WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Il tempo manca solo a chi non ne sa approfittare. Gaspar M. de Jovellanos

> Home > Eventi a Roma del 10-11-2018 > Musica e Spettacoli > Off School #1 La creatività è...

Off School #1 La creatività è l'intelligenza che si diverte

Off School #1 La creatività è l'intelligenza che si diverte

 

 

Cos'è Off School Tre appuntamenti. Tre professionisti diplomati al Centro Internazionale La cometa. Tre provenienti da altri percorsi. Tre coppie e la loro reciproca contaminazione. Sei artisti (attori, danzatori, drammaturghi), della scena contemporanea, 54 ore di lavoro, tre approcci differenti alle pratiche sceniche. Off School nasce dalla volontà’ del Centro Internazionale La Cometa di incontrare una zona di esplorazione creativa, libera e originale, quella terra di mezzo fatta di contaminazioni e intersezioni tra differenti linguaggi, che nutra, alimenti e approfondisca l’autorialita' dell’attore e del performer, corpo, anima e voce di una personale scrittura drammaturgica, fisica e sensibile. #1 La creatività è l'intelligenza che si diverte Pratica di improvvisazione e drammaturgia originale Condotto da Francesca Farcomeni e Letizia Russo (max 12 partecipanti) Può un attore interpretare un personaggio, raccontare una storia, senza le reti di salvataggio della parola scritta e della regia? L’incontro si propone di condividere alcuni degli strumenti che abbiamo sperimentato in questi anni, per esplorare insieme i principi base dell’Improvvisazione a servizio di una storia. Uso creativo dello spazio scenico, relazione, produzione di immagini e drammaturgia originale in tempo reale sono i campi che andremo ad esplorare insieme, nella prospettiva (che, ovviamente ha bisogno di un tempo congruo per essere raggiunta) di fare dell’attore anche un autore, responsabile e complice del processo creativo insieme ai propri compagni in scena e fuori scena. Il vuoto verrà affrontato non come mancanza ma come condizione di partenza migliore per la creazione di racconto autonomo, come spazio di libertà in cui far accadere qualcosa di nuovo, inatteso e sorprendente. Per il pubblico ma prima ancora per se stessi. Francesca Farcomeni si diploma al “Centro Internazionale la Cometa” di Roma con i Maestri Nikolaj Karpov, Alan Woodhouse, Natalia Zvereva, Irina Promtova, Lilli Cecere, Valeria Benedetti Michelangeli, Gianfranco Isernia, Gabriella Borni, Shona Morris. Studia con Tomi Janezic, Eimuntas Nekrosius, Serena Sinigaglia, Cristina Pezzoli, Silvia Bennet, Isabelle Magnin, Roberto Castello, Massimiliano Civica. Dal 2004 al 2010 lavora con la compagnia Triangolo Scaleno Teatro diretta da Roberta Nicolai condividendo un percorso di ricerca sul teatro contemporaneo e mettendo in scena opere di Kafka, Pasolini, Brecht. Dopo l’incontro con Cristina Pezzoli e Letizia Russo partecipa all’esperienza dello “Spazio Compost” di Prato collaborando a progetti di ricerca nell’ambito delle tecniche d’improvvisazione teatrale. Inizia qui un percorso che vede l’attore sempre piu implicato come autore di se stesso nella creazione di drammaturgia e regia in tempo reale. Questi stessi principi sono anche alla base di un altro progetto che porta avanti da diversi anni in collaborazione con Compagnia Elena Vanni: “A.R.E.M.” spettacolo e format interamente basato sull’improvvisazione e che reinterpreta il rapporto con lo spettatore coinvolgendolo anche come co-autore. Proseguendo la ricerca verso la sperimentazione e la creazione di drammaturgia scenica originale, nel 2017 mette in scena " Bella Addormentata" , ispirata al romanzo breve " E' stato cosi" di Natalia Ginzburg e alla favola omonima. Lavora (tra gli altri) con Sergio Fantoni, Ottavia Piccolo, Cristina Pezzoli, Letizia Russo, Angela Finocchiaro, Laura Marinoni, Vittorio Viviani, Lucrezia Lante della Rovere, Pierpaolo Sepe, Lisa Ferlazzo Natoli, Francesco Zecca, Fabiana Iacozzilli, Compagnia La fabbrica dell’attore-Teatro Vascello, Compagnia Lafabbrica. Collabora a progetti di training permanente finalizzati alla ricerca, allo scambio e alla contaminazione artistica multidisciplinare. Come attrice e come formatrice crede nel teatro come in un’opportunità unica di connessione e relazione, come spazio aperto all’esplorazione e alla ricerca paziente e continua della poesia nella realtà che mette l’attore al centro del processo creativo facendo della presenza un elemento attoriale imprescindibile. Letizia Russo Inizia a scrivere per il teatro nel 1998. Nel 2000 va in scena il suo primo testo, Niente e nessuno (una cosa finita). Con Tomba di cani riceve il Premio Tondelli nel 2001 e Premio Ubu nel 2003. Un'antologia dei suoi testi è pubblicata da Ubulibri. Tra i suoi titoli, rappresentanti in Italia e all'estero: Binario Morto – Dead End (2002, commissione del National Theatre di Londra per il festival Shell-Connections), Primo Amore (2003), Babele (2004), Edeyen (2005), Dare al Buio (2007), Blitz (2010), Per una donna e Cooking (2013), Se ci sei batti un colpo (2015), Filottete (2017). Ha curato la riscrittura di alcuni classici, tra i quali La trilogia della villeggiatura, di Carlo Goldoni, Madame Bovary, di Gustave Flaubert, Ivan, da I fratelli Karamazov di Fedor Dostoevskij, Uno zio Vanja, da Zio Vanja di Anton Cechov e Il Maestro e Margherita, di Michail Bulgakov, per la regia di Andrea Baracco. In Italia ha lavorato, tra gli altri, con Antonio Latella, Cristina Pezzoli, Serena Sinigaglia, Vinicio Marchioni. I suoi testi sono tradotti in inglese, francese, tedesco, spagnolo, portoghese, greco, rumeno, slovacco. È traduttrice verso l'italiano dall'inglese e dal portoghese. Ha insegnato dal 2006 al 2008 presso la Scuola Holden di Torino. Nel 2017 inizia una collaborazione con la Biennale di Venezia diretta da Antonio Latella. Insieme a Linda Dalisi conduce la master di drammaturgia. Per candidarsi inviare una mail con curriculum a info@cometastudio.it Per info 06 83396507 Costo: 60€ a seminario / 150€ per tre seminari Prossimi appuntamenti con Off School 12/13 gennaio Stefano Francoia - Ramona Nardò “Training Arete” ore 10:00 – 20:00 (max 20 partecipanti) 16/17 febbraio Alessandra Cristiani - Marzia Ercolani “Attriti” ore 10:00 – 19:00 (max 14 partecipanti)

Dati Aggiornati al: 05-11-2018 15:39:24

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Alle 10:00 dal 10-11-2018 al 11-11-2018
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Centro Internazionale La Cometa

Indirizzo: Circonvallazione Gianicolense 51/ A Roma

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento