Vivere bene è meglio che vivere. Aristotele

> Home > Eventi a Milano del 08-03-2016 > Musica e Spettacoli > 8.3 No. Storia di Franca Viola

8.3 No. Storia di Franca Viola

8.3 No. Storia di Franca Viola

 

 

NO.
Storia di Franca Viola

di Chiara Boscaro
con Sara Urban
regia di Alessia Gennari
una produzione lattOria e Fondazione Piacenza e Vigevano

«Non fu un gesto coraggioso. Ho fatto solo quello che mi sentivo di fare, come farebbe oggi una qualsiasi ragazza: ho ascoltato il mio cuore, il resto è venuto da sé. Oggi consiglio ai giovani di seguire i loro sentimenti; non è difficile. Io l'ho fatto in una Sicilia molto diversa; loro possono farlo guardando semplicemente nei loro cuori». Franca Viola intervistata da Riccardo Vescovo, gennaio 2006

La storia è semplice.
Siamo ad Alcamo, Sicilia. È il 1965.
Filippo Melodia, rampollo della mafia locale, chiede a Franca Viola, diciassettenne figlia di un mezzadro, di sposarlo. La risposta è no. Filippo Melodia, allora, rapisce Franca, la violenta e la riporta a casa disonorata.
Per salvare Franca dal destino che spettava a coloro che erano state disonorate - povertà, solitudine, vergogna - Filippo si offre di sposarla. Un matrimonio riparatore, come si diceva allora. Un matrimonio riparatore per riscattare l’onore di Franca rendendola una moglie onesta ed estinguere i reati di Filippo (tra gli altri, sequestro di persona e stupro). Così prevedeva l’articolo 544 del Codice Penale. Ma la risposta di Franca è ancora no. Un NO che farà la Storia.

Franca Viola è la prima donna in Italia a rifiutare il matrimonio riparatore. Diventerà un simbolo per le battaglie civili e femminili. È anche grazie a lei se verrà abolito l’articolo 544. Nel 1981. Vent’anni dopo quei fatti, solo trent’anni fa.

lattOria continua il suo percorso nell’ambito del teatro di argomento civile e in particolare dedicato ai temi del femminile con un monologo di narrazione scritto da Chiara Boscaro che collabora per la prima volta con la compagnia. NO. Storia di Franca Viola nasce dalla necessità, dall’urgenza, di raccontare questa storia – simbolica, contraddittoria, emblematicamente italiana – nella quale sono insite le riflessioni, le tragedie, le battaglie di generazioni di donne. Perché è una storia che parla ancora oggi. E perché quel NO di Franca Viola, con la sua resistenza silenziosa, ha cambiato e migliorato la nostra società, oggi.

Il progetto teatrale lattOria nasce nel marzo 2009 da un’idea di Alessia Gennari, regista, e Sara Urban, attrice. lattOria debutta al Castello Sforzesco di Vigevano con L’isola degli Schiavi di P. de Marivaux, spettacolo vincitore del concorso Previsioni 2009, poi presentato nella stagione 2009/2010 del Teatro Verdi di Milano. Seguono Antigone da Sofocle, drammaturgia originale da Sofocle e Brecht, che debutta nel 2010 presso il Teatro La Lucernetta di Como ed è finalista al concorso Linutile del Teatro, e Radice/Corsia degli incurabili di P. Valduga nella rassegna Anteprima 89 allo Spazio Teatro 89 di Milano. Nel 2011 debutta al Teatro del Borgo di Milano El’sa K. di A. Riscassi, spettacolo sulla figura di Anna Politkovskaja, realizzato con Annaviva. Nel 2012, nella stagione del Teatro Giacosa di Ivrea, è in scena Milena ovvero la fortuna di vivere in un paese che si preoccupa della morte di Morrison di M. Mazzocut-Mis, poi al Teatro Sala Fontana di Milano. Nel 2013 lattOria collabora con l’Università degli Studi di Milano: conduce un laboratorio intitolato Dal testo alla scena: teatro «malgrado tutto». Il teatro della guerra. La guerra a teatro e mette in scena Vite private (in regime di crisi), testo collettivo frutto di un laboratorio di drammaturgia, al Teatro Ringhiera di Milano. Inoltre lattOria collabora con ArteVox per Elena. Tragedia lirica sulla deriva del mito di M. Mazzocut-Mis con musiche originali di A. Corghi, che debutta al Teatro Giacosa di Ivrea, poi nella stagione 2013/2014 del Teatro Elfo Puccini di Milano. Nel 2013 prende vita il progetto Invito a teatro che, sostenuto dalla Fondazione Piacenza e Vigevano, si rivolge al pubblico degli studenti delle scuole vigevanesi e nell’ambito del quale nascono L’altra metà della relatività di S. Urban e I calzini di Albert di S. Ciullo, spettacoli rispettivamente per ragazzi e bambini ispirati alla figura di Albert Einstein. Nel medesimo progetto nel 2015 debutta NO. Storia di Franca Viola. lattOria collabora inoltre a Educarsi alla libertà progetto teatrale con i detenuti della sezione maschile della Casa di Reclusione di Vigevano, con i quali realizza lo spettacolo Io che sono Nessuno in scena al Teatro del Carcere e successivamente a Expo e nella Rassegna Letteraria 2015 della città di Vigevano.

Dati Aggiornati al: 08-03-2016 09:45:57

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Martedì 08-03-2016 alle 21:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Circolo Arci Cicco Simonetta

Indirizzo: Via Cicco Simonetta 16 - P.ta Ticinese/Navigli Milano

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento