WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

...un nuovo modo di condividere gli eventi che conosciamo...

Mind The Step

> Home > Eventi a Milano del 10-10-2019 > Musica e Spettacoli > Duo e Trio - con Pasquale Lino Liguori da Aldo...

Duo e Trio - con Pasquale Lino Liguori da Aldo Dice 26x1

Duo e Trio - con Pasquale Lino Liguori da Aldo Dice 26x1

 

 

Giovedì 10 ottobre, la storia della musica fa tappa al Residence Sociale Aldo Dice 26x1, con Pasquale " Lino" Liguori, batterista classe 1927, novant'anni suonati e ancora energia da vendere! DUO E TRIO perché sarà un concerto in due parti, con il duo di Pasquale " Lino" Liguori e Filippo Monico e con il Takla Jazz Trio. DUO DI BATTERIE suonate con tutto il cuore da due batteristi jazz improvvisatori Pasquale Liguori Filippo Monico e TAKLA JAZZ TRIO Massimo Falascone sassofoni Andrea Grossi contrabbasso Filippo Monico batteria Questo è un gruppo che offre spontaneità, dialogo ed energia. Piccoli spunti melodici o ritmici stimolano le improvvisazioni dei tre musicisti. Un gioco “ in tempo reale “ che regala sempre delle sorprese. Composizioni originali, canzoni e brevi citazioni sono usate come stimolo per piccoli viaggi nel mondo dei suoni, del pulsare e zigzagare del ritmo e nel fluire del tempo …. ____ PASQUALE LIGUORI Classe 1927….. una grinta e una resistenza inimmaginabili…. Suona cassa, rullante, timpani e piatti come un ventenne. Un’emozione pura parlarnee con Liguori: ci racconta di una famiglia napoletana segnata dalla batteria e immigrata a Milano per amore della batteria.La classica famiglia del sud – padre, madre, nonna materna e due figli – che trova casa al Corvetto, nel pieno della campagna resa fertile dai frati certosini di Chiaravalle. Obiettivo del trasferimento era la ricerca di opportunità di lavoro per Pasquale, musicista, batterista d’avanguardia già affermato a Napoli. La mamma di Pasquale Liguoridi cognome faceva Di Giacomo. La famiglia Di Giacomo annoverava tra gli altri personaggi illustri come un monsignore teologo e un grande poeta, Salvatore Di Giacomo. Ma anche due straordinari batteristi, Peppino e Gegè, quest’ultimo noto ai molti perché membro del trio di Renato Carosone che fece la storia della musica leggera in Italia degli anni cinquanta.Con il matrimonio Pasquale entrò a pieno titolo tra i batteristi di questa pittoresca famiglia. Dopo un breve periodo nell’Arma dei Carabinieri alle prese col brigantaggio siciliano, Pasquale decise di vivere solo di batteria, nonostante le perplessità dei congiunti. Riprese a suonare ed ebbe ingaggi con le migliori orchestre dell’epoca, tra le quali quella di Marino Marini. Era consapevole che “con il jazz non si vive”, ma studiò la musica afro-americana con tale profitto che venne chiamato da Arrigo Polillo al primo festival jazz di San Remo nel 1956.Il periodo era favorevole, il boom economico creava molte opportunità, soprattutto a Milano. Ovunque ci fosse uno spazio si suonava, sale da ballo, caffè, balere all’aperto, night. In galleria del Corso, dove c’era la più ampia concentrazione di editori musicali, si formavano orchestre per singole serate oppure per crociere fino ai Caraibi che potevano durare anche mesi. Pasquale si dava molto da fare e divenne uno dei più affermati batteristi della scena discografica milanese.Il primo ingaggio a Milano per Pasquale fu con l’orchestra Pizzigoni, in cui militava un giovane cantante pugliese, Nicola Arigliano. Suonavano all’Embassy in galleria Puccini in corso Buenos Aires. E poi via via il lavoro con Celentano, Mina, Iannacci e tanto tanto jazz ….una professionalità e un’onestà intellettuale ai limiti dell’autolesionismofreschezza e abilità di un giovane novantenne che non ha mai smesso di divertirsi. FILIPPO MONICO (Milano, 1955) attivo dai primi anni 70, quando collabora con Guido Mazzon, Gaetano Liguori, Giorgio Gaslini, Massimo Urbani, Danilo Terenzi, Paolino Della Porta, Riccardo Luppi…. partecipa a concerti e registrazioni con Enrico Rava, Paul Rutherford, Lester Bowie, Don Cherry, Steve Lacy, Evan Parker. … Poi è nel “Muzic Circo” di Roberto Bellatalla con Daniele Cavallanti ed Edoardo Ricci. Lavora in Olanda e Inghilterra con TristanHonsinger, Sean Bergin, Antonello Salis e Sandro Satta. Partecipa a una serie di concerti in Russia con la cantante SainkoNamtchylak. Fonda, con Giancarlo Locatelli e Massimo Falascone il gruppo “TaklaMakan” (tra gli ospiti: Fabrizio Spera, Tito MangialajoRantzer, Barre Phillips, Wolfgang Fuchs). Collabora a spettacoli di Teatro Danza con le coreografe Susanna Beltrami e Adriana Borriello e di Teatro con i registi Elio De Capitani, Antonello Cassinotti, Renzo Martinelli, Giorgio Barberio Corsetti e con il Teatro Filodrammatici di Milano. Negli ultimi anni si sta dedicando all’improvvisazionesia radicale che jazzistica spesso in dialogo con Danza, Pittura, Poesia, Teatro e Video: ad esempio con il “Paolo Botti Quintet”, con “Hilarity Workshop” di Steve Piccolo, con il gruppo “Unit” di BiggieVinkeloe, con “alternative trio” di Dimitri Grechi Espinoza, con Mario Arcari e soprattutto in performances con i danzatori MasakiIwana, Roberto Castello, Julyen Hamilton, Giorgio Rossi e Alessandro Certini, con i musicisti Peter Kowald, Elliot Sharp, Wilbert De Joode, Giovanni Falzone, Edoardo Marraffa e con i pittori Sandro Fabbri ed Ebbe Pettersson. Guida il “Takla Jazz” e il gruppo multietnico “N.E.S.O.” (4 percussionisti provenienti da Europa, Asia, Africa, America). Ha realizzato una ventina di LP e cd con diverse formazioni musicali. E’ presidente dell’Associazione“TAKLA IMPROVISING” nata nel 1998 per la diffusione dell’arte dell’improvvisazione e attiva nell’organizzazione di seminari, riflessioni, concerti, rassegne e festival per adulti, giovani e bambini. Da giovane studiò con Pasquale Liguori. MASSIMO FALASCONE Sassofonista e pluristrumentista milanese, compositore, improvvisatore e sound artist, Massimo Falascone ha, nel corso degli anni, portato avanti un percorso musicale di ricerca che lo ha portato a condividere esperienze e palchi con una infinità di colleghi più o meno noti, così come a costruire una poetica immediatamente riconoscibile. Sintetizzabile, nella sua onnivora voracità, in ciò che Falascone scrive di sè nella sua bio: “soffia, parla, canta, ascolta, sbuffa, risponde, dirige, urla, dondola, preme, legge, digita, osserva, cerca, scrive, registra, pensa, cammina, monta, smonta, studia, tocca, sussurra, spinge, aspetta, controlla, scopre, mantiene, desidera, sceglie”. ANDREA GROSSI Si diploma nel 2014 al triennio di contrabbasso jazz del Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma sotto la guida dei Maestri Roberto Bonati ed Alberto Tacchini, studiando, tra gli altri, con: Roberto Dani, Fabrizio Fanticini e Riccardo Ceni. Inizia gli studi musicali all’età di 14 anni studiando basso elettrico con Gigi De Martino e, successivamente, con Enea Coppaloni (che lo avvicinerà al mondo del Jazz) e teoria e solfeggio con il M° Massimo Annoni. Fino al 2011 suona principalmente in ambito Rock (con la band Silver Shots) e Progressive, collaborando occasionalmente con l’artista metal norvegese “The Commander-In-Chief”, con il produttore Sergio Carrubba per lo spettacolo " Rock Revolution" e, in ambito Pop, incidendo con i Matia Bazar nel disco " Conseguenza Logica" . Dal 2011 in poi si occupa principalmente di Jazz e musica improvvisata. Dal 2013 fa parte del “Nu Creative Jazz Ensemble” di Daniele Cavallanti. Ha suonato con affermati musicisti della scena jazz italiana ed internazionale quali: Eyvind Kang, Aruan Ortiz, Marcelo Nisinman, Sabir Mateen, Roberto Bonati, Alberto Tacchini, Giancarlo " Nino" Locatelli, Gaetano Liguori, Daniele Cavallanti, Riccardo Luppi, Massimo Falascone, Paolo Tomelleri, Paolo Botti, Beppe Caruso, Roberto Del Piano, Filippo Monico, Toni Boselli, Lorenzo Gasperoni, Francesco Chiapperini... Ha partecipato a svariati Festival: Jazz & Joy (Worms, Germania), Festival du Chalone-Sur-Saone (Francia); Festival Verdi; ParmaJazz Frontiere; AngelicA (Bologna); L'Altro Suono (Modena); Il Ritmo delle Città (Milano); Novara Jazz; AhUm Jazz Festival (Milano) e seguito diversi seminari e workshop tra i quali: Franco D'Andrea, Giancarlo Schiaffini, Gianluigi Trovesi, Misha Alperin, Gianluca Senesi, Marcus Miller e moti altri. Collabora con svariate formazioni in ambito jazzistico (dal duo all'orchestra), in formazioni orchestrali di musica classica (stabile nella MG_INC Orchestra), in solo o in piccole formazioni di musica improvvisata e nell'ambito della musica leggera con l'Orchestra di Sanremo.

Dati Aggiornati al: 03-10-2019 07:45:28

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Giovedì 10-10-2019 alle 21:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Residence Sociale ALDO DICE 26 X 1

Indirizzo: Via XXIV Maggio 6 Sesto San Giovanni

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento