Il tempo è la cosa più preziosa che un uomo possa spendere. Teofrasto

> Home > Eventi a Milano del 25-10-2013 > Musica e Spettacoli > Torna il Beethoven di Corrado d'Elia

Torna il Beethoven di Corrado d'Elia

Torna il Beethoven di Corrado d'Elia

 

 

Dal 25 ottobre al 4 novembre 2013 a Teatro Libero
Io, Ludwig van Beethoven

progetto e regia Corrado d'Elia
con Corrado d'Elia
assistente alla regia Andrea Finizio
scene Giovanna Angeli e Luca Ligato
luci Alessandro Tinelli
fonica Giulio Fassina
costumi Stefania Di Martino
consulenza e scelte musicali Andrea Finizio e Monica Serafini
foto di scena Angelo Redaelli
si ringraziano Alessandro Sgamma, Viviana Carniti
produzione Teatro Libero


Dopo il successo della tournée della scorsa stagione torna a grande richiesta a Teatro Libero l'omaggio di Corrado d'Elia allo straordinario talento del compositore tedesco.

Ludwig van Beethoven fu uno dei più grandi geni musicali mai esistiti.
Non si può comprendere il genio con occhi normali, non rientra in nessuna categoria e la sua complessità non si può afferrare.
Indagarne la vita vuol dire accostarsi ad altezze umanamente insolite, rubarne per un istante la grandezza e la follia per raggiungere ebrezze ed emozioni insperate.

Così, partendo da una passione antica, ci accostiamo a Beethoven con emozione per indagarne non solo i tanti misteri, la sordità, i rapporti col padre e con il suo tempo, il suo talento, gli amori, profondi e contrastati, le sue durezze, ma soprattutto la sua musica... la sua musica immortale.
E quella Nona Sinfonia, quei quattro movimenti così conosciuti e amati che hanno cambiato la storia della musica per sempre.

Perché Beethoven aspettò dieci anni per comporre la Nona? Avendo la musica già in testa... Cosa successe in quei dieci anni? Cosa cambiò nel mondo che lo circondava e cosa successe dentro di lui, e, soprattutto, come si preparò alla serata della prima rappresentazione, a Vienna, il 7 maggio del 1824?

Ci vuole tempo per raccontare la bellezza.
Chiudiamo gli occhi ed ascolteremo come mai abbiamo fatto prima.

Qualche estratto dalla critica...

Uno straordinario Corrado d'Elia, con una presenza scenica imponente, rende omaggio al genio di uno dei più grandi compositori di tutti i tempi. (Sebastiano Di Mauro, 2duerighe.com)

Un lavoro ben riuscito, che, oltre a invitare all'ascolto delle opere di Beethoven, rappresenta un altro importante tassello nella ricerca teatrale del suo ideatore. (Claudio Elli, Puntoelineamagazine.it)

Un flusso di coscienza che emoziona e affascina il pubblico, meritando la messa in scena di diverse repliche, vista la grande richiesta, che sancisce la bravura e la capacità di intrattenere di d'Elia. (Lucilla Continenza, Oblò.it)

Uno spettacolo egregio, un piccolo capolavoro, dove l'equilibrio tra parola, musica, luci non si interrompe mai. (Maria Pia Monteduro, Vespertilla)

Un'emozione straordinaria (...) la forza catartica delle parole, della voce, del gesti che riempiono la scena e il teatro, ti invadono, ti conquistano, ti commuovono. E piangi e ridi. E non sai più se accade a Vienna il 7 maggio 1824 o a Roma in un giorno di maggio del 2013. (Velia Iacovino, Memorimese.it)

Corrado d'Elia, l'Autore, il Regista, l'Attore. La maiuscola non basta a definire la sua bravura, la sua presenza scenica, la forza della sua recitazione. Si conferma ancora una volta grandioso. (Raffaella Bonsignori, Notizie.tiscali.it)

La magistrale bravura di d'Elia riesce a far rivivere il duro cammino del genio tedesco ed ipnotizzare gli spettatori con la sua torrenziale liricità, creando un fiume di emozioni che riescono a far battere il cuore e commuovere dal profondo. (Marco Lelli, Teatritaliano.altervista.org)

Quello di Corrado d'Elia è un racconto vivo e trascinante, in cui parole e musica si fondono in un insieme complesso di gestualità e mimica. (Maria Mineo, Ilgrido.org)

Un piccolo gioiello, in cui l'attore rinuncia alla mimesi scegliendo semplicemente di narrare Beethoven, trasportato da una «passione antica» che trasuda in ogni battuta e in ogni suo gesto. (Alessandra Bernocco, Europaquotidiano.it)

d'Elia, nella sue vesti di autore, regista ed attore, si rivela un aedo contemporaneo in
ottima forma e riscuote entusiasmo da parte del pubblico. (Laura Timpanaro, Klpteatro.it)

SPETTACOLO INSERITO IN INVITO A TEATRO

Via Savona 10
Milano

BIGLIETTERIA
PREZZI BIGLIETTI
Intero: € 21,00
Under 26: € 17,00
Over 60: € 13,00
Allievi Scuola Teatri Possibili in corso con carta TP CARD: € 10,00

ORARIO SPETTACOLI
da lunedì a sabato ore 21.00
domenica ore 16.00
ORARI BIGLIETTERIA
da lunedì a venerdì dalle 15.00 alle 19.00
nei giorni di spettacolo:
da lunedì a venerdì fino alle ore 21.30
sabato dalle ore 19.00 alle ore 21.30; domenica dalle ore 14.00 alle 16.30
Per informazioni e prenotazioni
Tel. 02 8323126
biglietteria@teatrolibero.it

Dati Aggiornati al: 17-10-2013 14:10:24

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Alle 21:00 dal 25-10-2013 al 04-11-2013
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

nei seguenti giorni : Lun - Mar - Mer - Gio - Ven - Sab - Dom

Dove: Teatro Libero

Indirizzo: via Savona 10 Milano

Prezzo: 21.00

Link: Sito Web dell'evento