WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

...per rimanere sempre informati su cosa accade attorno a noi...

> Home > Eventi a Napoli del 13-01-2018 > Musica e Spettacoli > TRENI STRETTAMENTE SORVEGLIATI

TRENI STRETTAMENTE SORVEGLIATI

TRENI STRETTAMENTE SORVEGLIATI

 

 

13 e14, dal 19 al 21, dal 26 al 27 gennaio Taratatà Produzioni TRENI STRETTAMENTE SORVEGLIATI di Boumil Hrabal uno spettacolo di e con Massimiliano Rossi PRIMA NAZIONALE Seconda guerra mondiale. Il timido Milos, apprendista ferroviere in una sperduta stazione da qualche parte nella Boemia e Moravia occupate dalle truppe del Reich, ha un obiettivo chiaro: diventare un uomo. Questo significa, innanzitutto, smetterla con quel vergognoso affare che è l’eiaculatio praecox e conquistare per davvero la giovane e bella capotreno Masa. Modello irrangiugibile è il manovratore Hubika, esperto della vita e sicuro di sé, che stampa i timbri della stazione sulle chiappe della telegrafista provocando scandalo. Riuscire a farcela, per Milos, va di pari passo con il coinvolgimento in un attentato contro un convoglio tedesco. Neppure nel tragico finale_la giocosità spontanea dei personaggi e degli eventi viene del tutto meno. Milos adesso è un uomo. Davvero. Adattare per il teatro i romanzi di Bohumil Hrabal può rappresentare una vera e propria sfida. La prosa di Hrabal, di straordinario impatto immaginifico, proprio perché profondamente visiva rende ardua la sua eventuale trasformazione in flusso di immagini. Le opere di Hrabal già da sé esprimono un’anima che tende al racconto teatrale o cinematografico. Treni strettamente sorvegliati è una commedia che termina con una tragedia, ma non è una commedia classica stravolta in ultimo dal dramma, nel libro di Hrabal,commedia e drammatico si mescolano continuamente. Le sue descrizioni anti eroiche, ricche di elementi grotteschi nelle vicende quotidiane, collocano Hrabal sul filo del surreale. MASSIMILIANO ROSSI Attore e regista. Candidato Miglior Attore non protagonista ai David di donatello 2017 per Indivisibili. Noto al grande pubblico come ZECCHINETTA in Gomorra – La serie, è stato allievo di Ernesto Calindri. Segue il corso triennale del laboratorio del Teatro Elicantropo diretto da Carlo Cerciello e Umberto Serra. Si diploma come “Mimo” presso l’ “ICRA Project” diretta da Michele Monetta, prende parte a stage con diversi maestri - Yves Lebreton, Lorenzo Salveti, Renato Carpentieri, Marise Flach, Peter Clough, Anna Redi. Lavora con Lello Ferrara, Gennaro Magliulo, Franco Però, Gigi Savoia, Fortunato Calvino, Antonio Capuano, Pino Carbone, Mariano Baduin, Laura Angiulli, Giuseppe Sollazzo, Michele Monetta, Carlo Cerciello (con il quale collabora per circa sette anni prendendo parte alla produzione di molti spettacoli, tra i più significativi: “Girotondo”, “Macbeth”, “Stanza 101” premio UBU, “Noccioline” premio miglior compagnia festival di Positano, “Office” dove ha ricevuto un premio come miglior attore.) Per il cinema ha preso parte alla lavorazione dei film: “Il resto di Niente” di Antonietta de Lillo2004; “Fuoco su di me” di Lamberto Lambertini 2006; “Giallo” di Antonio Capuano 2007; “Mozzarella Stories” 2010 regia Edoardo De Angelis; I milionari 2013 di Alessandro Piva; L’Evento di Lorenzo D’Amelio 2013; Tre tocchi di Marco Risi 2013; Indivisibili di Edoardo de Angelis 2015; Falchi di Tony D’Angelo 2016. Per la TV è guest nelle edizioni del 2002, 2003, 2006 nella fiction per la Rai “La Squadra”. Nel 2009 è guest in un “Posto al sole”; nel 2013 è nella serie “ Gommorra” per SKY , nel 2013 Squadra antimafia, the Young Pope di Paolo Sorrentino. Partecipa alla lavorazioni di numerosi cortometraggi e video. Aiuto regia nel 95/96 di Gigi Savoia nei “Casi sono due” di Armando Curcio e alcune assistenze, due studi sul Don Giovanni e su testi di Giuseppe Patroni Griffi, firma la sua prima regia nel 2008 portando in scena “Giochi di famiglia” dell’autrice serba Biljana Srbljanovic, e firma la sua seconda regia mettendo in scena Nasza Klasa di Tadeusz Slobodzianek nel 2016.

Dati Aggiornati al: 27-12-2017 17:46:36

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Sabato 13-01-2018 alle 20:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Teatro La giostra

Indirizzo: Via Speranzella 81 Quartieri Spagnoli Napoli

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento