Nulla fa sospettare tanto un uomo quanto il saper poco. Francis Bacon

> Home > Eventi a Milano del 13-09-2015 > Mostre e Cultura > GIALLO MILANO

GIALLO MILANO

GIALLO MILANO

 

 

L'Associazione Circuiti Dinamici
Via A. Giovanola 21/C
20142 - Milano
presenta

GIALLO MILANO
di Luigi Lusenti e Laura Miani

Inaugurazione domenica 13 settembre 2015 ore 18
con il contributo di Marco Brando

La mostra sarà aperta fino al 25 settembre 2015
il giovedi, venerdì e sabato dalle 17 alle 19

“Tutti i colori, tranne che il grigio” diceva Bonvesin de la Riva parlando di Milano. Poi per un lungo periodo, all'incirca a metà del secolo scorso, Milano si aggiudicò il titolo di “città grigia”: grigio il fumo delle ciminiere, grigie le tute dei lavoratori, grigia anche la nebbia, la famosa scìghera. Qualcuno l'ha pure raccontata in bianco e nero. Indimenticabile Scerbanenco con i suoi personaggi così reali da sentirteli accanto. Ma in quella mancanza di colori si muovevano persone vere, umane, in una città malinconica ma ricca di sentimenti e anche di speranze: boom economico, capitale morale, Inter e Milan in vetta al mondo del calcio. Poi nel 1986 una notizia clamorosa, quell'anno c'erano state a Milano più giornate di sole che a Palermo. E il sole porta colore. L'azzurro terso del cielo, il verde screpolato delle panchine, il rosa del marmo del Duomo. Ritornarono i colori? O forse c'erano sempre stati e nessuno se ne era mai accorto?
I colori c’erano, ci sono sempre stati, e uno più di tutti, il giallo, rivela l’anima della città. Colora le inferriate dei ponti che attraversano i navigli, i tram della Milano da bere, le case del centro e della periferia, la linea MM3, le biciclette del byke-sharing, i muri della Scala di notte. Il giallo oro della Madonnina, simbolo di Milano, domina dall’alto, riflette la luce del sole nelle giornate terse e anche con la nebbia si riesce a distinguerne il suo chiarore.
Il giallo paglierino svela la fragranza del panettone non appena lo tagliamo. Il risotto alla milanese viene cucinato con lo zafferano, la polenta accompagna la cassoeula, altro piatto tipico della tradizione culinaria meneghina. Per ultima, ma non da ultima, la cotoletta alla milanese è ricoperta da una croccante impanatura giallo ocra. Così, se ci pensiamo, ci rendiamo conto che anche nella cucina milanese il giallo non è un colore secondario. Come non lo è nelle colture agricole e nella vegetazione. Campi di mais e di grano cingono l’hinterland milanese, i fiori di zucchina e le zucche riempiono gli orti urbani, i fiori del tarassaco (o più comunemente dell’insalata matta) spuntano come coriandoli gialli in mezzo ai giardini, nei prati dei parchi, lungo le vie d’acqua della nostra Milano. E splendidi cespugli di forsizia ci regalano in primavera un’immagine solare dei nostri viali.
E per finire, con queste premesse, dove poteva nascere il termine “giallo” per indicare il genere letterario delle “detective stories”, se non a Milano?
Ecco dunque “Milano in giallo”, una mostra fotografica che legge e interpreta la città attraverso un colore, non unico, ma dominante.
Luigi Lusenti e Laura Miani

Spesso siamo distratti. Soprattutto a Milano, dove la vita scorre più velocemente che altrove e non si ha quasi mai la pazienza per uscire dal guscio e osservare. D’altra parte, oggi a bordo dei nostri autobus e del nostro metrò ormai oltre la metà delle persone è concentrata solo su smartphone e tablet. Per fortuna, c’è un lato positivo: questi aggeggi - che servono a volte anche per telefonare - hanno fatto scoprire a tanti, grazie ai social network, la possibilità di condividere ciò che vedono in tempo reale. Le foto così invadono il web; ma spesso in modo caotico e privo di interesse, come d’altra parte capita con tante chiacchiere campate in aria, anzi… online.

Le fotografie proposte con questa iniziativa mostrano però che ciò che scorre davanti ai nostro occhi non è solo una massa indistinta di immagini. O meglio, dimostrano che in quella massa ci sono dettagli con un filo conduttore, una logica, una storia e un valore estetico. Bisogna saper cercare e soprattutto vedere. Qui gli autori ci sono riusciti, perché, appunto, attraverso i dettagli - lungo il percorso suggerito dal tema, il giallo milanese - trasmettono un messaggio. Vanno oltre quello che chi guarda normalmente già nota con i propri occhi. E così mostrano ciò che, altrimenti, passerebbe inosservato.

La riscoperta del giallo milanese, inteso come colore, da questo punto di vista non è scontata, al di là del gioco di parole col genere letterario. L’ocra, con le sue tonalità tra giallo-oro e marrone chiaro, dall’Ottocento è stato il padrone di casa a Milano: è definito anche “giallo Maria Teresa”, dal nome dell’imperatrice austriaca. Oggi questa tinta sta riprendendo piede: basti pensare che l’ocra domina la Galleria, appena restaurata. Ma ha rischiato di scomparire. Dieci anni fa, nel 2005, Elisabetta Rosaspina scrisse nella cronaca milanese del Corriere della Sera un articolo intitolato <Addio al «giallo Milano» Palazzi sempre più grigi>. Iniziava così: <Un'epidemia: il pallore del grigio o, nel migliore dei casi, un color crema e rosato si sono estesi alle pareti, per decenni color ocra della Biblioteca comunale Sormani, in corso di Porta Vittoria, di Palazzo Litta in corso Magenta, del Teatro dal Verme, in Foro Buonaparte, della scuola militare di corso Italia. Quando anche la Scala ha perso la sua tinta zafferano, i milanesi hanno cominciato a discuterne. Ma era già tardi>.

Nel 2005 la Sovrintendenza spiegò che quell’ocra non era il colore di Milano prima dell’Ottocento, che l’imperatrice non c’entra nulla e che semmai era stato il nuovo Genio civile di stampo piemontese a imporci colori “torinesi”. Di certo, però, il giallo ha avuto il pregio di rendere meno “fredda” una metropoli definita per molti decenni, a torto o a ragione, grigia. A me, di sicuro, piace. E i nostri fotografi ci ricordano che Milano, in giallo, sa ancora riconoscere se stessa.
Marco Brando

Dati Aggiornati al: 04-09-2015 15:28:34

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Alle 18:00 dal 13-09-2015 al 25-09-2015
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

nei seguenti giorni : Gio - Ven - Sab -

Dove: Circuiti Dinamici

Indirizzo: -- Milano

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento