WikiEventi.it utilizza i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito alle agenzie pubblicitarie, agli istituti che eseguono analisi dei dati web e ai social media nostri partner. Utilizzando il nostro sito web e continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies.
APPROFONDISCI - ACCETTO

...per rimanere sempre informati su cosa fare giorno per giorno...

> Home > Eventi a Torino del 19-10-2017 > Mostre e Cultura > 1895-1925 LA GIORNATA DI UNA SIGNORA. Abiti della...

1895-1925 LA GIORNATA DI UNA SIGNORA. Abiti della Collezione Roberto Devalle

1895-1925 LA GIORNATA DI UNA SIGNORA. Abiti della Collezione Roberto Devalle

 

 

La Fondazione Accorsi-Ometto ospita, nelle sale dell’omonimo museo, una ventina di abiti provenienti dalla Collezione Roberto Devalle e risalenti al periodo 1895-1925.
L’occasione è offerta dalla mostra GIACOMO GROSSO. Una stagione tra pittura e Accademia (Museo Accorsi-Ometto, Torino | Pinacoteca dell’Accademia Albertina, Torino, Palazzo Comunale di Cambiano, 28 settembre 2017 — 7 gennaio 2018 | Palazzo Madama, Torino, 28 settembre – 23 ottobre 2017), grazie alla quale gli abiti esposti nelle sale del museo dialogano idealmente con quelli dei dipinti in mostra, per sottolineare, come arte e moda, pittura e tessuti, siano uniti, tra loro, a un preciso momento storico e all’evoluzione della moda e del costume.
L’esposizione, curata da Silvia Mira, storica della moda, conduce il visitatore all’interno di un mondo che, per essere capito appieno, va decodificato: gli abiti rappresentano una sorta di linguaggio non scritto, che rimanda a realtà sociali e politiche specifiche, che parla di differenze e di uguaglianze, di appartenenze e di esclusioni. Gli abiti sono parole che continuano a raccontare, anche dopo molti anni, il contesto, all’interno del quale e per il quale, sono stati concepiti.
In questo modo, il percorso museale si trasforma nella perfetta scenografia per ambientare capi significativi, alcuni firmati da note Maison torinesi, come Sacerdote o De Gasperi e Rosa, altri da sartorie sconosciute, ma tutti in grado di trasportare i visitatori in una realtà e in una ritualità lontana e, ormai, dimenticata.
Il guardaroba di una signora della buona società doveva comporsi di diversi capi adatti a rispondere alle esigenze sociali che era chiamata a rispettare nel corso della giornata. Il cambiarsi d’abito, come minimo quattro volte, non era un vezzo, ma un dovere sociale.
Nelle sale del museo i più sobri abiti da giorno si alternano agli elegantissimi abiti da sera in chiffon o crepe de Chine: la signora, nell’intimità della propria camera, poteva indossare una semplice veste da camera (robe du matin) oppure, durante i ricevimenti pomeridiani, un “abito del tè” (tea gown) o ancora un abito da pomeriggio per far visita o ricevere la propria cerchia di amicizie. Chi si recava in visita, di solito, indossava un abito accollato, completato da cappello e guanti, mentre la signora che riceveva adottava una toilette misurata, ma elegante.
La sera, invece, la signora prediligeva vestiti tempestati di paillettes o ricamati con perline vitree iridescenti, perle, fili d’oro e d’argento, che, a seconda del periodo storico, cambiavano di foggia e di materiale: negli anni Venti del Novecento, la linea dritta e tubolare del vestito creava una nuova architettura, accentuando la verticalità e valorizzando la silhouette.
L’eleganza maschile, invece, non subì i capricci della moda: l’abito da sera per il gentiluomo continuò ad essere il frac almeno fino al chiudersi degli anni Venti quando i “giovanotti” cominciarono a preferirgli il meno compassato smoking.
Questi meravigliosi e raffinati abiti permettono, quindi, di fare un viaggio indietro nel tempo e forniscono l’occasione non solo di ammirare la bellezza e l’evoluzione delle linee, ma anche di scoprire che l’abito e il contesto erano scanditi da regole precise delle quali i manuali di buone maniere dell’epoca davano una fondamentale chiave interpretativa.
ORARI
Da martedì a venerdì 10.00 – 13.00; 14.00 – 18.00
Sabato, domenica e festivi: 10.00– 13.00; 14.00– 19.00
Lunedì chiuso
COSTO BIGLIETTI
Mostra: intero € 8,00; ridotto € 6,00*
Mostra con visita guidata (sabato, domenica e festivi ore 12.00 e 18.00): € 4,00 oltre al biglietto d’ingresso
Mostra GIACOMO GROSSO + Mostra ABITI:
intero € 14,00; ridotto € 12,00*
Percorso moda (visita guidata alle mostre GIACOMO GROSSO + ABITI):
€ 6,00 oltre al biglietto d’ingresso delle due mostre

Dati Aggiornati al: 12-10-2017 15:51:05

WikiEventi.it non è responsabile di eventuali cambiamenti di programma.

Consultare sempre il sito web di riferimento.

 

effettua il login con facebook

Categoria: Mostre e Cultura

Quando: Alle 10:00 dal 19-10-2017 al 07-01-2018

Dove: Museo Accorsi - Ometto - Museo Di Arti Decorative

Prezzo: € 8/6/4

Link: Sito Web dell'evento