...un nuovo modo di condividere gli eventi che conosciamo...

> Home > Eventi a Milano del 29-11-2013 > Mostre e Cultura > Presentazione libro " Ciao, adesso io...

Presentazione libro " Ciao, adesso io vado" di Ivanka Hartmann

Presentazione libro "  Ciao, adesso io vado"  di Ivanka Hartmann

 

 

AIMA AYURVEDA ed Ivanka Hartmann
vi invitano alla presentazione del libro:

«CIAO, ADESSO IO VADO»

Ingresso libero su prenotazione

Venerdì 29 novembre, alle ore 21,00

Precederà una lezione di Yoga Meditativo dalle 20.30 alle 21,00.

_____________________________

Introduzione:

La vita è strana ... A Vesna, che da piccola sognava di partire con la sua valigia blu, un inaspettato evento la portò alla ricerca disperata del vero sè.

Vesna, una bimba curiosa, una di quelle bimbe a cui piace mettere le dita nella presa della corrente.
Una bambina felice, fortunata ed anche ambiziosa, ricca di sogni nel cassetto.
Sogni che con il tempo crescono come lei, sino ad arrivare all'apice, con la sua maggiore età.
Purtroppo le circostante esterne, non le permettono di diventare quello che lei avrebbe sognato.
Cosi, entrando nel mondo dei " grandi" , inizia a vivere un'esistenza che non ha scelto, adagiandosi alle circostanze comuni, cercando la felicità dove tutti la inseguono.
Due eventi importanti e forti però la toccano nel profondo.
Da qui nasce una crisi profonda, cosi profonda che l'unica soluzione resta quella di cercare quella strada abbandonata molti anni prima, riprendendo quel viaggio dentro e fuori di sè che la porterà lontano.

Il volume parte da alcune esperienze dell'autore, poi notevolmente rielaborate e romanzate; interessante la citazione di alcuni luoghi della Provincia del Verbano-Cusio-Ossola, quali Domodossola, Villadossola, Omegna, il Cusio...

Inoltre l'autore ci consegna, delle vicende narrate nel libro, descrizioni immediate e vivide di alcuni Paesi, quali la Spagna, l'Inghilterra, e soprattutto l'India, dove troverà alcune risposte a questa sua ricerca interiore.

Il linguaggio volutamente " fresco e giovanile" , che entra direttamente nel cuore, le descrizioni che fanno immedesimare, forniscono anche notevoli spunti di riflessione sul " benessere interiore" delle persone, ammaliate dalla gratificazione sociale, dal successo che li vizia e li coccola, irretendoli, in perenne lotta per far emergere l'anima interiore.

Natura, paesaggi, religione, si percepiscono dalle pagine del romanzo, che si legge tutto d'un fiato, e che dopo alcuni anni di " limbo" e ripensamenti, esce finalmente in pochi giorni, alla fine dell'estate. I giovani, protagonisti o comprimari, si muovono in quelle pagine, sembra quasi contagiati da una profonda insicurezza, da una indecisione che li porta quasi, per alcuni periodi delle loro esistenza, all'assistere alla vita quasi come se fossero in terza persona, lasciandosi sfiorare dai problemi, senza risolverli.

Solo il mercato costituisce una sorta di sirena ammaliatrice, per condurli sulla via del divertimento e del consumismo, ma quello che davvero si consuma è la loro esistenza. Il disagio è culturale, e porta anche all'aridità dei sentimenti.

Vesna, ad un certo punto, messa alle strette da alcuni avvenimenti, anche legati al suo benessere fisico, riesce a liberarsi dall'involucro, e riprendere la sua vita, o l'arte di vivere, come affermavano i greci, che consiste nel saper riconoscere le proprie capacità e nel riuscire a farle rifiorire, anche con l'aiuto di " maestri" illuminati, come nel caso della nostra protagonista.

Il viaggio di Vesna, temporale e spaziale, consiste dunque in una serie di passi per ritrovare la capacità di incuriosirsi e di innamorarsi nuovamente della vita, di abbandonare questo mondo " usa e getta" , dove beni di consumo che in breve perdono di interesse sanciscono scadenze invitanti e seducenti. Un mondo senza passato e futuro, dove i giovani assumono una mentalità da perfetti consumatori, e con questo metro distorto valutano i sentimenti e il rapporto con gli altri, e lasciano scorrere inutilmente i giorni della loro vita. Allora si manifestano il frastuono delle discoteche e le droghe, per non pensare al vuoto interiore.

Un libro per i ragazzi e anche per gli insegnanti, per non farci fagocitare dai luoghi comuni, scorrevole e di agevole lettura anche per persone non eccessivamente dedite alla lettura, che non presenta citazioni erudite, ma fatti di vita, esperienze mediate dal racconto, che non è dichiaratamente autobiografico, ma che ha preso spunti dall'ambiente, dalle esperienze degli amici, dalla società, e soprattutto da alcuni viaggi che hanno aperto la mente dell'autore.

Vesna si fa subito amare, sin dalle prime pagine, con la sua delicatezza, la sua caparbietà, il suo innato desiderio di conoscere cosa c'è dietro quella fila di montagne, come ricorda la copertina... ad un certo punto smarrisce questa sua vitalità, ma fortunatamente dopo questo viaggio interiore riesce a ritrovare con rinnovato impeto.

I bambini non vivono il passato o il futuro,come mi ha ricordato un giorno una carissima amica, ma il presente, e non si fanno paranoie, anche perchè non conoscono cosa siano gli impegni, gli orari o gli appuntamenti. Il loro credo è " qui" ed " ora" . Gli unici stimoli sono rappresentati dalla natura: giocare, mangiare, dormire, caldo, freddo. Ogni momento deve esser vissuto con intensità. Questo probabilmente cercano d'insegnare ai grandi i bambini.

E alcuni iniziano anche a comprendere che questa grande verità, questo " uovo di Colombo" che ci scorre davanti agli occhi ogni giorno, forse potrebbe essere una soluzione di vita nell'età adulta, insieme al risolvere le situazioni, senza accantonarle in attesa di momenti migliori.

Spesso dimentichiamo di vivere il presente, perchè siamo impegnati a vivere in bilico tra i fallimenti del passato e le ansie del futuro, credendo nel " la" e nel " dopo"

In questo periodo tante personalità mondiali, ad iniziare dal Papa, hanno ripreso a parlare di benessere spirituale, futuro, cambiamento, felicità... anche questa lettura forse riuscirà per un piccolo momento a portarci ad andare avanti, non dico a migliorare il mondo, ma almeno la nostra situazione personale, prendendo consapevolezza del nostro io interiore.


______________________________________




Presentazione dell'Autore, IVANKA HARTMANNN

Ivanka Hartmann nasce a Domodossola; nel 2010 si diploma come estetista ed inizia così a lavorare in Spa di diversi Hotel sia come terapista che come Spa manager, dalla Sardegna alla Svizzera fino ad arrivare alle Maldive.

Un viaggio, probabilmente non casuale, in India l'avvicina al mondo dello yoga, ed è così che inizia la sua ricerca profonda al benessere psico-fisico e spirituale, studiando le antiche discipline Vediche, compreso l'Ayurveda, considerata la conoscenza della vita.

_____________________________________________


Per info e prenotazioni:

SCUOLA A.I.M.A. AYURVEDA E
DISCIPLINE OLISTICHE
Via Minturno 9 , 20100 Milano -
100 mt MM Gorla (Viale Monza)


Tel: 02.25715109 Cell. 338.6141980

www.il-massaggio.com


Dati Aggiornati al: 27-11-2013 17:22:39

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Venerdì 29-11-2013 alle 20:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: AIMA AYURVEDA - SCUOLA MASSAGGIO AYURVEDICO

Indirizzo: via minturno 9 Milano

Prezzo: Gratis

Link: Sito Web dell'evento