...Eventi per tutti, non solo per gli amici...

> Home > Eventi a Milano del 19-10-2015 > Mostre e Cultura > Presentazione raccolta poetica " Quasi...

Presentazione raccolta poetica " Quasi poesie"

Presentazione raccolta poetica " Quasi poesie"

 

 

Il tempo è tutto,
Il tempo è nulla;
E senza tempo,
Ti accorgi che non puoi amare,
Non puoi dormire,
Insomma non vivi,
Tutto finisce con il tempo...

Tratto da " Una nuova stagione" scritta con Annalisa Palma

“Forse l’amore è il processo con il quale ti riconduco dolcemente a te stesso” (Antoine de Saint Exupéry in Vento sabbia e stelle)

Non so mai cosa prendere in considerazione quando scrivo una prefazione ad un libro di poesia, il vero prefattore considererebbe la struttura del verso, e tutta una serie di capacità del poeta di versificare, da parte mia quello che invece più mi sta a cuore è la sensibilità e la cura delle parole; quella scelta che permette ad una sola parola di esprimere l’intento del poeta. Mi piace scoprire se i suoi versi diventano miei, se posso indossarli e dire: leggendo mi leggo, oppure: questo avrei voluto scriverlo io. Mi rendo conto quindi che tanto l’analisi, quanto la sua influenza sul toccare le corde dell’anima sono egualmente importanti. Quando leggo una poesia ho bisogno di avvertire quanta vita e quanta musicalità si attorciglia alla forma del verso. Valerio Achille Semenzin è un autore che conosco per altre vie, questo è il suo primo libro poetico e sento la grande responsabilità della sua opera. Sì perché ad onta della semplicità della sua poesia il Nostro sceglie di scrivere ogni volta che si sente sommergere da una infinita tenerezza, così i suoi pensieri diventano parole , così ritroviamo ricordi, momenti di vita vissuta, persone importanti, riflessioni profonde sul senso della vita e sui sentimenti..

Ravviso con quanta cura attende all’amore, all’amicizia alle emozioni più semplici. In questa sua raccolta si comprende con quanta attenzione resta in ascolto del suo destino e di chi incontra anche per caso sul treno o su una strada; ogni tanto si sofferma sui sogni e fa della vita un film, un suo particolarissimo film dove il male e il dolore l’abitano in forme diverse, ma c’è sempre un sorriso e la scoperta della bellezza e se poi il sole non splende nel cielo, lo fa splendere dentro di sé.

Poco importa se c’è qualche ridondanza, ben venga un linguaggio sincero, intervenuto a ritmare il tempo e i ricordi, a definire il passato “E di persone da ricordare ne ho sempre tante...troppe;/Dalla mia mamma al mio papà in poi,”.

E’ difficile rendere con poche parole il senso di questa raccolta, perché Valerio Achille Semenzin si muove in diversi campi.

Allora mi piacerebbe esserci in quell’autobus, su quelle strade o al mercatino; mi muoverei con discrezione per non urtare nemmeno una virgola o una parola e mi farei da parte quando scrive: “Silenzio che porgi a me il tuo ristoro,/Felice lo accetto come se fosse oro”.

Dalla prefazione di Carla De Angelis


“ Il vento spazza via le foglie, come una scopa magica “.
Il mio primissimo spunto poetico.
Tuttavia non so se sono un poeta.
Non l’ho mai capito e penso che non lo capirò mai.
Ho scritto le mie emozioni, senza una logica, tantomeno una metrica e la cosa strana è che io le venda come poesie.
Quasi poesie allora; dal momento che non tutti i canoni del genere sono rispettati.
Ecco il perché del titolo della mia prima silloge.

Dalla mia introduzione

“Quasi poesie” è un immenso ed elegante giardino fiorito di camelie e di rose dove tra scene di vita quotidiana, i ricordi di un passato recente si avvinghiano a quelli di un tempo andato, lontano, ma non troppo, poiché è l’Autore a non lasciare allontanare, più di tanto, le sue memorie dal presente. E nell’aria mentre risuonano i battiti di un cuore, la penna scorre sul foglio bianco a riempire pagine di emozioni vere e semplici.
Sono l’umanità e la semplicità le armi vincenti di questa silloge.

Dall'introduzione di Antonietta Meringola di Apollo Edizioni


Vi aspetto all'Henry's Cafè allora per discutere e leggere con me qualche poesia.

Grazie ai fotografi Ambrogio Trezzi, Carlo Giarrusso e Giuseppe D'Emilio per avermi prestato le rispettive foto.
C'è anche una mia, ma poco conta.

Grazie anche a Deborha Carpentiero per aver disegnato la poesia " Latte e biscotti"

Grazie anche a voi che cercherete di esserci!!!
L'orario è comodissimo e in più, provocazione, l'evento è stato fissato nella settimana del BookCity a Milano!!!

All'Henry's si arriva facilmente con il tram 9.
La fermata è Col di Lana, sia in direzione Stazione Centrale, sia Porta Genova.
Consiglio di arrivare con i mezzi pubblici, vista la zona.

Dati Aggiornati al: 05-10-2015 21:10:07

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Lunedì 19-10-2015 alle 19:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Henry's Cafe'

Indirizzo: Viale Col di Lana, 4 Milano

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento