WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

...WikiEventi...per non annoiarsi mai!...

> Home > Eventi a Napoli del 23-12-2018 > Musica e Spettacoli > I Guardiani spettacolo teatrale di e con Maurizio...

I Guardiani spettacolo teatrale di e con Maurizio de Giovanni

I Guardiani spettacolo teatrale di e con Maurizio de Giovanni

 

 

Inbilicoteatro presenta 23 DICEMBRE 2018 H 20:30 TIN Tetro Instabile Michele Del Grosso (Palazzo Spinelli - vico Fico Purgatorio ad Arco, 38) PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA per info & prenotazioni: inbilicoteatro@libero.it indicando come oggetto il nome dello spettacolo ( I Guardiani) I GUARDIANI - Prima Nazionale - di e con MAURIZIO DE GIOVANNI Adattamento e Regia RAMONA TRIPODI Con Adriana D'Agostino- Valeria Frallicciardi - Marco Palumbo – Peppe Romano – Ramona Tripodi - Valentina Spagna- contributi video e voci in off Raffaele Ausiello - Luciano Roffi - Letizia Vicidomini Musiche di Marco Messina Produzione Inbilicoteatro e film I GUARDIANI Ci sono solo tre luoghi. Qui . Il Sotto. E il Sopra. Napoli non è una città come le altre. Napoli non è neppure una città sola. Perché sotto quella che conosciamo ce n'è una sotterranea, nascosta agli occhi del mondo, con il buio al posto della luce. Marco Di Giacomo l'aveva intuito, un tempo, quando era un brillante antropologo e aveva un talento unico nell'individuare collegamenti invisibili tra le cose. Poi qualcosa non ha funzionato e ora, ad appena quarant'anni, non è altro che un professore universitario collerico e introverso, con un solo amico, il suo impacciato ma utilissimo assistente Brazo Moscati. Considerati folli per le loro accanite ricerche sui culti antichi, i due sono costante oggetto dell'ironia di colleghi e studenti. Perciò nessuno si meraviglia quando il direttore del loro dipartimento li spedisce a fare da balie a una giornalista tedesca venuta in Italia per scrivere un pezzo sensazionalistico sui luoghi simbolo dell'esoterismo. Per liberarsi della seccatura, Marco chiede aiuto a sua nipote Lisi, ricercatrice anche più geniale dello zio ma con una preoccupante passione per le teorie complottiste, dal carattere indisponente. I quattro s'imbatteranno in qualcosa di terribile che emerge nell’oscurità delle gallerie napoletane: cadaveri, segnali strani che conducono ad un passato mai emerso. Una verità che forse avevamo davanti da sempre e non abbiamo mai voluto vedere. Forse qualcuno ha lasciato lì un messaggio per loro, forse quel giro nei sotterranei non avrà un esito positivo e allora l’unica missione di Marco sarà uscire sani e salvi da quella trama di misteri, portando con se la giornalista e la sua terribile e adorata nipote. Note di regia Uno degli ultimi soli di Dicembre è ormai calato sulla città. Il Natale è ormai alle porte ed esplode in città con le luci colorate ed i pastori di San Gregorio Armenio. Ma, per qualcun altro, non sono semplicemente i giorni che precedono il Natale. Sono i giorni del Solstizio d' Inverno. La tentazione di mettere in scena questo romanzo nasce dall'esigenza di raccontare in termini drammaturgici e visivi una storia che parla di una realtà allo specchio. La fantascienza e l'esoterismo si mescolano con la storia e il mito di questa città antichissima . Una realtà capovolta, che mostra una Napoli inedita che, nel sottosuolo tufaceo, svela un'intera altra città che nessuno sa quanto sia estesa. E poi c'è il rapporto di Napoli con il fuoco. Nelle sue viscere scorre la lava. Solo Maurizio de Giovanni poteva scrivere questo romanzo che nasce dalla conoscenza profonda di una città e della sua gente ma si spinge molto più lontano con i suoi personaggi profondamenti umani anche quando sembrebbero non esserlo per niente. (Ramona Tripodi) INBILICOTEATRO E FILM Inbilicoteatro nasce nel 2009 creando atti performativi come DisservizioTaxi performance teatrale che si svolge a bordo di due automobili in giro per la città che viene premiata dalla Giuria del Festival Ramblas (NTF ed 2009 Premio Ramblas come miglior performance d'innovazione. )ed a Stazioni d'Emergenza. Un anno dopo, nel 2010, si sviluppa l'altro lato di Inbilicoteatro:Inbilicofilm etichetta di cinema indipendente nata dalla Officina Rabbiz con Il primo cortometraggio dal respiro teatrale:Il Provino. Collaborano con noi in questa avventura , Nino Bruno( The must be the place)per la presa diretta e Guido Lombardi ( La Bas -Take Five) alla macchina da presa. Rombò, il secondo cortometraggio di Andrea Canova vincitore del bando Linea D'Ombra ed 2010 con cui Ramona Tripodi vince il premo miglior attrice al Kalat Nissa Film Festival, Warrior Film Festival (Liverpool) e al Salus Film Festival. nel 2014 produce il terzo cortometraggio Il Vicino con le musiche di Marco Messina (99 Posse) Il bisogno di creare contaminazioni con le diverse arti diviene il tratto che meglio connota il carattere di ricerca e di sperimentazione della compagnia Inbilicoteatro.Il sapore pittorico dello spettacolo Il Sole di Notte nasce nel 2012 dalla collaborazione con Cesare Accetta e dal suo disegno luci dalla cui profondità riaffiora il relitto del Titanic dagli abissi dell'anima, ed è nelle cinquine finaliste del Premio Premio Landieri ed. 2013 come: Miglior Spettacolo /Premio giuria popolare/Miglior Il Sole di Notte Giovane attore / Miglior Giovane Attrice/Riceve il Premio Miglior Giovane Attrice Ramona Tripodi Motivazione: “Per la sua eccellente interpretazione nello spettacolo Il sole di notte, per essere calamita nel confronti dello spettatore. Per Il sole di notte dove ha diretto un magnifico coro di artisti. Un premio per un progetto ben riuscito per uno spettacolo che merita di essere visto”. Successivamente nasce, La Regina dei Topi la cui drammaturgia teatrale che racconta una fiaba nera, nel regno degli Invisibili. Coloro che hanno perso tutto e che vivono ai margini. Nel 2014 Paradiso Mancato uno spettacolo creato a quattro mani con la scrittura sonora di Marco Messina e la drammaturgia di Ramona Tripodi creando così un esperienza di contaminazione di più linguaggi: quello della musica , quello visivo e quello teatrale partendo dalla suggestione suggerita dal V Canto dell'Inferno della Divina Commedia di Dante. Paradiso Mancato è prodotto insieme con L’Asilo la comunità di lavoratori e lavoratrici in autogoverno all’ex asilo filangieri nel cuore di Napoli. Attualmente la compagnia Inbilicoteatro viaggia indietro nel tempo nel Giugno 1946 destinazione Forcella per raccontare il dopoguerra attraverso lo sguardo dei esposti dell' Annunziata con A' Rota scritto e diretto da Ramona Tripodi . Inbilcofilm ha prododotto ed è in distribuzione con Je sò Pazzo il documentario di Andrea Canova sull’ Ex Ospedale Psichiatrico Giudiziario di Sant’Eframo un edificio strorico del 1500 nel centro di Napoli chiuso nel 2008. Je so Pazzo è stato il documentario vincitore de Lo Spiraglio Film Festival ed 2018 e vincitore sezione - Secanri Campani - Ischia Film Festival ed 2018. Attualmente Inbilicofilm è a lavoro con il Corridoio Delle Farfalle di Andrea Canova e Claudia Brignone - documentario vincitore di Cine Periferie 2018 (Mibac) TIN Teatro Instabile Michele Del Grosso Era il 1967 quando Michele Del Grosso, venuto a mancare lo scorso 9 Gennaio, fondò a Napoli il Teatro Instabile sul lato basso di via Martucci, in una zona elegante della città. In quel piccolo spazio transitarono molti giovani artisti tra cui Roberto De Simone, la Nuova Compagnia di Canto Popolare, Peppe Barra, Pino Daniele, Edoardo Bennato, Franco Battiato, Francesco De Gregori, Antonello Venditti. Quello fu solamente l’inizio di una serie di successi per Del Grosso e l’intero capoluogo Campano. Fra il 1968 ed il 1969 il Teatro Instabile ospita alcune delle più significative esperienze internazionali del momento: The Open Theatre con the serpent e The mask, Les Trèteaux Libres di Ginevra con Quo Vadis? Del Grosso è fra gli artefici di una storica tournée del Living Theatre. L’attività del Teatro Instabile prosegue fino a metà degli anni Settanta difatti negli anni ’80 Del Grosso fonda il Teatro Tenda 80, un circo itinerante che porta il teAtro nelle piazze. Nel 2001 rifonda il Teatro Instabile viene rifondato nel cuore di Napoli in vico Fico del Purgatorio (sua attuale sede), all’interno dello storico Palazzo Spinelli. Nel 2006 va in scena la prima retrospettiva dedicata a Manlio Santanelli, che spazia nei primi venticinque anni della produzione del drammaturgo napoletano, culminando con la prima assoluta di sei prime scene. E nel 2014 il regista Alessandro Chetta realizza il documentario Instabile dedicato alla figura di Michele Grosso. La sua attività teatrale è stata ricordata lo scorso 11 gennaio 2018 – due giorni dopo la sua scomparsa – con una cerimonia tenutasi al TIN con la partecipazione di artisti, giornalisti ed istituzioni. Lo scorso 21 ottobre è stato riaperto quello stesso spazio chiuso dopo la sua morte e totalmente ristrutturato senza tradire le origini dell’edificio e il tocco artistico del suo fondatore. Un’arena ellittica ipogea con gradinate, una singolare struttura che suggerisce una precedente destinazione mistico-esoterica del luogo, con le pareti ad opus reticulatum che testimoniano l’origine remota della struttura. Maschere di Pulcinella, articoli di giornali che testimoniano l’arte respirata in quel luogo sono solo alcuni degli elementi che colpiscono appena si entra al TIN. Un teatro elisabettiano che Fabiana Mangiapia presidente dell’ Associazione TIN Teatro Instabile Napoli Michele Del Grosso, e Giancarlo Del Grosso, suo vicepresidente, fanno tornare in luce. Uno spazio che ospiterà spettacoli di prosa, concerti musicali, spettacoli di improvvisazione, mostre e corsi di teatro e che mira a diventare un nuovo punto di riferimento culturale per la città. Inoltre, il nipote di Michele Del Grosso, Giancarlo e la moglie Fabiana, si prefiggono di dare nuova linfa al Vico Fico Purgatorio ad Arco trasformandolo da vicolo d’arte a vicolo del Teatro. Con lo scopo di riportare il TIN ai massimi livelli creando una compagnia (in)stabile e creando un museo del teatro dedicato principalmente all’attività del suo fondatore. “Abbiamo una grande responsabilità, le difficoltà sono tante, il nostro impegno sarà massimo per rendere nuovamente il TIN un punto di riferimento culturale per la città di Napoli e per cercare di restituire a mio zio, Michele Del Grosso, ciò che ha donato a tutti noi “afferma Giancarlo Del Grosso.

Dati Aggiornati al: 12-11-2018 22:43:54

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO



Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Domenica 23-12-2018 alle 20:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Inbilico Teatro e Film

Indirizzo: -- --

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento