WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Difficile non è sapere una cosa, ma sapere far uso di ciò che si sa. Han Fei

> Home > Eventi a Roma del 23-02-2018 > Mostre e Cultura > La stessa sostanza dei sogni_Ersilia Danza

La stessa sostanza dei sogni_Ersilia Danza

La stessa sostanza dei sogni_Ersilia Danza

 

 

23 e 24 febbraio ore 21 / DANZA Compagnia Ersilia Danza in collaborazione con ATCL Lazio LA STESSA SOSTANZA DEI SOGNI coreografia e regia Laura Corradi creato con Midori Watanabe, Marco Mantovani, Alberto Munarin musiche Max Richter, TSFH, Antonio Vivaldi, Jed Kurzel, Les Tambours du Bronx, Olafur Arnalds, Yann Tiersen | assistente alla coreografia Midori Watanabe | disegno luci Alberta Finocchiaro direzione e organizzazione Augusto Radice | produzione EstateTeatrale Veronese con il sostegno di Mibac – Dipartimento Spettacolo, Regione del Veneto - Arco “Questi nostri attori sono spiriti, e tutti si sono ormai dissolti nell'aria sottile. Come il fragile edificio di questa favola, si dissolveranno un giorno le torri orgogliose che toccano con la loro cima le nubi,gli splendidi palazzi e i templi solenni – si dissolverà lo stesso globo immenso della terra, con tutta la vita che contiene. E come questo spettacolo senza realtà che ora è svanito, tutte il mondo scopmparirà nel nulla senza lasciare dietro di sé neppure il vapore di una nube. Noi siamo fatti della stessa sostanza di cui sono fatti i sogni; e la nostra breve vita è cinta di sonno”. (La Tempesta, Atto IV, scena I) I commedianti arrivano e sbarcano sulla scena, entrano nella storia con passo deciso, come guerrieri pronti a combattere. La storia degli uomini, quella che Shakespeare voleva raccontare e che potrebbe raccontare anche oggi, è sempre tragedia. Odio, rancore, brama di potere, stupidità, gelosia, avidità paura, incapacità di distinguere il bene ed il male, il vero dal falso, la realtà dai fantasmi. La nostra storia è senza senso, come può esserlo un sogno. Disseminata di morti, di martiri che non riescono a restituire un significato a tutto questo agitarsi e dimenarsi, su una scena che non si vuole abbandonare. In balia di una tempesta furibonda che ci sbatte dappertutto per ricordarci quanto siamo fragili e ci schiaffeggia come si fa con cui ha perso i sensi, perchè il senso va ritrovato. “La vita non è che un'ombra che cammina; un povero commediante che si pavoneggia e si agita sulla scena del mondo, per la sua ora, e poi non se ne parla più; una favola raccontata da un idiota, piena di rumore e furore, che non significa nulla”. (Macbeth, Atto V, scena V). @ Biglietti intero 10 €, ridotto 8 € (over 65, under 24, possessori Bibliocard)

Dati Aggiornati al: 08-01-2018 15:30:14

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Alle 21:00 dal 23-02-2018 al 24-02-2018
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Teatro Biblioteca Quarticciolo

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento