WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Niente ha bisogno d'esser modificato quanto le abitudini degli altri. Mark Twain

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO

ROMA OGGI - EVENTI - SOGGIORNI A ROMA - CORSI ROMA - LOCALI - NEWS

TORINO

MILANO

ROMA

FIRENZE

GENOVA

NAPOLI

BOLOGNA

> Home > Eventi a Roma del 27-02-2020 > Musica e Spettacoli > TRUMAN CAPOTE Questa cosa chiamata amore

TRUMAN CAPOTE Questa cosa chiamata amore

TRUMAN CAPOTE Questa cosa chiamata amore

 

 

Da Giovedì 27 a Sabato 29 febbraio ore 21, Una dedica con amore allo scrittore di ‘Colazione da Tiffany’ e ‘Sangue Freddo’

Uno spettacolo da e su uno dei più grandi scrittori americani del ‘900, in uno spazio teatrale mutevole e leggero, una pelle prismatica di camaleonte pronto alla trasformazione, com’era la lucentezza della prosa dell’autore di A sangue freddo, di cui quest’anno ricorrono i 50 anni dalla prima pubblicazione. “Tutta la letteratura è pettegolezzo“, così Truman Capote liquidava con una delle sue abituali provocazioni anti- letterarie qualsiasi visione sacrale dell’arte e dell’artista. Pettegolezzo inteso come svelamento di ciò che non si sa, indagine sui lati oscuri dell’America, in modo leggero e profondo, snob e vivace come un vodka martini. È il Capote più irriverente quello che Massimo Sgorbani disegna per Gianluca Ferrato, un dandy, un esibizionista, un personaggio pubblico prima ancora che un grande scrittore: l’anticonformista per eccellenza, che può permettersi di parlare con la stessa dissacrante arguzia di Hollywood e della società letteraria newyorkese, di Jackie Kennedy e Marilyn Monroe, di Hemingway e Tennessee Williams, senza mai risparmiare se stesso, i suoi vizi, le sue manie, i suoi successi e fallimenti.

La scelta drammaturgica di Massimo Sgorbani
Massimo Sgorbani non restituisce a Truman Capote quello che lui stesso ha saputo esprimere di sé. Ne prende in prestito il personaggio per riportare alla memoria il talento artistico che lo contraddistingue, anche a chi lo legge a distanza di anni: " Pur assumendomi la responsabilità della mia anacronia, ho solo cercato di raccogliere quel che Truman Capote ha seminato. Questo è quello che mi ‘ha raccontato’, con la straordinaria leggerezza di chi chiacchiera sorseggiando un Vodka Martini. Il lato oscuro di un’America che altri – prima, insieme e dopo di lui – hanno esplorato. La paura dello sconosciuto che minaccia la tua famiglia e la tua proprietà. La paura (e insieme l’attrazione) che suscita il ‘diverso’, ma anche la paura che lo stesso diverso prova sentendosi tale e tentando di essere accettato, salvo scoprirsi in extremis ‘tollerato’ (come diceva Pasolini) solo ipocritamente, e riappropriandosi dell’unica identità che, a ben vedere, gli è stata realmente concessa: quella di intruso, di presenza minacciosa" .

Da giovedì 27 a sabato 29 febbraio ore 21

di Massimo Sgorbani
in collaborazione con Teatro Nazionale della Toscana
con Gianluca Ferrato
scene Massimo Troncanetti
costumi Elena Bianchini e Fondazione Cerratelli
assistente alla regia Jonathan Freschi
impianto e regia Emanuele Gamba

Florian Metateatro in collaborazione con Teatro Nazionale della Toscana

Dati Aggiornati al: 09-02-2020 12:54:21

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 



Categoria: Musica e Spettacoli

Quando: Alle 21:00 dal 27-02-2020 al 29-02-2020
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Teatro Tor Bella Monaca

Prezzo: 10.50 €

Link: Sito Web dell'evento