WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

...un nuovo modo di condividere gli eventi che conosciamo...

> Home > Eventi a Roma del 11-11-2018 > Food & Drink > Pompei “la più viva delle città morte”

Pompei “la più viva delle città morte”

Pompei “la più viva delle città morte”

 

 

POMPEI, " LA PIU' VIVA DELLE CITTA' MORTE”: VISITA GUIDATA IN UNO DEI LUOGHI PIU' SUGGESTIVI D'ITALIA E DEL MONDO “Ecco il Vesuvio che ieri ancora era verde delle ombre di pampini (…) Qui c'era la città di Venere (…) Tutto giace sommerso dalle fiamme e dall'oscura cenere”. Così Marziale ricorda l’eruzione del Vesuvio che la mattina del 24 agosto del 79 d.C. (secondo alcuni ricercatori la data dell’eruzione fu in realtà il 24 ottobre del 79 d.C.), con una pioggia di lapilli che durò fino al giorno dopo, ricoprì Pompei. I Pompeiani rimasti vivi tentarono di ripararsi nelle case o sperarono nella fuga ma, alle 7.30 del 25 agosto, una scarica violentissima di gas tossico e cenere ardente devastò la città: essa si infiltrò dovunque, bruciando tutti coloro che non erano riusciti a mettersi in salvo. Una pioggia di cenere finissima, depositata per uno spessore di circa 6 m, aderì alle forme dei corpi e alle pieghe delle vesti e avvolse ogni cosa. E quando, dopo due giorni, la furia degli elementi si placò, l'intera area aveva un aspetto diverso: una coltre bianca avvolgeva tutto. Gli scavi per riportare in luce la città ebbero inizio nel 1748, durante il regno di Carlo di Borbone, Re delle Due Sicilie e furono poi in gran parte completati tra il 1924 e il 1961 da Amedeo Maiuri. Ed è grazie a Pompei che conosciamo molti aspetti della vita quotidiana dei Romani. Tantissime case ed oggetti di uso comune furono bloccati nel tempo, così come apparivano 2000 anni fa, sigillate dagli strati di cenere e lapilli, e ci permettono di conoscere la sua vita quotidiana. Pompei ci parla dei suoi abitanti grazie anche alle incredibili scritte sui muri che, allora come ora, ci raccontano i sogni, le speranze, gli umori e gli amori dei suoi antichi abitanti. Pompei era una città ricca e prosperosa con molte Domus Romane con ampi giardini e numerose stanze, come la Casa del Fauno o come la bellissima Villa dei Misteri, riccamente decorata di affreschi. Anche la presenza di un teatro e di un anfiteatro indicano come Pompei fosse una città benestante, che necessitava di spazi dedicati allo svago dei suoi residenti. Numerose erano anche le terme. Il fulcro della vita cittadina era il Foro, dove si svolgeva gran parte della vita politica, religiosa e commerciale. Per chi vorrà, dopo la visita guida agli scavi di Pompei, a pranzo ci fermeremo in un ristorante che è tra le eccellenze del territorio. Il locale ricorda le antiche osterie romane e nell’antica Pompei ne esistevano circa 89. Ho prenotato per voi 2 tipi di menù da poter scegliere: uno sarà composto da pietanze tipiche campane con prodotti locali (25 euro, comprende un ricchissimo antipasto, primo, secondo, dolce, acqua e vino), mentre nell’altro potremo assaggiare i piatti tipici della cucina dell’antica Roma tratta dai testi come il “De Re conquinaria” del cuoco gastronomo Marco Gavio Apicio vissuto ai tempi di Tiberio (27 euro, bevande incluse). I cibi saranno serviti in piatti in terracotta, il vino versato dalle anfore e si berrà nei calici, come si faceva nell’antica Pompei. Chi vorrà fermarsi al ristorante lo deve specificare al momento della prenotazione per potervi prenotare il posto. *** NB: si consiglia di indossare scarpe molto comode, il percorso agli scavi di Pompei richiede un lungo percorso a piedi di 3 ore ___________________________________________________ DETTAGLI PER ISCRIZIONE: * Per partecipare al tour è obbligatoria la prenotazione inviando una mail a prenotazioni@vogliadiarte.com con NOME e COGNOME dei partecipanti, i loro indirizzi MAIL ed un numero di cellulare di riferimento ** QUOTA DI PARTECIPAZIONE (MINIMO 10 PARTECIPANTI): € 25,00 A PERSONA: La quota comprende: - Guida locale agli scavi di Pompei della durata di 3 ore - Accompagnatore per tutta la durata del tour La quota non comprende: - Biglietti di ingresso agli scavi di Pompei: Intero € 15,00 Ridotto € 9,00 (cittadini europei tra i 18 e 25 anni non compiuti e docenti delle scuole statali dell’Unione Europea) Gratuito minori di 18 anni - Auricolari per un migliore ascolto della visita guidata (€ 1,50 a persona) - Tutto quanto non espressamente indicato nella “quota comprende” DETTAGLI PER IL PAGAMENTO: Si pagherà l'intera quota tramite bonifico bancario ENTRO E NON OLTRE IL 3 NOVEMBRE. * La prenotazione sarà confermata solamente al momento della ricezione del pagamento Alle persone prenotate saranno indicate le modalità per provvedere al bonifico. Penalità di cancellazione: - Dalla data di prenotazione fino a 20 giorni prima della partenza: 10% dell'importo totale - Dopo tale data e fino a 3 giorni prima della partenza: 50% dell'importo totale - Nessun rimborso dopo tale data Ideazione, realizzazione e consulenza turistica: “Voglia di Arte” di MARIA ALESSANDRA de CATERINA

Dati Aggiornati al: 24-10-2018 17:39:06

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Food & Drink

Quando: Domenica 11-11-2018 alle 07:30
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Voglia di Arte

Indirizzo: -- Roma

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento