WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Nulla fa sospettare tanto un uomo quanto il saper poco. Francis Bacon

> Home > Eventi a Roma del 07-11-2018 > Mostre e Cultura > L'uso creativo delle case di bambola |...

L'uso creativo delle case di bambola | EducaRoma

L'uso creativo delle case di bambola | EducaRoma

 

 

Mercoledì 7 novembre 2018 al Museo di Roma in Trastevere l'incontro per docenti e studenti universitari " L'uso creativo delle case di bambola" , a cura di Martina Antonelli e Antonella Sbrilli . #educaRoma Gaston Bachelard nella sua Poetica dello spazio sosteneva che la casa “è il nostro angolo di mondo, è, come è stato spesso ripetuto, il nostro primo universo […] uno spazio primario per sognare ad occhi aperti che unisce memoria e immaginazione.” Essa è per ciascuno di noi un luogo sicuro in cui sono custoditi i nostri ricordi più intimi. È forse questo il motivo per cui sempre più artisti hanno deciso di utilizzare la casa come mezzo privilegiato d’espressione. In questa occasione verranno indagati i lavori di svariati artisti contemporanei, con esperienze differenti alle spalle, i quali dalla metà degli anni Settanta del ‘900 ad oggi hanno evocato nelle proprie installazioni la sagoma della casa di bambola. Queste esperienze contemporanee verranno messe in relazione con la storia e lo sviluppo delle prime dollhouses, nate nel nord Europa tra la fine del XVII e l’inizio del XVIII secolo. Non esiste una definizione che abbracci il significato di casa di bambola poiché si tratta di un’espressione utilizzata sia per descrivere quell’oggetto proprio dell’età infantile, il giocattolo, sia per alludere al modellino più propriamente da collezione. Nelle prime case di bambola la funzione ludica era subordinata all’intento educativo che esse rivestivano. L’accezione ricreativa che noi oggi attribuiamo a questo oggetto si andò diffondendo solamente in seguito alla rivoluzione industriale e alla nascita delle industrie specializzate nella produzione del giocattolo. Martina Antonelli: storica dell’arte, si è laureata a marzo presso l’Università La Sapienza di Roma con la professoressa Antonella Sbrilli. Ha approfondito i suoi studi nel campo dell’arte contemporanea discutendo una tesi dal titolo L’uso creativo della “casa-di-bambola”: un percorso dal Seicento al contemporaneo. Durante il suo percorso di studi ha anche effettuato uno stage presso il Palazzo del Quirinale. Antonella Sbrilli: insegna Storia dell’arte contemporanea alla Sapienza Università di Roma, cura la rubrica di giochi con i lettori del settimanale “Alfabeta2” e gestisce il blog diconodioggi.it. Ha ideato e co-curato le mostre Ah che rebus! Cinque secoli di enigmi fra arte e gioco in Italia (Roma, Istituto Nazionale per la Grafica, 2010-11) e Dall’oggi al domani. 24 ore nell’arte contemporanea (Roma, Macro, 2016). ➤➤➤ Prenotazione obbligatoria: tel. +39 060608 (tutti i giorni ore 9.00 - 21.00); ➤➤➤ L'incontro è gratuito; ➤➤➤ Numero massimo di partecipanti: 30. È previsto il rilascio dell’attestato di formazione.

Dati Aggiornati al: 30-10-2018 14:53:48

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO



Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Mercoledì 07-11-2018 alle 16:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Museo di Roma in Trastevere

Indirizzo: Piazza S. Egidio, 1/b Roma

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento