Vivere non è concepire ciò che bisogna fare, è farlo. Henri-Frédéric Amiel

> Home > Eventi a Milano del 20-11-2015 > Musica e Spettacoli > Pashmak & Henry Beckett LIVE @ZAM

Pashmak & Henry Beckett LIVE @ZAM

Pashmak & Henry Beckett LIVE @ZAM

 

 

Riparte la stagione di concerti live a ZAM

Sentiamo la necessità di continuare il connubio tra note e spazi necessari per esprimere " ciò che è impossibile da dire e su cui è impossibile tacere."

Abbiamo la fortuna di ripartire alla grande con i Pashmak - پشمک aperti da Henry Beckett

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •• • • • • • • • • • • • • • • •

PASHMAK
Pashmak in Persian means “like wool”. It is the name of an Iranian candy, similar in texture to a
fabric or a hair lock. Its making is long and complex, but in an instant it melts in the mouth
releasing a sweet taste.

Pashmak is a band hailing from Milan, composed by young members (born in 1992 and 1993, with
the exception of a 1984-born) whose current formation originates in the spring of 2013, after two
EPs acclaimed by both public and critics (Magnetic Knife Strip, released in 2012, and
Desquamation, released in the first months of 2013).

Their sound is powerful and ever-changing, freely but confidently shifting through electronica, artrock, indie and folk, studded by wide and diverse influences, exactly like the origins of the band
members: one of Iranian descent (lead singer Damon Arabsolgar), one of U.S. descent (Giuliano
Pascoe), and two Southern Italians hailing from Sicily (Martin Nicastro) and Lucania (Antonio
Polidoro), plus also an original Milanese (Stefano Fiori).



“I Pashmak, già nome proveniente da terre lontane, accompagnano nel loro trip sonoro e mentale con una facilità estrema; donando un album di debutto unico, perché " Magnetic Knife Strip" è un vero e proprio mezzo di locomozione verso luoghi lontani. Si parte da “Africa”, con sonorità di violini e percussioni mediorientali che preparano l’orecchio ad un’inaspettata lettura tratta da “Anatomia dell’irrequietezza” di Bruce Chatwin, e si arriva a “New York”, lasciando spazio a suoni più elettrici e meno acustico-folkeggianti; aprendo questa contaminazione sonora a un pianoforte insistente e cadenzato che lascia sfogo a una melodia propriamente anni ’90 e a tratti anche grunge.“ Carlotta Freni ROCKIT

“Bella l’idea che tra indigeni milanesi lucani siculi il cantante (Damon Arabsolgar) abbia ascendenze iraniane, e il chitarrabassista Giuliano Pascoe statunitensi; e bel nome da dessert persiano per la band. Allo stesso modo, il nuovo album Let the waters flow offre filigrane sonore di lavorazione complessa: un intreccio elettroacustico di sinuosità e spigoli, ritmiche dispari e cambi di direzione: a volte sembrano i Massive Attack in apnea, a volte una sauna shoegaze, a volte un flamenco da chillout, a volte una electro berlinese. Mai meno che interessante. “ Pier Andrea Canei INTERNAZIONALE



“Suoni e timbri ora acustici ora digitali, scuri e luci atmosferiche e un cantato sollevato, a mezz’aria o profondo, tutte chiavi di lettura di un disco che arricchisce il dentro, fino a scardinarlo tenuamente; ma anche disco che vive nell’underground ma già ottimo per l’internazionalità, basta sintonizzarsi – tra le tante – nella vivacità plastificata di Particles, dentro il flusso riverberato di Douglas, attraverso il pastiche di corde d’eco ispanico/latina Mata atlantica oppure buttarsi a corpo morto nelle leggiadre onde perpetue di Calypso, in pochi giri di parole un disco che è poi un buon risultato pieno e che combatte tra bellezza e solitudine, tra crepuscoli e soli lattiginosi.
Stupendo!” Max Sannella FREAKOUT MAGAZINE

https://www.facebook.com/Pashmak
https://soundcloud.com/pashmak-band/

• • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • • •• • • • • • • • • • • • • • • •

HENRY BECKETT
Henry Beckett è un cantautore milanese che si è ispirato principalmente ad artisti come Neil Young e Ryan Adams. Negli ultimi due anni ha costruito un vasto repertorio alternative country intenso e melodico, spezzato da qualche sfumatura rock più tagliente, e che racconta il tempo che passa e i ricordi che si lascia indietro.

https://www.facebook.com/thebeckett

Dati Aggiornati al: 16-11-2015 10:17:03

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Venerdì 20-11-2015 alle 21:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Collettivo Zam

Indirizzo: via sant'abbondio 10 milano Milano

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento