WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

...per rimanere sempre informati su cosa accade attorno a noi...

> Home > Eventi a Milano del 07-05-2019 > Mostre e Cultura > Bugie, una personale di Bruno Gianesi

Bugie, una personale di Bruno Gianesi

Bugie, una personale di Bruno Gianesi

 

 

La Fondazione Luciana Matalon è lieta di ospitare dal 7 al 31 Maggio la mostra personale di Bruno Gianesi intitolata Bugie.

Artista con un passato da direttore dell’ufficio stile della maison Versace, Bruno Gianesi contamina nelle sue opere la lezione delle avanguardie storiche (in particolare del surrealismo) con suggestioni provenienti dal mondo della moda e dalla società della comunicazione.
I lavori presentati in questa mostra – che come di consueto sono stati creati non solo dipingendo su tessuto, ma usando il tessuto stesso come materia pittorica – prendono di mira la diffusione pervasiva di fake news che infesta non solo il sistema dei media, ma ormai anche la vita quotidiana di chiunque possieda uno smartphone.
Gianesi considera le fake news nient’altro che evoluzioni tecnologiche delle antiche bugie: un termine sottovalutato, perché considerato infantile e innocuo, che invece nella sua radice etimologica rimanda a un atteggiamento di malvagità (v. il termine tedesco böse che in italiano significa proprio malvagio) e non solo di alterazione della verità. Il protagonista della maggior parte delle opere in mostra è, con il suo inconfondibile naso allungato, la figura più emblematica di “colui che dice le bugie”. Pinocchio è anche una metafora dell’individuo massificato che, nella sua conoscenza della realtà, dipende da coloro che “tirano i fili” del consenso. In quanto burattino, inoltre, la creatura letteraria di Collodi richiama quel processo di riscoperta delle potenzialità espressive della marionetta, condotto prima dai simbolisti poi dalla metafisica e dal surrealismo, a cui Gianesi ha sempre guardato con interesse.

Una sezione della mostra raccoglie invece alcune opere che l’artista ha creato in omaggio a Gianni Versace. Questi lavori – realizzati per la mostra “Dialoghi-Dissing. Gianni Versace Magna Grecia Tribute” tenutasi presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli nel 2017, in occasione dei vent’anni dalla scomparsa dello stilista, e approdata come “Versace Retrospective” nel 2018 al Kronprinzenpalais di Berlino – rimandano agli anni di vita professionale presso la maison Versace durante i quali, come scrive Roberto Borghi nel testo di presentazione, «Gianesi si è formato in quanto artista, prima ancora che come designer». Sedici anni durante i quali il contatto con Gianni Versace gli ha permesso di comprendere quanto la moda possa essere un modello di autenticità se, come accadeva in passato, riesce a essere «ricerca della bellezza prima che del consenso, qualità artigianale prima che strategia di marketing, creazione di un modello estetico da proporre alla società invece che esaltazione dei modelli più antiestetici scaturiti dalla società stessa».

BRUNO GIANESI Nel 1984 entra a far parte dell’ufficio stile di Gianni Versace. Vi resta per sedici anni in qualità di capo stilista e responsabile dei progetti teatrali disegnando e curando la realizzazione dei costumi per coreografi e registi quali Maurice Béjart, Roland Petit, William Forsythe e Bob Wilson. In questo periodo disegna anche abiti per personaggi famosi e del jet set internazionale quali Elton John, Madonna, Lady Diana, Sting.
Ha tenuto mostre personali delle sue opere presso la Cittadella del Palazzo Farnese di Piacenza, la galleria Artepensiero e la galleria Movimento di Milano, la galleria Artelier presso il Palazzo Ducale di Genova, la galleria Quadrige di Nizza, il Castello Dal Verme di Zavattarello.

Fondazione Luciana Matalon
Foro Buonaparte 67, Milano
Da martedì a sabato dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 19.00.
Ingresso gratuito
+39 02 878781 - +39 02 45470885
fineart@fondazionematalon.org
www.fondazionematalon.org




Dati Aggiornati al: 13-04-2019 16:42:06

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Alle 10:00 dal 07-05-2019 al 31-05-2019
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove:

Indirizzo: Foro Buonaparte 67 Milano

Prezzo: Gratis