WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

La grandezza dell'uomo si misura in base a quel che cerca (Martin Heidegger)

> Home > Eventi a Milano del 06-07-2020 > Musica e Spettacoli > Del mal d'amore e di altri piaceri...

Del mal d'amore e di altri piaceri all'Estate Sforzesca

Del mal d'amore e di altri piaceri all'Estate Sforzesca

 

 

Piccola storia del piacere di cantare, dagli australopitechi ai Pinguini Tattici Nucleari Alla Dual Band piace tenere conferenze canore semiserie, sintesi scherzose del “come è successo che...?”, possibilmente dall’australopiteco ai giorni nostri. Stavolta ci siamo chiesti, perché si canta? Per invocare gli dèi? Per fare festa? Per chiamare la pecora Ugo che sta a fondo valle? Come abbiamo cominciato, appena scesi dagli alberi, a usare la voce in questo modo diverso e “innaturale”, che – quando è ben fatto – è fonte di infinito piacere per chi lo fa e per chi lo ascolta? E più precisamente, come la mettiamo col mal d’amore – che dal vero fa malissimo, ma che da sentir cantato è deliziosamente, sensualmente masochista? E poi come cantava lo scimmione? E gli antichi greci poi? Che salti facevano su quei vecchi sassi dell’orchestra? E perché i primi papi hanno fatto chiudere i teatri obbligando tutti a cantare all’unisono, salvo poi riscoprire – in chiesa – che cantare a tante voci è la cosa più sensuale che c’è? E chi erano, e a quali regole severissime si sottoponevano i cantautori del medioevo? Chi era il re del pop medievale? E chi è re, la musica o le parole? Chi era Maria d’Avalos, la donna più bella di Napoli, che faceva impazzire d’amore tutti, salvo fare una bruttissima fine? E che cos’è l’armonia per Gesualdo e Monteverdi e Schubert e i Beatles, che cos'è questo fil rouge che percorre i loro canti legando sofferenza e piacere e tagliando l’anima come un pugnale, come Tancredi che affonda la spada nel bel petto di Clorinda, o Eleanor Rigby che aspetta alla finestra indossando il volto che tiene in un vaso accanto alla porta... Uno spettacolo di Anna Zapparoli e Mario Borciani Con: Lorenzo Bonomi, Benedetta Borciani, Beniamino Borciani, Beatrice Palumbo, Lucrezia Piazzolla Tastiere: Mario Borciani e Federica Zoppis Organizzazione generale: Piera Rossi, Anna Zapparoli Lunedì 6 luglio ore 21,30 presso il Cortile delle armi del Castello Sforzesco Contributo per evento: 15€ o 10€ (sconto under26 con esibizione documento) Per prenotazioni: +39 3381912581 (Lucrezia Piazzolla)

Dati Aggiornati al: 05-07-2020 22:37:35

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO



Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Lunedì 06-07-2020 alle 21:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Castello Sforzesco di Milano

Indirizzo: Piazza Castello n. 1 Milano

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento