WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

C'è un solo modo di dimenticare il tempo: impiegarlo. Charles Baudelaire

> Home > Eventi a Roma del 03-11-2018 > Musica e Spettacoli > Workshop The String of the Body - LabirionOT...

Workshop The String of the Body - LabirionOT Novembre 2018

Workshop The String of the Body - LabirionOT Novembre 2018

 

 

Dal Grotowski Institute di Wroclaw (PL) torna in Italia il workshop

" The String of the Body"
Dal 3 al 7 Novembre 2018
Labirion Officine Trasversali
Via Bellegra 31-33, Roma

I sessione di lavoro: dalle 10:00 alle 13:00
II sessione di lavoro: dalle 15:00 alle 18:00
*mercoledì 7 novembre la sessione finirà alle ore 16

Il workshop è rivolto ad attori, performers e ballerini. Sarà tenuto in lingua inglese con traduzione in italiano in caso di necessità.
La quota di partecipazione è di 180 euro.
Il numero massimo di partecipanti è fissato a 12 elementi.

Per candidarsi inviare il proprio Curriculum Vitae a:
officinelabirion@gmail.com
entro e non oltre il 21 ottobre 2018.
Le domande saranno valutate nell’ordine di arrivo e sarà operata una selezione sulla base dei CV.

*** for English version please scroll down ***

______________________________________________________________________

Il programma di “The String of the Body” è il risultato di circa 30 anni di pratica all’interno di un percorso che ha sperimentato vari settori: arti marziali, sport, ginnastica, danza, teatro e fisioterapia. Con lo sviluppo dell’esperienza attraverso il lavoro, approfondiamo il processo creativo conducendo intense ricerche riguardanti la comunicazione, l’adattamento, la presenza, le relazioni, l’identità, l’espressione, il potenziale e la creatività.
Come possono, le informazioni acquisite, diventare incorporate e vitali per noi stessi e per l’allenamento? Attraverso un processo di training e di valutazione di nuovi stimoli tradotti in necessità per l’Essere Umano, che nella nostra ricerca è anche Guerriero e Interprete: per questo l’allenamento si articola in esplorazione e pratica costanti. Cerchiamo specifici strumenti di allenamento che ci aiutino a creare ponti tra il training, l’arte e la cura di sé stessi. Concepiamo tutto ciò come un campo di ricerca unificato del performer. Come può il nostro corpo diventare una storia che riguarda ciò che già conosciamo e ciò che ancora non abbiamo scoperto su di noi? Come possiamo risvegliare le nostre radici e quelle regole e quei principi che ci orientano inconsciamente? Cos’è potenzialmente prezioso nel cosciente attraversamento dei nostri limiti psico–fisici? C’è, nascosta in questo processo di ricerca, autentica drammaturgia del movimento.

L’allenamento definisce, attraverso la pratica costante, quello che è stato e quello che sarà, da ognuno, acquisito.
Con la nostra pratica intendiamo costruire “possibilità di allenamento personali” attraverso un costante processo di acquisizione e di adattamento fisico a qualsiasi cosa possa essere necessaria (o no) qui ed ora, ma anche a quello che può essere indispensabile e di aiuto nel corso del processo non ancora sperimentato.
Basandoci sull'esperienza raggiunta, come detto, attraverso la pratica di svariate discipline, abbiamo compreso come risvegliare e rinforzare il nostro potenziale, nascosto e racchiuso nei nostri istinti, nella memoria del nostro corpo, nella sua logica ed adattabilità.
L’autodiagnosi è necessaria. Gli ostacoli possono diventare degli ottimi insegnanti perché non ci ingannano riguardo i nostri progressi dal punto di vista fisico. Essi possono permetterci di affrontare il più autentico percorso di sviluppo.

______________________________________________________________________

Pratiche e ispirazioni con le quali verranno a contatto i partecipanti del workshop:

- Training sviluppato all’interno del programma “Body Constitution” del Grotowski Institute (allenamento fisico e vocale a partire dalle arti marziali)
- Allenamento e pratica di Judo, Capoeira, elementi di Jiu-Jitsu e
pre-pugilistica
- Elementi di allenamento Stunt quali pratica del sistema di combattimento Krav Maga, salti, cadute, assorbimento degli urti, coreografie di combattimento
- Danza fisica (Contact Improvisation, Intensive Partnering)
- Composizione di partiture ed etudes a partire dalle arti marziali
- Elementi di functional training
- Tecniche di rilassamento profondo (massaggio Thai, Acro Yoga, metodo Live Impression)

Argomenti del lavoro:

- essenza della forma e della tecnica
- mobilità e stasi
- equilibrio e suo mantenimento, squilibrio
- dinamica, forza, delicatezza
- limiti della zona di comfort e di rischio, lavoro in fiducia e in mancanza di fiducia
- limiti e attraversamento degli stessi
- mantenimento della tensione nella relazione – simbolismo, gestualità, archetipi
- energia – potenziale espressivo, drammaturgico – potenziale compositivo
- apertura e potenziamento della voce, canti afro-brasiliani tradizionali
- fatigue e rilassamento psicosomatico delle tensioni

______________________________________________________________________

Conduce: Jakub Gontarski
Collaboratori e co-organizzatori: Sofia Guidi e Valerio Leoni (Labirion OT)

Jakub Gontarski è laureato presso la “13 Film Stunt School” di Wroclaw. È un istruttore di movimento specializzato in autodifesa (AZS-AWF Wroclaw), personal trainer e movement trainer certificato (sotto la direzione di Steve Maxwell, USA).
Ha avviato i programmi “The String of the Body” e “Martial Partnering” ponendo come obiettivi del lavoro espressività, presenza, drammaturgia attoriale e creatività partendo dalle arti marziali nel sentiero del Guerriero-Interprete.
È membro del gruppo “Teatr Zar” del Grotowski Institute. Ha viaggiato in Brasile, dove ha documentato la sua spedizione e preso parte attiva nei rituali Candomblé. È co-creatore delle produzioni “Animan – I Am That”, “Madhouse” e di molte altre. Lavora a performance d’improvvisazione fisica su musica dal vivo.
Ha praticato Judo e Capoeira in Brasile e in molti paesi europei. Ha studiato movimento con illustri Maestri in Polonia e in tutto il mondo. Si ispira allo jiu-jitsu, alla boxe, al mondo dello sport e alla biomeccanica. Collabora col Grotowski Institute nel programma di ricerca “Body Constitution”. È co-organizzatore dei festival “CYRKULACJE” e “Planet Kids” di Wroclaw e presidente di " Momentum Association of Creative Initiatives”. Ha lavorato per la “Krzyżowa Foundation for Mutual Understanding in Europe” dirigendo numerosi workshop e allestendo coreografie e performance con giovani di tutto il mondo. Conduce workshop a Wroclaw con ragazzi con problemi di natura socio-relazionale all’interno del progetto “Thought in Motion” sotto la direzione dell’Istituto di Musica e Danza. Ha insegnato movimento presso “Ente private kindergarten” (European Cooperation Centre).

Info:
📧 officinelabirion@gmail.com
☎️ 345/6125989


*** *** *** *** ***


From Grotowski Institute (Wroclaw, PL), for the third time in Italy

" The String of the Body"
From 3rd till 7th of November 2018
Labirion Officine Trasversali
Via Bellegra 31-33, Roma

First session: from 10 a.m. till 1:00 p.m.
Second session: from 3:00 p.m. till 6:00 p.m.
*7th of november till 4 p.m.

The workshop is intended for actors, performers, dancers and and all those who are passionate about movement. It will be held in English.
Price for 5 days of seminar: 180 euro
Maximum number of people – 12

Please send your Curriculum Vitae to
officinelabirion@gmail.com
by 21st of October 2018.
Places are limited. Applicants will be accepted on a first-come-first-serve basis.

______________________________________________________________________

The program of The String of the Body is the outcome of around 30 years of practice within an extended platform of body work including gymnastics, sport, martial arts, dance, theatre and body therapy. In our work, we constantly develop our experiences and deepen the creative process by conducting intensive research in communication, adaptation, presence, relation, identity, expression, potential and creativity. How that which is being acquired becomes embedded and a vital part of ourselves? In the process of training and adapting new data, we translate its meaning into the needs of the Human – the Warrior- the Performer. We search for specific practical tools which help us to create bridges between training, art and health, understanding this, as a way of Unified Performer FIELD. How the body becomes an embodied story of what is already known and of what is not yet discovered and understood in us? How to awaken in us our foundations and the internal rules and principles? What is really potentially valuable in a conscious crossing of our psycho – physical limitations? There is authentic movement dramaturgy which is hidden in this process.

Training and practice in themselves define and redefine what has been acquired and what is being acquired.
Our practice means “POSSIBILITY OF PRACTISING ONESELF” through constant process of learning and adapting everything what physically may be necessary( or not) here and now, but also what may be essential and helpful in a new upcoming live situation.
Based on our experience gained from practicing various movement traditions, we learn how to awaken and strengthen the potential embedded in our instincts, body memory, logic and adaptability. Self - diagnosis is necessary. Obstacles can become our real teachers, because they do not cheat our physical progress. They may approach our own authentic path of physical development.

______________________________________________________________________

Workshop participants learn about our practice and inspirations:

- Training tools and practice developed as part of the Body Constitution programme of the Grotowski Institute (body training – training of the voice at the source of martial arts)
- Training and practice at the source of the Japanese martial art of Judo and the Afro-Brazilian martial art Capoeira, elements of
Brazilian Jiu-Jitsu and Boxing training
- Elements of stunt training such as Krav Maga, jumps, falls, shock absorption, fighting choreographies
- Physical Dance (Contact Improvisation, Intensive Partnering)
- Compositions , movement etudes – at the source of martial arts
- Elements of functional training
- Deep relaxation techniques

Areas of work during the workshop:

- deepening the practice of the essence of form and technique
- mobility and statics
- balance, imbalance, maintaining one’s balance
- dynamics, strength, gentleness
- risk zone, limited comfort, confidence and lack of confidence
- boundaries and boundary-crossing
- the maintenance of tension in the relationship - the symbolism, the gesture, the archetype
- energy - expressive potential, dramaturgic - compositional potential
- releasing and strengthening the voice, transgression of traditional afro – brazilian chants
- fatigue and psychosomatic relaxation of tensions

______________________________________________________________________

Leading: Jakub Gontarski
Helpers and workshops coorganizers: Sofia Guidi and Valerio Leoni (Labirion OT)

Jakub Gontarski graduated from Wrocław-based 13 Stunt School. He is a movement recreation instructor specialising in self-defense (AZS-AWF Wrocław), certified personal trainer and movement trainer (under the direction of legendary Steve Maxwell, USA).
Jakub initiated The String of the Body and Martial Partnering workshops dedicated to exploring expression, presence, dramaturgy and creativity in martial arts within the path of Warrior-Performer. He is a member of Zar Theatre in The Grotowski Institute. Travels to Brazil, where he documents his expeditions and takes active part in candomblé rituals. He has co-created many performance pieces, including Animan – I Am That and Madhouse, and performs movement improvisations on stage to live music. Jakub trained in martial arts – Japanese judo and Brazilian capoeira – for many years in Brazil and in many European countries. He studied with eminent movement practitioners in Poland and internationally. His inspirations are motor control and body mechanics. He collaborates with the Grotowski Institute in the BodyConstitution research programme. Jakub is a co-organiser of the Cyrkulacje Festival in Wrocław and Planet Kids project. He is also President of the Momentum Association of Creative Initiatives. He has worked for the Krzyżowa Foundation for Mutual Understanding in Europe, running workshops and creating choreographies and performances with an international group of young people. He also runs workshops with socially excluded youth in Wrocław, including as part of Thought in Motion, a project of the Institute of Music and Dance. Jakub has taught movement classes at Ente private kindergarten (European Cooperation Centre).

Info:
📧 officinelabirion@gmail.com
☎️ 0039/3456125989

Dati Aggiornati al: 24-10-2018 17:10:55

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Alle 10:00 dal 03-11-2018 al 07-11-2018
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Labirion - Officine Trasversali

Indirizzo: Via Bellegra 31 Roma

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento