WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Tutto il resto non è vita, ma tempo. Il tempo si butta via, la vita si vive. Seneca

> Home > Eventi a Napoli del 07-12-2018 > Musica e Spettacoli > Teatro delle Bambole a Napoli

Teatro delle Bambole a Napoli

Teatro delle Bambole a Napoli

 

 

Teatro delle Bambole torna a Napoli. Sala Ichòs accoglie due importanti lavori del percorso artistico del gruppo di ricerca. Un vero e proprio FOCUS con la presentazione di un lavoro di repertorio del 2006 (PSICOSI DELLE 4 E 48 di Sarah Kane) e l’ultima produzione in ordine di tempo che è all’interno del Programma di Ricerca quinquennale “LA LINGUA DEGLI INSETTI 2012-2017” (IL FIORE DEL MIO GENET – Spettacolo itinerante tra i bassifondi dell’anima). Teatro delle Bambole nasce nel 2003 a Bari per volontà di Andrea Cramarossa. Inizialmente come Manifesto Culturale, il Teatro delle Bambole si ispira al lavoro sul suono di Gisela Rhomert (Metodo del Lichtenberger® Institut für angewandte Stimmphysiologie) e al Teatro delle Orge dell’artista austriaco Hermann Nitsch, massimo esponente del Wiener Aktionismus (Azionismo viennese). PSICOSI DELLE 4 E 48 Di Sarah Kane Regia e interpretazione: Andrea Cramarossa Luci e Fonica: Federico Gobbi Produzione: Teatro delle Bambole col sostegno di CEA Masseria Carrara Venerdì 7 Dicembre – ore 21.00 Sabato 8 Dicembre – ore 21.00 Domenica 9 Dicembre – ore 19.00 Dal foglio di sala: In quella grande rappresentazione della sofferenza che per me è stata la lettura del testo poetico “Psicosi delle 4 e 48”, non riuscivo a trovare la chiave per metterlo in scena teatralmente. Finché non mi sono venuti in aiuto i ricordi dell'Autrice, la sua biografia, il suo vivere e il suo sentire. La scelta è caduta nella “non messa in scena”, nella voluta impossibilità dello spettatore di “vedere” ciò che accade ma piuttosto costringendolo a “sentire” ciò che accade, come a volerlo volutamente privare di un senso, quello della vista, il senso per eccellenza legato alla razionalità, al nostro mondo - modo occidentale, il senso che appartiene principalmente agli “altri” che vedono sempre tutto e che quindi sanno sempre tutto. Tranne ciò che riguarda loro stessi. Nel buio, la protagonista, si muove, si contorce, crede di colloquiare con altre persone, crede di poter allontanare da sé quel morbo che nell'insoddisfazione dell'inadattabilità, la sta conducendo alla fine del suo cammino che si concluderà in una notte, alle 4 e 48 in una dolce oscurità. ___________________________ IL FIORE DEL MIO GENET Spettacolo itinerante tra i bassifondi dell’anima. Progetto di ricerca: “LA LINGUA DEGLI INSETTI – Cofanetto 6: Farfalle”. Drammaturgia: Andrea Cramarossa Con: Federico Gobbi e Domenico Piscopo Costumi: Silvia Cramarossa Scenotecnica: Fabrizio Collimanti Maschere: Luigia Bressan Produzione: Teatro delle Bambole col sostegno di CEA Masseria Carrara, Collinarea Festival e LUCCICA – Festival delle Arti. Regia: Andrea Cramarossa Venerdì 14 Dicembre – ore 21.00 Sabato 15 Dicembre – ore 21.00 Domenica 16 Dicembre – ore 19.00 Dal foglio di sala: “Il fiore del mio Genet”, è un ricordo, un omaggio, una riflessione sulla poetica estremamente poetica, un ingaggio delle anime perdute, del mondo melmoso e puro di Jean Genet. Due attori si muovono nelle dimensioni della sacralità e del ladrocinio, della mendicità e della santificazione. Due figure iconoclastiche, ora regali uccelli conquistatori, ora marinai che raccontano, ora feroci assassini, ora venditori di corpi. Stare con Genet, significa stare dalla parte di chi non è stato ascoltato, di chi ha avuto la maledizione di un destino duro fin dalla nascita, perduto da un “passaggio” ad un altro, da un genitore ad un altro… Perduto, sì, in una eco infinita di pensieri che nessuno vuole condividere. ___________________________ SALA ICHOS Via Principe di Sannicandro 32/A Quartiere San Giovanni a Teduccio (NA) SALA ICHOS è raggiungibile con la metro linea 2 (Fermata: San Giovanni a Teduccio – Barra). Lo spazio è dotato di ampio e gratuito parcheggio. Informazioni e prenotazioni: Ichòs Zoe Teatro promozione@ichoszoeteatro.it Tel.: 081275945 // Cell.: 3357652524 Teatro delle Bambole. Segni del passato e del presente. www.teatrodellebambole.it - info@teatrodellebambole.it

Dati Aggiornati al: 05-12-2018 10:33:10

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Alle 20:00 dal 07-12-2018 al 16-12-2018

Dove: SALA ICHOS

Indirizzo: Via Principe di Sannicandro 32/a Napoli

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento