WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Vivere non è concepire ciò che bisogna fare, è farlo. Henri-Frédéric Amiel

> Home > Eventi a Napoli del 30-05-2019 > Mostre e Cultura > Presentazione di “108 METRI” con l’autore...

Presentazione di “108 METRI” con l’autore Alberto Prunetti!

Presentazione di “108 METRI” con l’autore Alberto Prunetti!

 

 

PRESENTAZIONE DI “108 METRI” CON L’AUTORE ALBERTO PRUNETTI! Giovedì 30 maggio - Ex OPG Occupato- Je so’pazzo Ore 18 📚 presentazione di “108 METRI” A seguire... 🍝 cena sociale “Dai una mano ai tu’ soci. Sciopera. Non leccà il culo al capo. Non fa’ il crumiro. Non infierì se ti tocca menà. Non prendertela troppo coi pisani, so’ umani anche loro. Diffida dei quattrinai. Se uno studiato ti chiama signore, mettiti col culo al muro." Poche regole, molto chiare. Sono le coordinate che babbo Renato traccia per il figlio, Alberto. Renato, tubista, metalmeccanico. Renato che forse non lo ha mai detto a chiare lettere, ma è deluso da quel figlio che invece di rimboccarsi le maniche e imparare un mestiere si è messo in testa di iscriversi al liceo e poi all'università. " Lo vedi? Gli attrezzi non li vòle più nessuno...hanno paura di sudà! Hanno! Gli fa schifo lavorà!" . Così grida Renato contro gli steward della British Airways all'aeroporto mentre il figlio s'imbarca. Ma forse ce l'ha pure un poco con Alberto. Anche Alberto è deluso, non meno del padre. All'aeroporto ci è arrivato perchè ha puntato tutto sul cavallo sbagliato, dice: la laurea. I fallimenti pesano; anche quelli Oltremanica. Stendere pizze a nero, sturare i cessi di un centro commerciale, servire pasti osceni in una mensa scolastica, raccogliere lamponi come stagionale, provare a dormire facendosi di sciroppo per la tosse alla codeina, con in testa i tetti di Eternit. Quell'Eternit che intanto si sta facendo strada nei polmoni di Renato, anche se Alberto non lo sa ancora. Altro che cervelli in fuga e generazione Erasmus, insomma. Si va a ingrossare le fila degli euro-interinali, degli euro-sfigati con intorno una carrellata di personaggi grotteschi. Insomma, l'Inghilterra non è il paese dei balocchi, tutto lavoro e welfare che funziona. E alla fine Alberto sembra arrendersi. Torna a Piombino. E la trova depressa, con l'altoforno spento, i vecchi per strada, i primi segni della malattia di Renato. Qualcuno ha definito questa storia l'epica stracciona. Qualcuno ci ha visto Stevenson, qualcun'altro Lovecraft, qualcun'altro ancora l'Orwell de La strada per Wigan Pier. E sicuramente c'è tutto questo. Ma c'è soprattutto, come dice Prunetti stesso, " il contrasto tra gli spossessati e i quattrinai, tra i piani alti e quelli bassi. Io stavo a quelli bassi.In 108 metri la storia la racconto io, con le mie parole.” La letteratura working class a questo serve. Ad abbandonare la lente della sociologia e della politica che ha raccontato la disfatta della classe operaia guardandola dal salotto di casa, a ricostruire la storia dei padri con il calore del lessico familiare, raccogliendone i fili per intrecciarli con quelli più sottili e dispersi delle storie dei figli. E, possibilmente, ad elaborare strategie per sconfiggere l'Entità mostruosa che atterriva Alberto e che si è portata via Renato, ad arrivare finalmente a fare il morso del ciuco alla realtà prima che lei lo faccia a te.” ----- Je so’ pazzo è un ex-opg (ospedale psichiatrico giudiziario) occupato nel marzo 2015 da un gruppo di studenti, lavoratori, disoccupati, per sottrarlo all’abbandono e per restituirlo alla città, per ricostruire la memoria di questo luogo terribile di esclusione e tortura, e lanciare percorsi di mobilitazione a partire dalle nostre concrete esigenze: dal lavoro al territorio, dalle scuole alle università, dalla casa alla sanità. ----- Come arrivarci? - Metro Linea 1: Fermata Materdei (5 minuti a piedi verso Salita San Raffaele) - Dal centro storico (15 minuti a piedi): arrivare al museo nazionale e salire via Salvator Rosa, all'incrocio con via Imbriani ci trovate sulla destra. ----- Ex Opg Occupato - Je so' pazzo pagina facebook: https://www.facebook.com/exopgjesopazzo sito web: http://jesopazzo.org/ twitter: https://twitter.com/ExOpgJesopazzo instagram: https://www.instagram.com/exopgjesopazzo/

Dati Aggiornati al: 25-05-2019 10:46:03

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Giovedì 30-05-2019 alle 18:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Ex OPG Occupato - Je so' pazzo

Indirizzo: via Matteo Renato Imbriani, 218 Napoli

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento