WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Il tempo è come un fiocco di neve, scompare mentre cerchiamo di decidere cosa farne. Romano Battaglia

> Home > Eventi a Milano del 31-07-2021 > Musica e Spettacoli > LAGUNA ✹ i suoni del mare > GODOT. +...

LAGUNA ✹ i suoni del mare > GODOT. + MICHELANGELO VOOD

LAGUNA ✹ i suoni del mare > GODOT. + MICHELANGELO VOOD

 

 

Costello's in coll.ne con Mare Culturale Urbano presenta LAGUNA ✹ i suoni del mare 31/07/2021 GODOT. + MICHELANGELO VOOD Mare Culturale Urbano Cascina Torrette - via G. Gabetti, 15 (Milano) Apertura porte ore 18:00 Inizio concerti ore 20:00 𓀓 INGRESSO GRATUITO - PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA ⬇️ Nel totale rispetto delle ordinanze in vigore per l’emergenza Covid-19, i posti a sedere saranno limitati. È necessario prenotare per il live inviando una mail a costebooking@gmail.com con oggetto data del concerto, nome di almeno una persona e numero posti da riservare. -------------------------------------------- 𓀀 LIVE GODOT. Di Godot. colpiscono da subito autenticità, entusiasmo e brillantezza. La sua urgenza espressiva è evidente, così come il suo approccio romantico alla scrittura ed alla vita. Godot. ama follemente gli archi e i suoni gentili, con i quali riempie le sue opere regalando sempre all'ascoltatore un accogliente e morbido rifugio emotivo, anche quando le sue liriche disegnano scorci di vita più duri e raccontano le fragilità dell'essere umano. «Mi chiamo GODOT. e scrivo canzoni. Sono cresciuto alle porte di Milano, a Cinisello Balsamo, una città che negli anni ha cominciato ad essere definita “patria della trap”. Dunque è così: son sempre stato un pesce fuor d’acqua. Io, cresciuto a pane e cantautorato italiano, le canzoni le scrivo che sembrano già vecchie. Sarà forse per questo che il mio negozio preferito al mondo è un vecchio negozietto dell’usato in una dimenticata via meneghina? Ho cominciato a scrivere canzoni per gioco. E no, non è tanto per, è proprio così. Scrivevo testi comici su melodie di canzoni famose e poi mi esibivo in classe dedicando le mie perle una volta alla professoressa, un’altra alla mia sfortunata amica Martina. Ero in seconda media. Mi sorprese l’attenzione con cui le persone mi stavano ad ascoltare, e nonostante io dicessi una quantità immensa di fesserie, loro mi ascoltavano. Fu così che un giorno allora provai a buttare giù qualche strofa, con la melodia che mi risuonava in testa, chiamai la mia amata cugina (con il suo fortunatissimo orecchio assoluto) e le chiesi di accompagnami alla chitarra. Avevo scritto la mia prima canzone. Decisi allora di iscrivermi a canto, a quel punto avevo 16 anni e una voce piena zeppa di incertezze. Allo studio della voce si affiancò la nascita di una serie si sfortunate band, prima i Keynote (ma che successo ebbe a Cinisello la nostra “Come Neve”!), poi i ThePratellis (con cui sperimentai la terribile esperienza di quattro ore di musica di un matrimonio, ma ricevetti anche il mio primo compenso da cantante!). A 20 anni suonati, ispirato dalla mia insegnante di canto, comprai un ukulele (ecco, tengo a precisare che fino ai 20 anni io scrivevo, immaginavo la melodia, e poi lasciavo che altri la suonassero: pessimo esempio, non seguitemi!). A quel punto, mentre anche i ThePratellis si scioglievano, a me non rimaneva che mettermi d’impegno e imparare almeno a suonicchiare qualcosa. Sono stati anni molto intensi per me, il mio trasferimento in Cambogia, il rientro a Milano con nuove consapevolezze, nuove paure... Avevo bisogno di essere ascoltato, ma non sapevo come parlare. Da questo momento in avanti, era circa il 2014, ho completamente rinnovato il mio modo di scrivere, memore di quanto accadesse alle medie: “se canti, ti ascolteranno”. Ho cominciato a raccontarmi per davvero, a mettermi a nudo e la musica per me è diventata terapeutica.Tutto accadeva nel “silenzio” della mia cameretta. Poi, nel 2017, ho deciso che era giunto il momento di farsi ascoltare. Quello è il momento in cui è nato GODOT. Era il 21 marzo 2017. Mi sono autoprodotto l’EP “ME NE VADO A LONDRA" e, accompagnato dall’ormai inseparabile ukulele, ho cominciato a girare di locale in locale cantando la mia storia.Nel 2019 ho deciso poi di imbarcarmi in una impresa che mi pareva impossibile: la produzione di un album. Negli ultimi tre anni non mi sono mai fermato, inseguendo l’enorme desiderio che ho di mettere a disposizione degli altri il poco che la vita mi ha insegnato, di condividere i miei dolori e magari guarire quelli degli altri, di essere contenti insieme e gridare all’unisono. La musica è la mia terapia, ma è anche la mia forma di condivisione più pura.» MICHELANGELO VOOD Michelangelo Paolino, in arte Michelangelo Vood, nasce nel 1991 ai piedi del Monte Vulture. Lì cresce circondato dalla natura incontaminata, che diventa un elemento caratterizzante della sua produzione. Vood non è infatti solo il cognome della madre, alla quale Michelangelo dedica il suo percorso artistico, ma anche un richiamo alla parola “wood” (bosco), che rispecchia l’elemento cardine del progetto. Per anni è il frontman della band punk-rock Liverside. Dopo il trasferimento a Milano, nel 2019 ricomincia a scrivere e pubblica “Ruggine”, il suo primo singolo autoprodotto. Il brano viene notato da Angelica, cantautrice ed ex leader dei Santa Margaret, che lo invita come opening act dei suoi concerti. “Van Gogh” è il secondo singolo, con cui Michelangelo ottiene la copertina della playlist “Nuovo Indie” su Spotify. A settembre 2019 vince il concorso per autori Genova per voi indetto da Universal Music Publishing. Il terzo singolo “Paris” anticipa l’Ep di debutto “Rio nero”, pubblicato il 23 giugno 2020. Grazie al singolo “Atollo”, estratto dall’Ep, viene scelto come “Artista della settimana” da MTV New Generation. A fine anno partecipa a Dream Hit, il primo social talent indetto da DOOM Entertainment, con il brano inedito “Campo minato”. L’artista arriva in finale, ricevendo il plauso dei giudici Carl Brave e Myss Keta che ne apprezzano le doti interpretative e di scrittura. Terminata l’esperienza, il brano viene pubblicato su tutte le piattaforme digitali con la produzione dell’omonimo Michelangelo (già producer di Blanco) e inserito nelle playlist “New Music Friday” e “Scuola Indie” di Spotify. Attualmente Michelangelo sta lavorando al suo primo album. -------------------------------------------- LAGUNA è la rassegna di concerti Costello's per l'estate di Mare Culturale Urbano. Cinque preziosi appuntamenti, belli come il suono del Mare, ma in città. Un'occasione per ascoltare per la prima volta dal vivo gli ultimi lavori di alcuni degli artisti del roster dell'agenzia nello splendido contesto di Cascina Torrette - Mare Culturale Urbano. Artwork by Facciocosepunto (https://www.instagram.com/facciocosepunto) ┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅ 𝗜𝗡𝗙𝗢: 📫 costebooking@gmail.com ☎️ Info call dalle ore 14 alle ore 19 > 331 80 50 663 ┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅┅ COSTELLO'S http://costellos.it MARE CULTURALE URBANO https://maremilano.org/

Dati Aggiornati al: 05-07-2021 14:32:56

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO



Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Sabato 31-07-2021 alle 19:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Mare Culturale Urbano

Prezzo: Gratis

Link: Sito Web dell'evento