WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

Godi il giorno, confidando meno che puoi nel domani. Orazio

> Home > Eventi a Torino del 22-05-2017 > Altro... > RadicalisatiOFF. Giovani e radicalizzazione

RadicalisatiOFF. Giovani e radicalizzazione

RadicalisatiOFF. Giovani e radicalizzazione

 

 

Il ruolo dell’educazione non-formale
1° INCONTRO: lunedì 22 maggio, ore 18 sala Gandhi
conoscenza dei partecipanti
dati e riflessioni sulla radicalizzazione: cosa intendiamo per “radicale”? Esiste un radicalismo positivo? E se fossimo radicali anche noi?
introduzione all’educazione non formale: pedagogia dello shock, apprendimento cooperativo, learning-by-doing
sperimentazione di attività educative non formali sul tema
condivisione di esperienze

2° INCONTRO: lunedì 29 maggio, ore 18 sala Gandhi
hate speech online: caratteristiche e rischi per i giovani
ruolo dell’informazione e della conoscenza come antidoto alla radicalizzazione e all’odio, e ruolo del web nella costruzione della conoscenza per i giovani
sperimentazione di attività educative non formali sul tema
riflessioni e spunti

Per radicalizzazione non si intende solo l’estremismo islamico, ma qualunque processo che porta ad assumere posizioni estreme e identità immobili, che non accettano posizioni e identità diverse e non sanno mettersi in dialogo con loro. Il radicalismo è il contrario del pluralismo e della tolleranza, e reagisce alla diversità con la violenza e l’odio.

Sono forme di radicalismo il razzismo, l’omofobia, il sessismo, i movimenti neo-fascisti e ogni altra ideologia o movimento che cercano di negare ad altri individui la dignità e il diritto ad esistere nella loro diversità. I movimenti estremisti oggi non sono più una frangia marginale della società, stigmatizzata come tale, ma un problema sempre più diffuso anche tra la “gente comune”: questo va di pari passo con una diffusione della violenza e un innalzamento della soglia di tolleranza. I giovani, il cui pensiero critico e la cui coscienza civile sono ancora in formazione, sono particolarmente vulnerabili alla radicalizzazione, ma per fortuna sono anche più sensibili ai discorsi di tolleranza e rispetto.

L’educazione non formale può essere uno strumento efficace per prendere in contropiede la radicalizzazione; rispetto alle modalità tradizionali e gerarchiche, l’educazione non formale permette ai giovani di mettersi in gioco, di immaginare e sperimentare situazioni nuove o cimentarsi con problemi reali, e riflettere poi sull’esperienza vissuta in prima persona. In più, modalità come l’educazione peer-to-peer fa sì che i messaggi vengano portati da coetanei e non da adulti, il che suscita un atteggiamento più permeabile e ricettivo.

In questi due incontri vogliamo portare l’attenzione sul problema della radicalizzazione e dell’incitamento all’odio online, e proporre alcune metologie di educazione non formale rivolte ai giovani per contrastare la tendenza alla radicalizzazione. La struttura del workshop prevede alcune parti di inquadramento teorico dei concetti chiave alternate a discussioni, condivisione di esperienze e proposte di attività pratiche.

Dati Aggiornati al: 20-05-2017 15:50:46

WikiEventi.it non è l'organizzatore dell'evento e non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

CAUSA CORONAVIRUS TUTTI GLI EVENTI NON SONO GARANTITI.
CONSULTARE SEMPRE SITO WEB DI RIFERIMENTO



Categoria: Altro...

Quando: Alle 18:00 dal 22-05-2017 al 29-05-2017
---> L'EVENTO SI È GIÀ CONCLUSO !!!

Dove: Centro Studi Sereno Regis

Prezzo: --

Link: Sito Web dell'evento