...libero + gratuito + utile = WikiEventi...

> Home > Eventi a Milano del 31-12-2014 > Musica e Spettacoli > CINEMARATONA di CAPODANNO !!

CINEMARATONA di CAPODANNO !!

CINEMARATONA di CAPODANNO !!

 

 

3 2 1 ... CINEMARATONA
per festeggiare insieme il capodanno ci siamo inventati un evento da record !! una festa non stop dalle 11.00 del mattino a oltre la mezzanotte e 8 spettacoli .. in programma il meglio della stagione e qualche atteso ritorno
#ilCinemaCiHaProvocatoNoiAbbiamoRisposto

●●● CINEMARATONA ●●●

► TEMPI MODERNI di Charlie Chaplin ● h 11.00
► PERFIDIA di Bonifacio Angius ● h 13.00
► UN GATTO A PARIGI
di Jean-Loup Felicioli e Alain Gagnol ● h 14.50
► L'ARTE DELLA FELICITA'
di Alessandro Rak ● h 16.10
► SUGAR MAN di Malik Bendjelloul ● h 19.00
► ALLA RICERCA DI VIVIAN MAIER
di Charlie Siskel, John Maloof ● h 20.30
► IO STO CON LA SPOSA
di Antonio Augugliaro ,Gabriele Del Grande e Khaled Soliman Al Nassiry ● h 22.00
► BRINDISI BRINDISI BRINDISI di mezzanotte
► FRANK di Lenny Abrahamson ● h 00.10
... e se qualcuno avrà ancora voglia di cinema chissà che non ritorni anche KASPAR HAUSER di Davide Manuli

ECCO TUTTI I FILM

●●● TEMPI MODERNI ●●●
" Modern Times appare come la sola favola cinematografica che sappia cogliere lo sconforto dell'uomo del XX secolo di fronte alle meccaniche sociali e tecnologiche. Questo ritorno alle origini burlesche, dunque, non è affatto una regressione, poiché la tecnica della comicità si purifica, e al contatto con il grande tema che orchestra acquista un'ampiezza e un rigore classici. [...] Il film di Chaplin, completamente muto, appariva allora desueto e anacronistico. Ma il tempo, cancellando le prospettive, lo restituisce al suo classicismo e rivela chiaramente che al di là degli stili, l'importante è lo stile. È più che lo stile, il genio" (André Bazin).

●●● PERFIDIA ●●●
Mi interessava raccontare questo piccolo angolo di mondo, Sassari, una cittadina di provincia come ce ne sono tante in Italia, attraverso il problema della disoccupazione giovanile, il vuoto quotidiano che ne consegue e la visione clientelare come sua (non) risoluzione. La provincia anche come luogo fertile per sogni semplici e forse impossibili, ai quali però i personaggi si aggrappano come fossero la vita reale. Una vita fatta di attese incessanti, di invidia, di un desiderio di “normalità” che appare sempre più lontano. Ma soprattutto mi premeva raccontare il rapporto padre-figlio in una dimensione autentica, mostrarlo in tutta la sua moltitudine di comportamenti ed espressioni, sentirne l’umanità nella sua cruda pienezza. Utilizzando il mezzo cinematografico con lo scopo di raggiungere un’esperienza singolare, un’emozione condivisa, un momento di sincerità che si produce solo in un evento irripetibile. Volevo inoltre raccontare alcuni aspetti della follia umana con uno stile inedito: tenero, glaciale, violento. Ma non è la follia “patologica” che mi interessava portare sullo schermo, piuttosto la follia come conseguenza ad a una quotidianità talmente stagnante da diventare feroce, devastante. (Bonifacio Angius)

●●● UN GATTO A PARIGI ●●●
Un cartoon interamente disegnato a mano da due giovani animatori francesi al loro primo lungometraggio. Il gatto a matita vince contro il mouse: è la storia noir di un felino dalla doppia vita. Di giorno è il compagno di giochi della piccola Zoe, figlia del capitano di polizia Jeanne, di notte gira agilmente per i tetti di Parigi con Nico, ladro gentiluomo. Sarà proprio questi a salvare la bambina dalle grinfie del cattivo Victor Costa, in un crescendo di eventi e inseguimenti sui tetti di una Parigi da sogno.

●●● L'ARTE DELLA FELICITA' ●●●
Da una Napoli ferita e additata come cattivo esempio emerge un'opera che ha galvanizzato critica e pubblico e che è anche una proposta all'avanguardia per l'Italia, visto che l'idea di un lungometraggio animato 'per adulti' è tanto inedita da noi da essere stata definita una 'follia'. Non è così altrove, e ne abbiamo visti di film d'animazione per grandi, da Persepolis a Valzer con Bashir fino a Rughe-Arrugas, film pluripremiati e distribuiti internazionalmente con grande successo.

Insieme a Antonio Fresa e Luigi Scialdone, Luciano Stella ha dato vita alla Mad Entertainment, nata per produrre musica, animazione e documentari. Opera prima di Alessandro Rak, 'L'arte della felicità' è stato scelto per inaugurare la 28esima Settimana Internazionale della Critica di Venezia ed è il Miglior Film d'Animazione EFA 2014.

●●● SUGAR MAN ●●●
Nel 2006 Bendjelloul lascia il suo lavoro e si mette in viaggio zaino in spalla, in cerca di storie per un film. La migliore la ascolta a Cape Town: è la storia di Sixto Rodriguez. Con pochi soldi realizza alcune interviste, ma i soldi finiscono, così aggiunge alcune riprese fatte con uno smartphone e musiche autoprodotte. Tra mille difficoltà, monta da solo il suo film, che a sorpresa viene selezionato per il Sundance, ottenendo una interminabile standing ovation e due premi: i primi di una lunga serie. Buona parte del successo del film si deve all'eccezionalità della vicenda e della figura di Rodriguez, ma un ruolo non piccolo è rivestito dalla scelta di impostare il film a partire da un enigma. L'indagine culmina poi in una svolta clamorosa che apre la parte più toccante della storia. La verità è quella di una figura tanto semplice quanto luminosa e ricca di quell'etica solida e poetica che aveva infiammato attraverso le canzoni i cuori dei giovani sudafricani.

●●● ALLA RICERCA DI VIVIAN MAIER ●●●
Vivian Maier è misteriosa come tutte le persone comuni la cui vita non sembra destinata a finire in alcuna pagina di storia. Si sa che nasce a New York nel 1926, che nella giovinezza si divide tra la Francia e gli Stati Uniti, che il padre era andato via di casa nel 1939 e che lei, dopo aver lavorato in una fabbrica di New York, si trasferisce a Chicago e qui, per circa quarant'anni, vive facendo la babysitter. La gente la ricorda riservata, mentre andava a spasso per le strade della città con la sua Rolleiflex 6×6, facendo foto che non mostrava a nessuno. Parlando con alcune persone che l'hanno conosciuta, il giovane regista John Maloof ricostruisce il ritratto di una femminista, socialista, grande appassionata di cinema e soprattutto autodidatta. Tra i fotografi più sorprendenti del XX secolo, Vivian Maier occupa un posto d'onore, faticosamente conquistato dopo anni di anonimato, e grazie a una progressiva scoperta, lenta e entusiasmante, del suo inedito patrimonio iconografico. Volti, ombre e riflessi, scattati dalla fotografa lungo le strade dell'American Lifestyle, svelati da più di centomila negativi, finiti all'asta. Maloof li ha acquistati per quattrocento dollari. Un grande scoperta condivisa attraverso un blog e i profili social dedicati, e mostre che arriveranno anche in Italia.

●●● IO STO CON LA SPOSA ●●●
Un poeta palestinese siriano e un giornalista italiano incontrano a Milano cinque palestinesi e siriani sbarcati a Lampedusa in fuga dalla guerra, e decidono di aiutarli a proseguire il loro viaggio clandestino verso la Svezia. Per evitare di essere arrestati come contrabbandieri però, decidono di mettere in scena un finto matrimonio coinvolgendo un'amica palestinese che si travestirà da sposa, e una decina di amici italiani e siriani che si travestiranno da invitati. Così mascherati, attraverseranno mezza Europa, in un viaggio di quattro giorni e tremila chilometri. Un viaggio carico di emozioni che oltre a raccontare le storie e i sogni dei cinque palestinesi e siriani in fuga e dei loro speciali contrabbandieri, mostra un'Europa sconosciuta. Un'Europa transnazionale, solidale e goliardica che riesce a farsi beffa delle leggi e dei controlli della Fortezza con una mascherata che ha dell'incredibile, ma che altro non è che il racconto in presa diretta di una storia realmente accaduta sulla strada da Milano a Stoccolma tra il 14 e il 18 novembre 2013.

●●● FRANK ●●●
Per un giovane aspirante musicista è una fortuna finire a suonare con Frank, o un terribile guaio? Perché Frank non è solo il leader di una band d’avanguardia dal nome impronunciabile, i Soronprfbs. Frank non è solo un genio della musica. Frank ha un vezzo inquietante: porta una gigantesca maschera di cartapesta. Forse è un pazzo, forse un profeta. Ma dopo aver lavorato con lui non sarai mai più lo stesso. Liberamente ispirato a Frank Sidebottom, alter ego del comico e musicista britannico Chris Sievey e ai cantautori Daniel Johnston e Captain Beefheart, questa vicenda ci porta sul confine tra genio e follia. Per celebrare la vita ai margini. Sotto la maschera di Frank l'acclamato attore Michael Fassbender.

# # # #

► più film vedrai e più piccolo sarà il prezzo del biglietto !!
● 1 ingresso 6.5 euro
● 2 ingressi 10 euro
● 3 ingressi 12 euro
● 4 ingressi 16 euro
● 5 ingressi 20 euro
● 6 ingressi 24 euro
● 7 ingressi 28 euro e l'ottavo è in omaggio !!

Cinema Beltrade
via Nino Oxilia 10
M1 Pasteur
tram 1 fermata piazza Morbegno
M1 notturna Pasteur
in auto: dalla Stazione Centrale (lato Piazza Luigi di Savoia) o da Vale Brianza prendere via Soperga e proseguire dritto fino a via Oxilia.
disponibilità di parcheggi gratuiti sul sagrato (molto limitata: circa 6 posti)
non sei mai venuta-o? Chiedi della chiesa di Santa Maria Beltrade e cerca: ci troverai!

# # # #

prenotazioni: prenota@cinemabeltrade.net
informazioni: info@cinemabeltrade.net
02.26820592
02.95339774
348.2666090
347.4512456

Dati Aggiornati al: 31-12-2014 10:46:39

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Mercoledì 31-12-2014 alle 11:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Cinema Beltrade

Indirizzo: Via Nino Oxilia 10 Milano

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento