WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

...per rimanere sempre informati su cosa fare giorno per giorno...

> Home > Eventi a Roma del 11-12-2019 > Musica e Spettacoli > ANNO ZERO

ANNO ZERO

ANNO ZERO

 

 

Faremo l’impossibile Lo “stallo della politica” non è un concetto teorico. È un concetto pratico che appare come risultato di una difficoltà: attaccare questa realtà che è diventata un tutt’uno con il capitalismo ci si presenta come un impossibile. Evidentemente, questo non significa che non si possa lottare né che l’identità capitalismo e realtà ponga completamente fine al mondo. Se osiamo andare oltre il senso comune – il che è oggi imprescindibile per poter lottare – allora bisogna partire da una verità che si fa fatica ad ammettere: impossibile non è il contrario di possibile. Un impossibile è quell’impossibilità che (ci) si pone come problema. Santiago López-Petit L’Academia de España occupa un territorio mitico. Tra il Gianicolo, Villa Pamphilj e Trastevere. Un colle, un paesaggio che definisce la sua relazione e la sua condizione nei confronti della città. L’Academia è sopravvissuta a repubbliche, monarchie, avvenimenti di ogni genere. È un simbolo di resistenza, un luogo eccezionale – continuerà ad esserlo anche se lo si dirà mille volte. Concepisco questo ciclo come un’opportunità di presentare artisti spagnoli su una scena, quella romana, che soltanto in questi ultimi anni sembra affacciarsi all’Europa. Per la prima volta uno degli artisti concettuali più importanti del Paese, Isidoro Valcárcel Medina, sarà ospite dell’Academia e creerà un’opera ad hoc. Collaborare con MACRO Testaccio - La Pelanda e Teatro India - Teatro di Roma è un avvenimento per noi. Proseguendo sulle linee di lavoro dell’Academia degli ultimi anni, concepiamo questa come una collaborazione naturale – e non semplicemente istituzionale – con i due spazi, così interessati negli ultimi tempi alla scena non spettacolare e alla partecipazione del pubblico. Anche il recupero di lavori profondamente spagnoli di artisti che vivono all’estero da anni sembra importante. Pertanto, Light years away di Edurne Rubio ci presenta un’opera che è un’esplorazione, la discesa nella grotta di Ojo Guareña, e un percorso nella storia dell’essere umano sin dalle sue origini. Celso Fernández Sanmartín presenta A cama do meu avó Manuel Sanmartín, un’opera fatta di memorie orali, di lavoro sul campo, e di interesse profondo nei confronti delle origini. Leonor Leal lavora sulla memoria di suo zio Mario Maya, che nel ’76 reinventò il flamenco con l’opera Camelamos naquerar. Infine, Roger Bernat ci invita a ricordare il lavoro Numax-Fagor-plus, ispirato al film di Joaquim Jordà, un regista cinematografico imprescindibile che visse a Roma per sette anni in esilio dal franchismo. Pertanto, Catalogna, Murcia, Madrid, Paesi Baschi, Galizia, Castilla León, Andalusia... Memoria del lavoro, della vita in campagna, dell’arte, della filosofia, memoria dell’esilio, memoria per mantenersi vigili, memoria vitale. In questo modo il ciclo è un modo per situare, collocare e far conoscere una realtà scenica, la scena contemporanea spagnola, e di suggerire un racconto comune tra artisti molto diversi. ANNO ZERO è un omaggio al film di Roberto Rossellini, ispirato agli anni della ricostruzione nel dopoguerra tedesco. Il ciclo è un ulteriore gesto da parte dell’Academia per indicare un cambio di modello collaborativo e artistico, in cui prevale il lavoro con la memoria, il documento, la partecipazione del pubblico e, in generale, l’arte di azione. Pablo Fidalgo. Sassari 12 di ottobre. Curatore del ciclo ANNO ZERO Scena Contemporanea. Un progetto della Real Academia de España en Roma con il sostegno di Acción Cultural Española, AC/E e la collaborazione di Teatro India - Teatro di Roma e MACRO Testaccio - La Pelanda ------------------------------------------------------------------- 📅Mercoledì 11 dicembre 2019 🕤Ore 19:00 📍 Real Academia de España en Roma " A cama do meu avó Manuel Sanmartín" Celso Fernández Sanmartín *Ingresso libero fino ad esaurimento posti 📅Giovedì 12 dicembre 2019 🕤Ore 20:30 📍 MACRO Testaccio - La Pelanda " Light Years Away" Edurne Rubio *Ingresso libero fino ad esaurimento posti 📅 Venerdì 13 dicembre 2019 🕤 20:30 📍 MACRO Testaccio - La Pelanda " Camelamos naquerar" Leonor Leal *Ingresso libero fino ad esaurimento posti Sabato 14 dicembre 2019 🕤16:00 📍 Real Academia de España en Roma Sin título, Isidoro Valcárcel Medina *Ingresso libero fino ad esaurimento posti Sabato 14 dicembre 2019 🕤18 30h 📍 Teatro India - Teatro di Roma " Numax-Fagor-plus" Roger Bernat *Ingresso libero fino ad esaurimento posti Domenica 15 dicembre 2019 🕤11.30 e 15.00 📍 Via San Lorenzo da Brindisi 10b " Storywalker" GARBATELLA Fernando Sánchez Cabezudo *Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Dati Aggiornati al: 02-12-2019 13:07:32

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Alle 19:00 dal 11-12-2019 al 15-12-2019
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Real Academia de España en Roma

Indirizzo: Piazza San Pietro in Montorio, 3 Roma

Prezzo: Gratis

Link: Sito Web dell'evento