WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

...un nuovo modo di condividere gli eventi che conosciamo...

> Home > Eventi a Milano del 14-01-2022 > Musica e Spettacoli > STANISLAVSKIJ: L’ENERGIA DELL’ERRORE

STANISLAVSKIJ: L’ENERGIA DELL’ERRORE

STANISLAVSKIJ: L’ENERGIA DELL’ERRORE

 

 

STANISLAVSKIJ L’ENERGIA DELL’ERRORE UNA VITA NEL TEATRO: DUE SERATE DI RACCONTI, LETTURE, IMMAGINI a cura di Roberta Arcelloni e Guido De Monticelli prima serata 14 Gennaio 2022 UN GABBIANO SUL SIPARIO – la vocazione seconda serata 21 Gennaio 2022 UNA BICICLETTA IN PALCOSCENICO – la rivoluzione «Non cambierei questo fallimento col più grande successo, per ciò che mi ha insegnato». È facile, leggendo le pagine dell’autobiografia artistica di Stanislavskij, imbattersi in affermazioni come questa. Nella sua esperienza di attore e pedagogo Kostantin Sergeevič è sempre stato attratto assai più dagli insuccessi che dai successi, ha sempre giudicato le critiche tanto più utili e preziose delle approvazioni, ai fallimenti e alle cadute si è abbeverato come alla fonte stessa della verità. È l’“energia dell’errore”, per usare un’espressione rubata a Lev Tolstoj, il gran motore dell’itinerario artistico e umano di Stanislavskij, ciò che lo ha reso, insieme, maestro e allievo di se stesso. Qui sta il nucleo del suo famoso “sistema”: aprire una via in se stessi per comprendere il mondo. Ma per farlo è più che mai necessario - ancora una vicinanza a Tolstoj - munirsi di un rigoroso programma di autoformazione, sempre aperto, tuttavia, alla verifica viva dell’esperienza. E proprio di questa natura è il percorso che Stanislavskij segue nel raccontare se stesso, la sua vita nell’arte: il suo è appunto un viaggio attraverso l’esperienza, dove “comprendere” significa “sentire”, ovvero vivere, provare. Dietro a ogni conquista dell’attore c’è un “ampliamento” dell’uomo e di quello che egli chiama il suo io creativo: «…Se si impara a conoscere (a sentire) l’arte in se stessi - scriveva a un’attrice - si impara a conoscere il mondo vivente, il senso della vita». Attingendo non solo alle sue parole ma anche a quelle di critici e scrittori, di attori e collaboratori, ripercorreremo quella vita, che ha attraversato due secoli passando dall’epoca zarista - dove prese forma una vocazione che avrebbe portato alla fondazione del Teatro d’Arte - al radicale rivolgimento della rivoluzione bolscevica cui seguirono i terribili anni della guerra civile. E leggendo alcune lettere, a lungo censurate, e inedite nel nostro paese, che portano alla luce le difficoltà economiche sue e del suo teatro, le lotte con la nuova censura, le difficoltà di rapporti con la nuova generazione di sovietizzatori negli anni staliniani, e infine il ritiro volontario nella sua casa-Studio, circondato da attori e allievi, ci chiederemo quale fu l’energia, o l’ostinazione, per usare il titolo del primo capitolo della sua autobiografia, che alimentò la sua ricerca fino agli ultimi giorni di vita. Ingresso a offerta libera Necessaria tessera AICS Prenotazioni a fe@fabbricaesperienza.it

Dati Aggiornati al: 30-11-2021 23:56:12

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO



Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Alle 20:30 dal 14-01-2022 al 21-01-2022
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: FE Fabbrica Dell'Esperienza

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento