Niente ha bisogno d'esser modificato quanto le abitudini degli altri. Mark Twain

> Home > Eventi a Milano del 11-02-2016 > Altro... > Tancredi Fornasetti, La Città In-Vivibile

Tancredi Fornasetti, La Città In-Vivibile

Tancredi Fornasetti, La Città In-Vivibile

 

 

Tancredi è figlio d’arte, lo diciamo subito, così ci siamo tolti il pensiero e possiamo raccontare la sua straordinaria individualità originale.
Si può tranquillamente affermare che Tancredi si muova in quel grande oceano che è l’Astrattismo che nasce quando nei quadri non vi è più riferimento alla realtà. Nel campo delle immagini, i segni, intesi come simboli che rimandano a cose o idee, sono già un modo astratto di rappresentare la realtà.
Più nello specifico la poetica della pittura di Fornasetti è fatta di geometria e architettura, quest’ultima, ora razionalista degli anni ’30, ora metafisica con qualche ispirazione a De Chirico (Giochi di scale e Le Città Invisibili).

Nei suoi quadri però va detto, anche perché ne esprime la sua grande originalità, Il concetto di " astrazione" è molto generale: esprime un procedimento mentale ed emotivo che descrive la realtà nella molteplicità delle sue caratteristiche.
Si avverte, come fattore ispirativo, una formazione contemporanea fatta di studi classici, grandi riferimenti storico-artistici e la dimensione di un giovane quasi nativo digitale: se, citandone solo alcuni, per Mondrian, Kandinsky, Malevich e Soldati le regole, gli stimoli stavano nell’abolizione della terza dimensione e l’indipendenza dai valori emotivi, qui troviamo occhi cresciuti a video, giochi e mondo digitale mischiati, come colori nei suoi pennelli, con gli immortali paesaggi romani e l’emozione regna incontrastata.

Inevitabile dunque che la formazione delle sue “strutture impossibili” si rifaccia anche alla scenografia colossale cinematografica oltre che all’opera pittorica di riferimento. Eppure… in tutto questo c’è grandissima armonia: Tancredi riesce a citare Depero, il suo magnifico Moto Perpetuo del 2014 è quasi una rilettura della Rotazione di Ballerina e Pappagalli e, nello stesso tempo creare una superficie geometrica di gioco come l’evoluzione del suo spazio scenico. Ci riporta in tempi lontanissimi e primordiali in cui la geometria sacra, considerata una forma di “magia talismanica" , non venne più applicata unicamente all'architettura, ma anche alla pittura.

D’altronde la storia contemporanea ci ha dato esempi di incontri straordinari, ci piace ricordare il 1982, quando Warhol realizzò una serie di opere ispirate alla pittura metafisica di De Chirico, morto da 4 anni. Il progetto si concretizzò in una mostra intitolata “Warhol versus De Chirico”, che fu presentata nella sala degli Orazi e Curiazi in Campidoglio a Roma, il 20 novembre 1982.

Tornando a Tancredi, egli ha un potente immaginario nutrito dall’accidentalità dell’inconscio e, mediante l’uso di tecniche pittoriche faticose, il lavoro a mano libera, realizza una sorta di skyline contemporaneo, usando il linguaggio dell’arte: ora come i surrealisti sotto il segno dell’enigma, ora fuori dagli schematismi del surrealismo in favore di una geometria gioiosa e illuminata, solare.
Come Soldati, padre nobile di quest’arte, “giunge alla riduzione a elementari scansioni geometriche della stesura pittorica, così da lasciare ogni risalto alla creatività che muove schemi e strutture senza bloccarli in dati percettivi rigidi e definitivi” (Paolo Fossati)

La sua pittura si muove con un entusiasmo contagioso, forza i protocolli stilistici del genere e afferma una sua statura espressiva che non attua dunque una formula, ma continuamente interroga la lingua pittorica nel processo stesso del suo farsi, in perfetta chiarezza intellettuale. In altri termini, l’assunzione naturale e il metabolismo verso le avventure infinite della forma possibile è un’esplorazione programmatica di spazi e strutture a forte tasso di dinamismo.

Come ha scritto Manuela Van: “…Tancredi Fornasetti lavora sul rapporto Spazio-Colore il quale si può definire come il fulcro di quella stretta connessione e interazione di due forze opposte, una analitica e l'altra sintetica, una centrifuga e l'altra centripeta. Lo spettatore è proiettato in un mondo dove sembrano aprirsi porte , strade e finestre le quali diventano poi linee e forme più o meno complesse che creano un susseguirsi di infiniti percorsi e possibilità che si contraddicono e si sostengono al tempo stesso creando piani sovrapposti che guidano verso infinite possibilità…”

Insomma è davvero una mostra interessante e molto, molto bella!

(Mario Giusti)

Tancredi Fornasetti LA CITTA’ IN-VIVIBILE
Inaugurazione giovedi 11 febbraio: galleria Mario Giusti HQ-HEADQUARTER Via Cesare Correnti 14 Milano
11 febbraio/4 marzo 2016 - lu/ve 10.30-19 (orari differenti e weekend su appuntamento)
www.mariogiustihq.com - info@mariogiustihq.com

Dati Aggiornati al: 03-02-2016 09:27:47

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Altro...

Quando: Giovedì 11-02-2016 alle 18:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Mario Giusti HQ

Indirizzo: Via Cesare Correnti 14 Milano

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento