WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Niente ha bisogno d'esser modificato quanto le abitudini degli altri. Mark Twain

> Home > Eventi a Napoli del 25-02-2019 > Corsi > REAL Albergo dei Poveri

REAL Albergo dei Poveri

REAL Albergo dei Poveri

 

 

REGNO delle DUE SICILIE

25 Febbraio 1751

Per volere di
SUA MAESTÀ
il RE di NAPOLI
CARLO di BORBONE

Viene fondato il
REAL ALBERGO dei POVERI

Monumentale struttura dedicata ad ospitare i poveri del REGNO.

Nelle sua imponenza, ricorda un palazzo Reale; ciò fu espressamente voluto dal Sovrano, a sottolineare la identità tra Sudditi e Sovrano, entrambi da servire allo stesso modo.

Non fu concepita come opera di mero assistenzialismo, limitata ad ospitare i più sfortunati.

Era, invece, un punto di partenza per un REGNO, che con RE CARLO di BORBONE, aveva ritrovato la sua piena SOVRANITÀ dopo il lungo periodo Vicereale.

Così Re Carlo di BORBONE, decise di fissare un punto fermo, dando a tutti i più sfortunati , un tetto, cibo, abiti, cure mediche.

Ma la cosa più rivoluzionaria ed all'avanguardia per quel tempo, fu una ulteriore funzione di questa struttura, ossia di insegnare arti e mestieri a chi , sprovvisto di mezzi, non aveva come sostentarsi.

Non è un caso che tutt'intorno al Real ALBERGO, vi sia tutta una galassia di Conservatori, Accademie di Belle Arti ed un tessuto artigianale, in grado di insegnare ed assorbire manodopera.

Fu la più ciclopica opera sociale, resa sterile dal 1860 in poi.

Il paradosso è vedere i poveri, durante il periodo Borbonico, curati e riassorbiti nella società e con dignitosi lavori, mentre , oggi, in questa repubblica, tra tanti ideali giacobini, socialisti ed istituzioni umanitarie, gettati per strada tra cartoni ed ogni nefandezza, abbandonati alla carità.

In tema su cui varrebbe la pena riflettere

NOTA BENE :

La piazza antistante è dedicata a RE CARLO di BORBONE, ma non inquanto Re di Napoli, quanto piuttosto, come Re di Spagna.

Per questo " scherzetto" si usa dire piazza Carlo III, come terzo Carlo dopo altri due Carlo Spagnoli.

Fu un altro scherzo della toponomastica risorgimentale, che mentre costruiva palazzoni soffocando l'area di rispetto all'edificio, provvide a sottrarre a Napoli ed ai Napoletani, la memoria di aver avuto un Sovrano Napoletano, con un ordine dinastico Napoletano.

Era una tecnica per mimetizzare il nuovo re degli invasori, il secondo vittoriomanuele dopo altri due predecessori di sardegna; infatti, tale " scherzo" fu riprodotto anche con altri Sovrani Napoletani, mentre tutti gli altri furono cancellati dalla memoria dei loro fedeli sudditi.

Serviva per instillare , nei Napoletani, l'idea di non aver " mai" avuto una propria SIVRANITÀ , ma sempre una dipendenza " coloniale" da " altri" ; in questo scenario " coloniale" al secondo vittoriomanuele di Sardegna riusciva di sentirsi meno illegittimo.

Dati Aggiornati al: 29-11-2018 14:12:06

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO



Categoria: Corsi

Quando: Lunedì 25-02-2019 alle 10:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Regno delle Due Sicilie

Indirizzo: Largo di Palazzo 1 Napoli

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento