WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Tutto il resto non è vita, ma tempo. Il tempo si butta via, la vita si vive. Seneca

> Home > Eventi a Roma del 06-07-2019 > Mostre e Cultura > Costellazioni familiari archetipiche

Costellazioni familiari archetipiche

Costellazioni familiari archetipiche

 

 

Giornata dedicata alle costellazioni familiari archetipiche ed in particolare al tema del " IL GEMELLO NON NATO " con Luisa Benedetti Attualmente si ipotizza che la quasi totalità delle gravidanze inizi con la fecondazione di due o più ovuli: essa dà origine a due o più embrioni e, di solito, termina portando allo sviluppo completo un solo feto. Ne consegue che nell’utero di nostra madre, quando veniamo concepiti, nella maggior parte dei casi non siamo soli. Il nostro viaggio di incarnazione inizia accanto ad un fratello o sorella, o a entrambi, che condividono con noi una parte del percorso e poi, per regole stabilite dalla natura, per loro si interrompe. Nel tempo condiviso però cresciamo insieme e abbiamo un rapporto intimo e tattile fin da subito, siamo in continua interazione e ci condizioniamo a vicenda sia a livello psichico che fisico: siamo un per l’altro il primo “specchio”. Durante la gravidanza la madre può non accorgersi che un embrione è morto, ma il gemello ne avverte la perdita in modo così doloroso da poter determinare molte attitudini che l’individuo riproporrà in tutto il tempo della sua esistenza terrena, dato che la memoria prenatale è la più influente e formativa, specie nei primi 3 mesi di vita intrauterina. Senso di perdita e paura di perdere; rabbia apparentemente immotivata; nostalgia struggente; sentirsi indegni di buona sorte; alcuni disturbi dell’alimentazione; senso di vuoto incolmabile; smanioso bisogno di completamento di sé; senso di colpa reiterato e immotivato; relazioni simbiotiche e/o di dipendenza; timidezza che sfiora la ritrosia; attaccamento patologico al passato; asimmetrie fisiche; cisti; verruche; epilessia; eczema; disgrafia e discalculia, sono solo alcuni dei “sintomi” possibili della sindrome del gemello non nato. Una sindrome dalla quale è possibile “guarire” riconoscendo, cioè portando alla luce ciò che è rimasto a lungo negato o segregato; onorando il sacrificio di chi, assecondando leggi di natura, si è ritirato, contribuendo in tal modo alla sopravvivenza dell’altro; trasformando il dolore in consapevolezza e gratitudine e inchinandosi alla Vita con tutti i suoi misteri. LE COSTELLAZIONI ARCHETIPICHE SONO: Benchè ogni individuo sia unico e irripetibile, porta in sé anche un patrimonio ereditato da chi l’ha preceduto: insieme ai geni possiamo ereditare dai nostri antenati paure, talenti, credenze, valori, traumi, memorie, segreti, sensi di colpa e/o di esclusione, meccanismi di espiazione e altri sentimenti, la cui trasmissione è veicolata dalle Coscienze. Tali eredità possono condizionare in modo determinante il presente di un individuo perché il sistema ne conserva la memoria, anche senza che egli sia consapevole. La famiglia (come molte altre strutture) è un sistema, cioè un organismo vivente in continua evoluzione, il cui equilibrio è garantito dal fatto che i componenti ne osservino le regole e ne rispettino l’ordine e la cui vita trascende sia il fattore tempo, che lo stato di consapevolezza dei suoi membri. Esso è composto da tutti coloro che ne sono partecipi in modo significativo, anche al di là dei legami di sangue. Grazie alla connessione con il campo di coscienza e al sostegno del gruppo, il metodo delle costellazioni può consentire di comprendere come avvenga questa trasmissione da una generazione alle successive e in che modo eventi attuali possano esservi collegati; di spostare l’attenzione dal “problema” al meccanismo che lo alimenta, rivelandone l’insegnamento intrinseco; di favorire lo spostamento dal senso di colpa all’assunzione consapevole di responsabilità; di permettere all’individuo di scegliere vie e soluzioni diverse da quelle che apparivano inevitabili e obbligate; di liberare nel singolo e nel sistema energie prima segregate; di facilitare l’intima connessione con i propri avi e aiutare ad accogliere i destini della propria ascendenza e discendenza, onorandoli; di pacificarsi con sé e con gli altri; di riconoscere il proprio posto nell’ordine perfetto della vita e accedere ad un flusso vitale amorevole e protettivo. Le costellazioni sono efficaci e spesso risolutive perché assecondano il movimento dello Spirito che accompagna tutti allo stesso modo, con amore. Luisa Benedetti: psicologa, naturopata, counselor in psicologia transpersonale. Inizia il suo percorso di ricerca nel 1987, grazie alla medianità che ne permea ogni fase: dalla medicina non convenzionale, allo sciamanesimo, alla psicologia esoterica. Dal 1992 conduce sessioni individuali e di gruppo, finalizzate allo sviluppo della consapevolezza e alla crescita personale e spirituale. pre iscriversi e chiedere informazioni scrivere a scuola.igea@shiatsuigea.com

Dati Aggiornati al: 27-06-2019 11:57:13

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO



Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Sabato 06-07-2019 alle 10:00
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Shiatsu Igea

Indirizzo: Lungotevere Prati n. 18/19 Roma

Prezzo: Vario

Link: Sito Web dell'evento