriana. [Info AUTORE bit.ly/2FwhL7l] Ore 19:45 Proiezione di “FIRES”, di Muhammad Ibn ‘Abd al-‘Aziz (Siria, 2014). Nella Siria devastata dalla violenza, quattro donne lottano per la sopravvivenza confrontandosi ogni giorno con la guerra che come un incendio minaccia di divorare nelle sue fiamme tutto e tutti. [TRAILER bit.ly/2ss3T5u] __ Il ciclo di incontri è promosso da Fondazione Giangiacomo Feltrinelli. Gli incontri si svolgeranno presso la sede della fondazione in viale Pasubio 5 a Milano.

Dati Aggiornati al: 21-03-2019 21:09:32

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Martedì 26-03-2019 alle 18:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Fondazione Giangiacomo Feltrinelli

Indirizzo: Via Romagnosi 3 Milano

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento