Godi il giorno, confidando meno che puoi nel domani. Orazio

> Home > Eventi a Milano del 02-10-2014 > Musica e Spettacoli > DETOUR A MILANO: il Detour festival del cinema di...

DETOUR A MILANO: il Detour festival del cinema di viaggio con il Touring Club Italiano al Beltrade

DETOUR A MILANO: il Detour festival del cinema di viaggio con il Touring Club Italiano al Beltrade

 

 

Il Cinema Beltrade è lieto di presentare DETOUR A MILANO, una serata e una giornata intera dedicate al film di viaggio, organizzato grazie alla collaborazione con la rivista TOURING, IL NOSTRO MODO DI VIAGGIARE e il FESTIVAL DETOUR per portare in città il meglio dell’edizione passata del Festival e allo stesso tempo preannunciare la nuova edizione del festival padovano che si terrà dal 16 al 19 ottobre.

è consigliata la prenotazione (vedi istruzioni in fondo al post)

# # # PROGRAMMA # # #

●●► 2 ottobre
► h 21.30 Chi è Dayani Cristal? (Who is Dayani Cristal?)

●●► 3 ottobre
► h 15.30 La gabbia dorata
► h 17.20, Murgia Un viaggio intorno alla memoria primo episodio del film documentario Murgia di Cosimo Terlizzi

► h 18.00, El Impenetrable, di Daniele Incalcaterra e Fausta Quattrini.
► A seguire, circa h 19.45, Murgia Avampaese africano, di C. Terlizzi

► h 20.15 presentazione di Detour con il direttore Marco Segato che dialogherà con Silvestro Serra, direttore di “Touring, il nostro modo di viaggiare”, il mensile del Touring club Italiano. A seguire Libri e nuvole, di Pier Paolo Giarolo
► a seguire, circa 21.45, Murgia Fenomeno carsico, di C. Terlizzi

► h 22.15 Viramundo, di Pierre-Yves Borgeaud.
Per l’occasione, i soci del TCI hanno diritto all’ingresso ridotto (€ 5,00)


# # #

●●● CHI È DAYANI CRISTAL? (WHO IS DAYANI CRISTAL?) ●●●
Il film, diretto da Marc Silver e Gabriel Garcia Bernal, è un viaggio di confine insieme allo stesso Garcia Bernal.
Nell’immenso deserto di Sonora, bruciato dal sole, la Polizia di Frontiera dell’Arizona scopre il corpo di un uomo in decomposizione. Sotto una maglietta lacerata, è esposto un tatuaggio: DAYANI CRISTAL. Chi è quest’uomo? Cosa lo ha portato qui? Come è morto? Chi o cosa è “Dayani Cristal”? Seguendo un team di persone della morgue della Contea di Pima, in Arizona, il regista Marc Silver cerca di rispondere a queste domande, per dare a quest’uomo un’identità.
Mentre l’indagine prosegue, l’attore e attivista messicano Gael García Bernal ripercorre i passi di quest’uomo, lungo il sentiero dei migranti in America Centrale. Nel tentativo di capire cosa debba aver provato nel suo ultimo viaggio, si mescola ai migranti nella missione imminente per varcare il confine. Sperimenta, in prima persona i pericoli che sono costretti ad affrontare e impara dalle loro motivazioni, dalle loro speranze e dalle loro paure.

●●● LA GABBIA DORATA/LA JAULA DE ORO ●●●
Premiato a Cannes 2013 ed evento speciale al Detour 2013, il film è l’esordio sorprendente di Diego Quemada Dìez.
Il quindicenne Chauk è un indiano Tzetzal che vive nel sud del Messico, non parla spagnolo e non ha alcun documento. Il sedicenne Juan, che invece vive a Città del Guatemala vuole lasciare la sua terra con Sara e Samuel. Chauk e i tre ragazzi si incontrano su un treno merci che attraversa il Messico per dirigersi a nord, carico di migranti. Tra sogni, illusioni e difficoltà il viaggio li costringe a scoprire insieme la bellezza e la tragedia della vita.

Diego Quemada-Díez, regista spagnolo che è stato a lungo assistente al direttore della fotografia di Ken Loach, situa il suo film tra i modi del documentario e quello di una poesia struggente che tra momenti lieti e drammatici collega l’intimità dei giovani personaggi ai paesaggi attraversati. Il regista ha impiegato anni a fare e rifare quel viaggio, conoscere le persone, parlare con loro, assorbire storie che sono finite poi nel suo film.
Un film necessario, che racconta con durezza e tenerezza al tempo stesso il viaggio verso il sogno nordamericano di tante persone che ogni giorno rischiano la vita tra un confine e l'altro. Un viaggio di libertà, avventura, violenza e umiliazioni che da anni, di fatto, procura affari ai trafficanti di confine e soprattutto schiavi alle aziende statunitensi.

●●● MURGIA ●●●
Un particolarissimo viaggio in tre episodi attraverso la Murgia, diretto da Cosimo Terlizzi. Questo piccolo gioiello poco noto al grande pubblico (ma premiato in numerosi festival, tra cui il Roma DocScient e il Milano Film Festival) esplora ricchezze e contraddizioni di un parco tra i più belli e dannati dell’area mediterranea. Uno straordinario road-movie che rivela con acume e ironia l’origine e l’attualità di una parte dell’Italia dimenticata e lasciata a se stessa, attraverso l’interazione fra l’impeccabile voce femminile (Anna Rispoli) e la stralunata presenza del personaio maschile (Pino Malerba).

Il regista, Cosimo Terlizzi, pugliese, è autore di film e di performance, video e installazioni esposti o proiettati in musei, gallerie d’arte e festival in tutto il mondo. I tre episodi, ciascuno della durata di 20’ e proiettati in orari diversi, sono: Murgia Un viaggio intorno alla memoria, Murgia Avampaese africano, Murgia Fenomeno carsico.

●●● EL IMPENETRABLE ●●●
El Impenetrable è il nome dato tradizionalmente alla foresta del Chaco, la seconda per estensione in America Latina, ricchissima di biodiversità. Oggi quella foresta, sforacchiata da latifondi destinati ad agricoltura e allevamento industriali, all'estrazione del petrolio e ad altre forme di sfruttamento, mantiene qua e là qualche terreno intonso. Daniele ne ha ereditato uno, 5000 ettari, da suo padre. Daniele vuole fare qualcosa che suo padre mai avrebbe contemplato: restituire la terra agli indios Guarani-Ñandevas, che lì vivono da secoli. “Restituire la terra alla terra”. Una peregrinazione lunga e difficile, molti chilometri di strade sterrate dai percorsi disorientanti, cancelli, fucili e altri ostacoli, fanno dell'Impenetrable un oggetto ancora più irraggiungibile. L'ideale un po' naif della “riparazione” nei confronti degli indios si scontra con un sistema nel quale la crescita economica ha preso un cammino a senso unico, che coinvolge gli indios stessi e che un individuo non può fermare. Ma l'ostinazione di Daniele, aiutato da alcuni amici, è più forte di ostacoli e minacce.

Documentarista italiano di fama internazionale ma poco noto da noi al grande pubblico, Incalcaterra nel suo ultimo film prosegue insieme alla moglie Fausta Quattrini il suo viaggio di conoscenza del mondo latinoamericano, attraverso un film estremamente personale e al tempo stesso esemplare. Un film bello e importante, di alto valore politico, che grazie al successo incontrato presso il pubblico potrà forse servire a Daniele e Fausta da biglietto da visita per proseguire nella sua non facile e pericolosa battaglia.

●●● LIBRI E NUVOLE ●●●
Il film di Pier Paolo Giarolo, vincitore del Premio del pubblico al Detour 2013, del Festival Visions du réel (Nyon, Svizzera) e della Genziana d’argento al 61° Trento Film Festival, è un piccolo gioiello che usa un linguaggio misto di parti d’animazione e parti di ripresa.
In uno sperduto villaggio delle Ande Peruviane una ragazzina sta aspettando da giorni l’arrivo dei nuovi libri che una bibliotecaria trasporta a piedi, sulle proprie spalle.
Le Biblioteche Rurali del Perù sono formate da poche decine di libri che una volta letti vengono scambiati fra le comunità. Messaggio e messaggero viaggiano insieme, in un paesaggio primordiale a pochi passi dalle nuvole; i libri camminano come camminano le persone.
“Leggere la terra, camminarla e conoscerla è il miglior modo per amarla e rispettarla”.


Un film sull’esperienza delle biblioteche rurali implica un messaggio: se si rimane uniti è possibile fare qualcosa. Leggere un libro non è solo immagazzinare conoscenza, è liberare saggezza. Quando facciamo nostro un libro, lo “incorporiamo” come un seme, come una fonte; grazie a un libro ci sono persone che hanno imparato a cucinare, a tessere e combinare colori, a curarsi, a difendere i propri diritti.
Ho voluto mostrare questa connessione forte fra lettura e pratica, non leggere tanto per leggere ma leggere come fosse un esercizio agricolo. (Pier Paolo Giarolo)

●●● VIRAMUNDO ●●●
Questa volta si parte per un viaggio musicale attraverso il pianeta insieme a Gilberto Gil, tra i più importanti musicisti brasiliani contemporanei. Un film di Pierre-Yves Borgeaud tra gioie e dolori, tradizioni e storia di Brasile, Australia e Africa. Il racconto di una tournée che diviene una felice occasione di incontro e scambio tra le persone, le narrazioni e le culture e il racconto della parabola creativa di un uomo che ha scritto un capitolo della storia musciale brasiliana.

Partendo da Bahia, Gil attraversa l’emisfero sud del pianeta passando per i territori aborigeni d’Australia e le città del Sudafrica, terminando il suo viaggio nel cuore dell’Amazzonia brasiliana. Con la stessa passione, continua il suo impegno iniziato come primo nero eletto ministro della cultura in Brasile: promuovere la diversità culturale nel mondo globalizzato. Tra incontri e concerti scopriamo la sua visione di un futuro dove le diversità siano sempre più connesse tra di loro

# # #

Detour, Festival del Cinema di Viaggio, curato da fondazione March e diretto da Marco Segato, quest'anno celebra la sua terza edizione che si terrà dal 16 al 19 ottobre. Tra le sezioni di quest’anno, oltre al concorso, “Viaggio in Italia”, lungometraggi e documentari di autori di rilievo e di giovani registi che raccontano la complessità del nostro paese da angolazioni differenti, e una retrospettiva in omaggio al regista americano Jeff Nichols, uno degli autori più giovani e originali nel panorama del cinema americano contemporaneo. Info: www.detourfilmfestival.com

# # #

Per l’occasione, i soci del Touring Club Italiano hanno diritto all’ingresso ridotto (€ 5,00)

L'ingresso a un film del 3 ottobre include anche l'episodio di Murgia a seguire.
Chi acquista ingressi per più film ha diritto a riduzioni progressive (più film vedi meno spendi)
a breve i costi esatti.

# # #

●●► Cinema Beltrade
ingressi € 6.50 e 5.00
via Nino Oxilia 10
M1 Pasteur
tram 1 fermata piazza Morbegno
M1 notturna Pasteur
in auto: dalla Stazione Centrale (lato Piazza Luigi di Savoia) o da Vale Brianza prendere via Soperga e proseguire dritto fino a via Oxilia.
disponibilità di parcheggi gratuiti sul sagrato (molto limitata: circa 6 posti)
non sei mai venuta-o? Chiedi della chiesa di Santa Maria Beltrade e cerca: ci troverai!

# # # #

●●► prenotazioni: prenota@cinemabeltrade.net (indicare numero persone, nomi e un numero di telefono. la prenotazione è gratuita. i posti non sono numerati: il biglietto prenotato va ritirato almeno 15' prima dell'inizio film)

informazioni: info@cinemabeltrade.net
02.26820592
02.95339774
348.2666090
347.4512456

Dati Aggiornati al: 25-09-2014 08:50:47

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Alle 21:30 dal 02-10-2014 al 03-10-2014
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

nei seguenti giorni : Gio - Ven -

Dove: Cinema Beltrade

Indirizzo: Via Nino Oxilia 10 Milano

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento